Cerca

Il party del 15 gennaio: "Papi c'è, porta un'amica"

Nuove intercettazioni tra la Minetti, la Polanco e la Marincea: la festa viene annullata con l'indagine contro il Premier

Il party del 15 gennaio: "Papi c'è, porta un'amica"
Le ultime intercettazioni raccontano dei preparativi di una festa prevista per saabto 15 gennaio ad Arcore. Una festa annullata per l'incriminazione del Presidente del Consiglio: dopo il party del 6 gennaio, già noto grazie ai racconti di una testimone, ne era in programma un altro, per la settimana successiva. Ma le toghe sono intervenute, con il nuovo episodio della lunga persecuzione contro il Premier, e la serata non è stata più organizzata. Sul Corriere della Sera vengono però stampati i testi di quelle registrazioni: "Chi non c'è? Spin o Papi?". "Papi viene sabato". "Tu hai qualche amica carina che possiamo portare?". "Sì, trovo qualcuna. Fatto! Lei studia a Riccione e fa la modella, è una affidabile, sai che io sono molto attenta a queste cose...". A 'messaggiare' sono la consigliera regionale Nicole Minetti, la brasiliana Marystelle Polanco e l'amica Floriana Marincea (già vista a La pupa e il secchione). Lo Spin è il diminutivo per Giuseppe Spinelli, l'amministratore del 'portafoglio' di Berlusconi; Papi è il nome con cui viene chiamato lo stesso Premier.

"IL PREVENTIVO LO PORTI A SPINELLI" - La Polanco scrive alla Minetti: "Sono andata da Spin e mi ha dato giusto per l'assicurazione se tu mi dai l'assegno tu non puoi firmare dietro e lo porto in banca cavolo ho bisogno". La consigliera risponde: "Non dovevamo fare a metà? Anch'io ho bisogno. Ho speso un sacco di soldi ultimamente. Non puoi girarlo (l'assegno, ndr), è intestato a me, domani lo cam... Se vuoi stasera puoi passare da me e io ti anticipo i contanti!". La soubrette: "Domani devo pagare la visita medica e anche il lavandino". La Minetti propone: "Non pagare la visita, fatti dare il preventivo e lo porti da Spin".

"PORTO UN'AMICA AFFIDABILE E FIGA" - Alla conversazione viene aggiunta anche la Marincea. Si parla del party del 15 gennaio. La Polanco informa le due che "Papi viene". La protagonista de La pupa e il secchione assicura che c'è una nuova amica, "affidabile, bella figa", che "abita a Riccione, studia e fa la modella. E' una affidabile, tranquilla, piace sicuro. Sai che io sono molto attenta a queste cose". Ma il 14 i pm iscrivono il Premier nel registro degli indagati, il party è saltato. Riaprendo la persecuzione nei confronti del Presidente Berlusconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero

    02 Febbraio 2011 - 15:03

    non mi e' mai capitato di fraquentare case da appuntemento,viali della periferia,nonche' locali a luci rosse in Italia e all'estero,forse per mia sfortua:non loso.Certamente non ho mai notato presso questi siti,sportelli bancomat o sportelli bancari per mezzo dei quali effettuare bonifici o altre transazioni per i compensi dovuti.

    Report

    Rispondi

  • Franky63

    02 Febbraio 2011 - 14:02

    Nel 20o9 ho invitato una ragazza extracomunitaria (centroamericana), per circa due mesi, ho dovuto fare una marea di scartoffie, oltre una fideiussione bancaria di 3000 euro ed l'assicurazione sanitaria. Poi ho fatto una richiesta di proroga per un'altro mese e mi e' stata negata, per cui alla scadenza del visto e' ripartita per il suo paese. Adesso io mi chiedo, Ruby, quella brasiliana e le altre, con che tipo di visti arrivano, e poi con quale permesso soggiornano in Italia? Ed ora cosa faranno gli daranno la cittadinanza per meriti sportivi? E la Lega cosa ne pensa di tutto questo?

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    01 Febbraio 2011 - 15:03

    il sottoscritto non ha alcuna certezza nemmeno difronte alle sentenze passate in giudicato che possono affermare la verità processuale ma mai la verità assoluta. Questa appartiene all'Eterno, per chi ci crede, o a chi ha commesso o non commesso un determinato fatto. Lei fa bene a sottolineare il peccato di "certezza" in cui incorrono molti utenti del blog, ma questo peccato non riguarda solo chi sostiene la colpevolezza del premier "a prescindere" ma anche chi sostiene il teorema della "persecuzione giudiziaria" a prescindere. Una volta sgombrato il campo dai dogmi di schieramenteo ognuno può farsi un'opinione sulla base degli elementi a disposizione. Uno spirito laico e liberale, a mio avviso, non può criticare le certezze altrui imbottito di altrettante certezze. Cordialità.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    31 Gennaio 2011 - 16:04

    Ma è così facile fregarvi?Dei spezzoni di intercettazioni quà e là e voi mordete che è una meraviglia.Per voi non esiste il sospetto , solo certezze.Non c'è neanche più gusto , è troppo facile.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog