Cerca

Verdini: "I numeri ci sono. E adesso modifica art. 41"

Il coordinatore Pdl a Belpietro: "Federalismo e caso Ruby successo per il governo. Maggioranza oltre i 320 coi delusi Fli. Ora meno burocrazia"

Verdini: "I numeri ci sono. E adesso modifica art. 41"
"La maggioranza si amplierà ancora". Ne è convinto il coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini, ospite del direttore di Libero Maurizio Belpietro a 'La telefonata' su Canale 5.

Verdini, per molti lei è il vero stratega del Pdl, l'uomo che cerca i numeri in parlamento. E' così?
"E' il mio lavoro, c'è un grande senso di responsabilità in parlamento. Si dà poco valore a questo atteggiamento. Il paradosso è che chi non voleva le elezioni ora lo descrive in malo modo".
Qualcuno dice che oltre ai 315 voti ottenuti ieri sul caso Ruby alla Camera, ne possano arrivare altri, fino a quota 320 o addirittura 323...
"Sì. Intanto, se Berlusconi avesse votato saremmo arrivati a 316. In ogni caso il Fli doveva essere la terza gamba del governo e ora è ridotta ad opposizione. Ciò ha creato disagio al suo interno, ora ci saranno ripensamenti".
La Bicameralina ha bocciato il Federalismo, passato poi per decreto ieri sera. C'è la possibilità che il Quirinale non lo firmi?
"Non credo. Tutti sanno che le Commissioni bicamerali riflettono le maggioranze del parlamento, oggi però quella commissione non la rispecchia più a causa della spaccatura tra Pdl e Fli. Inoltre, la legge permette al governo di andare oltre il parere della commissione, quindi non vedo rischi od opposizioni da parte del presidente della Repubblica".
Però c'è nervosismo da parte della Lega. Lei ha detto che in Commissione è stato un pareggio e non una bocciatura. Ma c'è il rischio di anticipare le elezioni?
"La Lega si è battuta, mediando, per ottenere il federalismo. Tutto questo è stato poi buttato in politica, è diventata una battaglia per far innervosire la Lega, con il solo obiettivo di far cadere il governo".
Sull'economia, Berlusconi vuole accelerare sulle liberalizzazioni. Ma ci sono i numeri?
"Certo, l'articolo 41 ha degli aggrovigliamenti che portano a un eccesso di burocrazia. Tamponati i conti pubblici, nel momento peggiore di una crisi paragonabile solo a quella del 1929, ora dobbiamo impegnarci per lo sviluppo e la crescita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lroccafo

    04 Febbraio 2011 - 15:03

    Verdini con i numeri ci sa fare era quello che alla manifestazione del PDL a Piazza San Giovanni a ROMA aveva detto che erano più di un milione adesso dice 320 deputati Verdini é Bravo....

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    04 Febbraio 2011 - 15:03

    per quale motivo questo giornale si è giustamente interessato al caso FINI e alla casa di Montecarlo, dedicando numetrose prime pagine con articoli ed editoriali, facendo indagini e reportage vari e, sempre giustamente, insistendo per le dimissioni del Presidente della Camera e NULLA, dico NULLA sull'on.le Verdini, membro della famosa cricca e plurindagato per ipotesi di reato molto più serie di quelle che, del resto, non sono state nemmeno formalizzate nei confronti di Fini? Grazie.

    Report

    Rispondi

  • milleottocentosedici

    04 Febbraio 2011 - 13:01

    Ma non stava in galera?

    Report

    Rispondi

  • grambu

    04 Febbraio 2011 - 13:01

    Praticamente un delinquente che fa leggi. Ma non vi viene lo scrupolo che non sia proprio la persona più adeguata? O vi va bene pure lui, perchè legittimato da B.?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog