Cerca

Napolitano: "Rimango fuori da scontro politico"

Il Capo dello Stato risponde a chi gli chiede di prendere posizione. Poi l'appello: "Superare contrapposizioni". Governo: "Condividiamo"

27
Napolitano: "Rimango fuori da scontro politico"
"Non è il mio compito interferire nella dialettica politica". Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha sottolineato quelle che sono le sue competenze e ha risposto a chi vorrebbe che prendesse una posizione nello scontro politico che sta prendendo piede nelle ultime settimane.

"ISTITUZIONI PUNTO DI RIFERIMENTO" - "Le istituzioni sono il mio punto di riferimento e lo saranno fino alla fine del mio mandato. Poi c'è la dialettica delle forze politiche e sociali, ma lì non mi compete intervenire", ha spiegato Napolitano, accolto a Palazzo Frizzoni, sede del Comune di Bergamo, dove ha iniziato le celebrazioni per i 150 anni dell'unità d'Italia. Prima di salire nell'aula consiliare, Napolitano si è intrattenuto per alcuni minuti con il presidente della Regione Roberto Formigoni, quello della Provincia Ettore Pirovano e il sindaco di Bergamo Franco Tentorio.

"SUPERARE CONTRAPPOSIZIONE"
- Napolitano ha poi lanciato un forte appello alle forze politiche, affinché provino a uscire "da una spirale insostenibile di contrapposizioni, arroccamenti, prove di forza da cui può soltanto uscire ostacolato ogni processo di riforma". Anche perché il federalismo e le riforme per attuarlo sono "ormai giunte a buon punto", ricorda il Capo dello Stato: "È stato decisivo", continua, "e resta oggi decisivo un clima di corretto e costruttivo confronto in sede istituzionale". Dunque un appello ad uscire da una spirale di contrapposizioni e a recuperare nella riforma il senso della solidarietà.

PROVINCE
- Il Capo dello Stato ha successivamente rivendicato la tutela dell'unità nazionale che, sottolinea, "si esprime nel complesso delle istituzioni: le istituzioni sono il mio solo punto di riferimento". Napolitano, inoltre, ha difeso la validità delle province. Durante il saluto agli amministratori locali nell'aula consiliare della città lombarda ha dichiarato: "Al momento non sono state avviate ipotesi di riforma dell'architettura costituzionale sotto il livello regionale. La provincia in certe parti d'Italia è un'entità reale".

IL GOVERNO CONDIVIDE - Da Palazzo Chigi giunge un commento alle parole di Napolitano: "Il Governo - si legge in un comunicato - condivide pienamente l'appello del Capo dello Stato a interrompere 'una spirale insostenibile di contrapposizioni, arroccamenti, prove di forza da cui può soltanto uscire ostacolato ogni processo di riforma', con un riferimento esplicito al federalismo e al carattere 'decisivo di un clima corretto e costruttivo confronto in sede istituzionale'. La nostra condivisione non è di parte ed è esente da ogni strumentalismo. E pensiamo che debba essere quella di tutte le forze parlamentari e politiche responsabili. Questo non toglie nulla alla libertà e alla serietà del conflitto politico, ma restituisce al paese la capacità, offuscata da comportamenti extra o anti istituzionali e da qualche errore di tutte le parti in causa, di tornare alla politica, tornare ai contenuti più impegnativi della politica, quelli che riguardano i cittadini e l'interesse generale. Faremo la nostra parte - conclude la nota - con proposte positive nel prossimo Consiglio dei Ministri".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lucia elena

    09 Marzo 2011 - 18:06

    Dichiara che non è suoi compito entrare nello scontro politico?Ma se non sa fare altro che fomentarlo. E no caro signore non siamo scemi. Impari ad essere veramente super parte. Mi pare che l'età ce l'ha.

    Report

    Rispondi

  • pilugi

    03 Febbraio 2011 - 09:09

    Il Presidente continua con la "solfa" del "non è mio compito"!!! La maggioranza degli italiani sono costretti, quotidianamente, ad accollarsi compiti in esorbito alle normali incombenze, spesso in drammatiche circostanze. Credo sia ora che il nostro Presidente cominci a lavorare un pò di più ed inizi a sporcarsi le mani! Va bene la Costituzione da osservare, ma qualcosa in deroga si può fare. No????????

    Report

    Rispondi

  • wilegio

    wilegio

    03 Febbraio 2011 - 00:12

    ..se non è suo compito intromettersi nella dialettica politica, perchè continua a farlo ogni giorno che Dio manda in terra e ogni volta che apre bocca? E del suo ruolo di presidente del csm, cosa vogliamo dire? Dall'alto di quella carica, perchè non fa mai una piccola reprimenda ai pm, che spesso esagerano un po' e "si fanno scappare" qualche notiziola di troppo? Ah, già, mi scusi tanto... dimenticavo che sono suoi compagni, quindi "i buoni" sono loro, mica quel fascistaccio di Berlusconi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media