Cerca

Ruby, Ghedini: "Non esistono foto osè. Ora denunciamo"

I legali di Berlusconi smentiscono il Fatto: "Nessuna asta, se queli scatti ci sono, sono falsi". Carte tornate ai pm

Ruby, Ghedini: "Non esistono foto osè. Ora denunciamo"
Non c'è nessuna asta su presunte fotografie che ritrarrebbero Silvio Berlusconi svestito ed attorniato da ragazze. A riferirlo, in una nota, sono i legali del premier Niccolò Ghedini e Piero Longo, che smentiscono così le indiscrezioni pubblicate dal Fatto Quotidiano riguardo all'inchiesta su Ruby, il Cavaliere e le feste ad Arcore. "Se davvero fossero state offerte ai giornali foto siffatte - sottolineano gli avvocati - sarebbero da ritenersi sicuramente e palesemente false, frutto di montaggi e/o di manipolazioni, non essendo possibile che il presidente Berlusconi si sia mai trovato nelle situazioni descritte". Proprio per questo, Berlusconi per mano dei suoi legali ha presentato denuncia contro ignoti alla Procura e al Garante della Privacy.

SCATTI SGONFIATI - Si sgonfia, dunque, l'ennesima 'prova osè' sventolata sotto il naso del premier. Rimangono, dunque, solo le fotografie già messe agli atti dalla Procura di Milano e che il procuratore capo Bruti Liberati ha già avuto modo di definire del tutto "irrilevanti ai fini dell'inchiesta".  In quegli scatti, i corpi ci sono, i reati no e la pistola, anzi il pistolino fumante non ha in canna il colpo letale. Ragazze sì, magari situazioni imbarazzanti ma nulla che possa incidere sui castelli giudiziari. Ma tant'è: tanto fango, poco arrosto.
Considerato che la Camera ha definitivamente respinto la richiesta della Procura di Milano di autorizzazione a perquisire Spinelli, per i pm si profila un percorso ad ostacoli. Per prima cosa in queste ore i pm Ilda Bocassini, Piero Forno e Antonio Sangermano decideranno se inoltrare la richiesta di rito immediato per il Cavaliere, solo per il reato di concussione oppure anche per quello di prostituzione minorile, anche se, come ammesso Bruti Liberati, "non ci sono i tempi tecnici".

LA DIFESA DI MONIQUE - "Ruby e tutte queste altre ragazze sono poco per bene. Con me, il presidente Berlusconi si è sempre comportato da gran signore". La difesa del premier coinvolto nel sexy scandalo arriva da una sua vecchia pupilla, la presentatrice e showgirl olandese Monique Sluyter, ex protagonista di "Colpo grosso" e "Tutti Frutti" negli anni Ottanta e scoperta proprio dal Cavaliere.
La Sluyter si affretta a ridisegnare il 'suo' Berlusconi: "Mi ha sempre rispettata; mi ha aiutata a far carriera ma si è sempre comportato come un vero signore nei miei confronti". Nell'intervista rilasciata a Maria Cristina Giongo su Libero in edicola oggi, l'ex fotomodella ricorda il suo arrivo in Italia da 18enne e i primi contatti con il Premier e le serate ad Arcore: "Ci andavo proprio e solo come amica; lui cucinava gli spaghetti. Mangiavamo e basta. Ribadisco che con me è sempre stato un gentleman. Mai una parola fuori posto, uno sguardo che potesse farmi supporre che avesse altre intenzioni. Qui in Olanda lo descrivono come un uomo malato di sesso. Non posso crederci".
Il polverone, quindi, è dovuto più che altro alle ragazze che circondano il presidente: "Sicuramente si sono avvicinate a lui per il fatto che è famoso e ha tanti soldi; per cui hanno cercato di sfruttarlo per guadagnare più denaro possibile. Probabilmente ci sono stati anche ricatti, un po' come è capitato a Michael Jackson".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    06 Febbraio 2011 - 12:12

    Le foto non esistono. E se esistono sono finte. E in ogni caso non le potete pubblicare perche' c'e' la privacy (ma se non esistono? Boh?). Che bella strategia difensiva. Cosi' ci riesco pure io a fare l'avvocato difensore. E' da tanto che dubito della bravura di Ghedini, e questo non migliora di certo la mia opinione

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    05 Febbraio 2011 - 12:12

    Ha iniziato a raccontarci le barzellette(sceme)segno,che il cervello ha esaurito tutte le motivazioni con le quali riusciva a comporre qualche insulso concetto,la disperazione scioglie le celluline grigie,esaurite la quali il cervello va in apnea,e inizia un lungo periodo di farfugliamenti insignificanti,i quali si esauriranno nella scemenza totale!

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    05 Febbraio 2011 - 12:12

    lei sembra una innocua signora un po’ agée e tanto tanto dolce ma è più perfida della strega di Biancaneve: il manicaretto servito al piccolo gonzo fa sembrare la mela al veleno “zuccaro e giulebbe”. Complimenti e cordialità. Anima cattiva P.S. Non mi dica che lei riesce a tradurre vincenzalias in un qualsiasi linguaggio umano!

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    05 Febbraio 2011 - 11:11

    Già, è la stessa domanda che molte persone normali si chiedono,ma pare che al nostro quesito non ci sia alcuna risposta : non interessa. Questo è il punto. Ho assistito molti anni fa, come giudice popolare, a fatti, decisioni che mi parevano, allora, disgustosi, ma che paragonati all' oggi erano all' acqua di rosa. I giudici, al di là della questione Berlusconi, stanno dando il peggio di sè e mi riferisco a quei giudici di cui Lei parla, mentre i giudici politicizzati hanno avuto una paresi che li obbliga a stare sempre con il capo volto a destra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog