Cerca

Colle virtuoso, restitiuiti 15 milioni di soldi pubblici

Grazie alle politiche di risparmio, il Quirinale versa denaro al Ministero dell'economia

Colle virtuoso, restitiuiti 15 milioni di soldi pubblici
Circa 15 milioni di euro saranno restituiti dalla presidenza della Repubblica al ministero dell’Economia grazie alla politica di risparmio messa in atto dal Quirinale. E’ quanto emerge dalle note di bilancio pubblicate oggi sul sito della presidenza della Repubblica.

PRESIDENZA DA 48 MILIONI - Nella nota si precisa che la decisione è il risultato di quattro anni la cinghia è stata stretta sul Colle più alto di Roma. Ragion per cui i vertici della Presidenza ringraziano tutti gli impiegati. Dall'inizio del settenato di Giorgio Napolitano, il Quirinale ha speso circa 48 milioni di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valter29

    06 Febbraio 2011 - 21:09

    Bene, signor Presidente! Molti altri dovrebbero imitarLa. Ho invece la sensaione che Lei sia il solo. Peccato! Si può fare di più. Mi aspetto un ulteriore rispermio nel 2011. Forza, signor Presidente!

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    06 Febbraio 2011 - 12:12

    Il mondo, novella strategia dell'attenzione, è sincronizzato sugli Italici fatti (già...di casa nostra, purtroppo !!). Altra ciliegina...come per incanto Berlusconi "mischia"...ed apre a Storace, che con poco più dell' 1%, stimato da sondaggi (?), dà una pennellata di "vera" destra all'Esecutivo ed ai colori che mancavano (che sà da fà...pe conservà tutti gli onori ?)... E se ci fosse qualcuno che avesse da obiettare su un possibile tradimento della volontà degli elettori ?? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    06 Febbraio 2011 - 12:12

    L'Italia unita...alle prese con Federalismo...in salsa napoletana !! Il 150° anniversario dell'unità d'Italia...arrivato nel periodo più sbagliato...siamo al più "feroce"...tutti contro tutti...persino la Mercegaglia chiede che il 17 marzo, festa unificante...si possa lavorare. Con tutte le polemiche che lo hanno accompagnato, anche il Presidente Fini, accentua : questi sono giorni "non certo esaltanti per il pubblico decoro della politica"...e che sottolinea l'importanza della Costituzione come "fonte straordinaria di regole civili che può fare da alto riferimento per i cittadini nei momenti di smarrimento morale e ideale". Ciliegina sulla torta dei 150 anni...al pari delle prodezze e virtù virili e di spesa, fatte conoscere sul nostro 74enne Premier. (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • seve

    06 Febbraio 2011 - 11:11

    Mi complimento con il Colle , anche perchè data l'età sa benissimo che la longevità dipende molto dal mangiare poco e male . Le pensioni minime sono minime ma gli italiani sempre più longevi. Purtroppo sta circolando in Internet che le 1000 Bocche fameliche degli oligarchi si siano aumentata la paga di circa 1300 euro , mascherandola sotto emendamenti ermetici. E' vero? se fosse vero ,non si saziano mai ed il saccheggio fiscale continua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog