Cerca

Cav: "Italia in mano ai pm. Urne? Danno per il Paese"

Berlusconi alterna sorrisi e politica: "Voto anticipato significa instabilità". Poi la battuta: "Ora bunga bunga per tutti!"

Cav: "Italia in mano ai pm. Urne? Danno per il Paese"
E' un Silvio Berlusconi pimpante quello che festeggia i 40 anni della deputata del Pdl Pina Castiello. Scherza, stringe mani, scatta fotografie, canta in francese e condisce il tutto con battute sul buna bunga. Non mancano, però, dichiarazioni sullo strapotere delle magistratura e sulla complessa situazione politica.

SULLA MAGISTRATURA - Il Cavaliere affonda: "L'Italia si è consegnata alla magistratura", un vero e proprio "potere" le cui conseguenze, secondo i cittadini, "sono diventate qualcosa di indecente". Berlusconi poi rilancia: "Non ho alcun timore di questi processi perché le accuse non sono solo infondate ma addirittura ridicole. Si tratta di invenzioni", scandisce la parola, puntando il dito contro la procura di Milan, che non ha "alcuna competenza né territoriale né funzionale". La conclusione è semplice: "Si tratta di una violazione del sistema di legge molto grave".

VOTO ANTICIPATO -
Il Presidente del Consiglio parla anche dell'ipotesi di tornare anticipatamente alle urne. "Il voto anticipato sarebbe un danno per il Paese", spiega, "lo sottoporrebbe a un periodo di instabilitià su cui le agenzie di rating stabiliscono il proprio giudizio". Se mai dovrà esserci un nuovo governo, "io penso sarebbe comunque di centrodestra, si troverebbe in una situazione identica ma peggiorata da 4-5 mesi di instabilità. E a pagarne il prezzo sarebbero i contribuenti italiani". Il prezzo da pagare, avverte il Cavliere, coinvolgerebbe anche la riforma federalista cara alla Lega Nord di Umberto Bossi. L'iter della riforma, però, secondo Berlusconi è in dirittura d'arrivo: "Penso che il federalismo passerà. Con un pareggio (al voto alla "bicameralina" di giovedì, ndr) andremo avanti lo stesso perché la legge consente al governo di procedere".

"BUNGA BUNGA PER TUTTI" - Nella serata Berlusconi trova il tempo anche per parlare della crisi egiziana. "Mi auguro ci possa essere un passaggio a un diverso regime che sia indolore per la popolazione e che possa portare presto ad una conferma democratica". Poi, il tempo delle battute. Il premier introduce Peppino di Capri, presente alla festa e che ha cantato Champagne. Quindi il Cav ha manifestato la sua solidarietà alla moglie del cantante Sal Davinci poiché Cubana e quindi "scappata al crudelissimo Fidel Castro". Infine chiude la serata sarcastico: "E adesso bunga bunga per tutti!".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • advisor

    02 Febbraio 2011 - 22:10

    I magistrati e il csm dovrebbero rileggersi la costituzione Italiana . Loro che si riempiono la bocca della parola giustizia rispetto della costituzione e libertà del cittadino loro i magistrti sono i primi a violare le regole e la legge. Nessuno à il coraggio di chiedere spiegazioni dei loro benefit di favori che la loro posizione permette- concedono-scambiano-compensi di qualsiasi natura anche sessuale perchè no per aiutare amici -parenti-partiti di favore-e altro sapendo di violare la legge e di abusare del loro potere sapendo che tanto nessuno OSA pena rivolta alla SANTORO con REPUBBLICA-UNITA'-CORRIERE e quegli ignoranti( BERSANI-DALEMA-DIPIETRO E LA SX li posso capire sono loro che orchestrano il tutto ma FINI-CASINI ! ) che ancora fanno finta di non capire che stiamo andando incontro alla crezione di un governo non più VOTATO dai cittadini ma dai pochi con POTERE GIUDIZIARIO i quali poi si libereranno dei fu amici.SVEGLIA prima che sia troppo tardi bisogna Denunciare l'abuso.VF

    Report

    Rispondi

  • cerbiatta

    02 Febbraio 2011 - 19:07

    Grazie mille. A presto!! Un saluto affettuoso

    Report

    Rispondi

  • cerbiatta

    02 Febbraio 2011 - 19:07

    Caro giuseppe, ti ringrazio per le belle parole che mi hai indirizzato; è sempre un piacere sapere che anche in un blog c'è qualcuno che apprezza il tuo pensiero e, pur non condividendolo, lo rispetta. Non è mia abitudine aggredire le persone, conosciute e sconosciute, per le quali nutro sempre profondo rispetto a prescindere. Nel virtuale, al riparo con un nick che garantisce l'anonimato, purtroppo molti trasferiscono il proprio disagio del mondo reale, trascendono e offendono gratuitamente, svilendo il confronto stesso. Grazie ancora e cari saluti.

    Report

    Rispondi

  • igna08

    02 Febbraio 2011 - 19:07

    Bravo Presidente, a questo punto, l'arma vincente è il -sarcasmo- Buona la battuta : --ed ora bunga bunga per tutti--

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog