Cerca

Processo breve, Pdl: "Esame entro la settimana"

Lettera del capogruppo Costa in Commissione Giustizia: la legge è bloccato da gennaio

Processo breve, Pdl: "Esame entro la settimana"
Il processo breve torna all'ordine del giorno. Il capogruppo del Popolo della libertà in Commissione Giustizia della Camera Enrico Costa ha chiesto, con una lettera, di "accelerare" la calendarizzazione dei lavori di questa settimana sull'esame del ddl. Il provvedimento è dallo scorso gennaio nella Commissione presieduta da Giulia Bongiorno, in quota Futuro e libertà. Dopo numerose audizioni, questo provvedimento è rimasto bloccato ed è passato in secondo piano. Secondo quanto riferiscono fonti parlamentari, la richiesta sarà esaminata nell'ufficio di presidenza e il Pdl potrebbe portare la questione anche alla conferenza dei capigruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    08 Febbraio 2011 - 19:07

    Uno ha provato a fare come dici, gli è rimasto l'estintore in mano, e una camionetta dei cc lo ha asfaltato.Nel frattempo i pecoroni si sono dileguati.Vuoi fare come la Tunisia ? Accomodati.

    Report

    Rispondi

  • robe

    08 Febbraio 2011 - 17:05

    Se la legge dicesse che a partire dal primo gennaio 2012, e questo per dare il tempo alle procure e ai tribunali di adeguarsi, ammesso che ci siano i fondi, anche da un punto di vista tecnologico e in ogni caso questa legge non si applicasse ai processi in corso in nessun modo, dato che la giustizia non ha potuto ancora adeguarsi, certamente sarebbe auspicabile, ma non e' affatto cosi'. Questa legge infatti viene mandata avanti solo per annullare i tre processi che Berlusconi ha in piedi e lei non puo' non saperlo. Sfido il PDL a proporre una legge con le avvertenze che ho menzionato!

    Report

    Rispondi

  • robe

    08 Febbraio 2011 - 17:05

    Se la legge dicesse che a partire dal primo gennaio 2012, e questo per dare il tempo alle procure e ai tribunali di adeguarsi, ammesso che ci siano i fondi, anche da un punto di vista tecnologico e in ogni caso questa legge non si applicasse ai processi in corso in nessun modo, dato che la giustizia non ha potuto ancora adeguarsi, certamente sarebbe auspicabile, ma non e' affatto cosi'. Questa legge infatti viene mandata avanti solo per annullare i tre processi che Berlusconi ha in piedi e lei non puo' non saperlo. Sfido il PDL a proporre una legge con le avvertenze che ho menzionato!

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    08 Febbraio 2011 - 16:04

    E' ora che facciano qualcosa per la lunghezza dei processi, è una vergogna che si continuino a rimandare le sentenze senza mai venire a capo di niente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog