Cerca

La Tommasi: "Non sono una escort, mi drogano"

"Dipendo dal sesso, mi sciolgono qualcosa nei bicchieri". Inchiesta Napoli, gli sms di Sara a Berlusconi: "Spero che crepi". Perquisita la sua casa

La Tommasi: "Non sono una escort, mi drogano"
Sesso, veleni e ammissioni di private debolezze. Se il tritacarne della giustizia ad orologeria ha raggiunto un risultato, quello delle ultime ore è lo 'sputtanamento' di Sara Tommasi. La showgirl è finita al centro dell'inchiesta di Napoli a causa di alcuni sms inviati dalla soubrette a Silvio Berlusconi. Mercoledì mattina gli inquirenti hanno fatto perquisire la casa milanese della Tommasi, alla ricerca di elementi utili all'inchiesta partenopea, che indaga su un presunto giro di prostituzione e banconote false. Un'altra perquisizione è in corso nel'abitazione di Napoli di Vincenzo Saiello, noto come "Bartolo", impresario e presunto organizzatore di incontri erotici a pagamento tra i suoi collaboratori e la Tommasi.

La showgirl, laureata alla Bocconi e già vista in tv all'Isola dei Famosi, passerà alla (piccola e pruriginosa) storia per alcuni messaggi poco gradevoli inviati al premier, sia personali ("Spero che crepi") sia calcistici (sul milanista Ronaldinho, sua ex fiamma e ceduto da Berlusconi a gennaio al Flamengo). Forse, passera alla storia scandalistica anche grazie alle dichiarazioni rilasciate a 'Novella 2000' in edicola giovedì 10 febbraio: "Il mio problema è un impulso insopprimibile a fare sesso. Ma non sono una prostituta. E' che mi sciolgono la droga nei bicchieri...". Tra bucce di banana ("Certo, se un ministro mi offrisse 15mila euro... ma è solo un'ipotesi", si lascia scappare a proposito di proposte indecenti) e rivalità femminili ("La Minetti pensa solo ai soldi ed è malata di shopping") la Tommasi non esce proprio benissimo, e qui le toghe non c'entrano.

L'INCHIESTA - Le accuse alla ragazza, però, sono serie. Per la Squadra mobile della città partenopea la Tommasi sarebbe coinvolta in un giro di prostituzione e soldi falsi.  Sono stati messi a verbale alcuni colloqui telefonici tra la ragazza e Lele Mora, Fabrizio Corona e Massimo Giletti. Tra gli sms che avrebbe spedito la Tommasi, ce ne sono alcuni indirizzati al ministro della Difesa, Ignazio La Russa (tra cui una richiesta di incontro declinata dal ministro), e altri a Silvio e Paolo Berlusconi, che non hanno ricevuto risposta. Secondo le indiscrezioni, Sara Tommasi potrebbe essere convocata la prossima settimana dalla Procura di Napoli. Dalle indagini emergono incontri a pagamento organizzati a Napoli, ma anche a Roma e a Milano. I gestori del presunto giro di prostituzione si muoverebbero all'ombra del clan camorrista "Mallardo. La ragazza, però, ha la "colpa" di essere anche stata ospite di Silvio Berlusconi. Dalle intercettazioni sarebbe emerso che la starlette, almeno in una circostanza, sarebbe stata prelevata sotto la propria abitazione, a Roma, dalla scorta del premier. Palazzo Chigi ha seccamente smentito la circostanza. Ma tant'è: la Tommasi era intercettata e anche i colloqui tra lei e il presidente del Consiglio sono stati resi pubblici.

UN FIUME IN PIENA - Il 15 gennaio, quando diventa pubblica la notizia dell'avviso a comparire a Berlusconi, la Tommasi in cinque ore spedisce nove sms di insulti e minacce al Cavaliere. Per questo il pool di Napoli avrebbe rivolto la sua attenzione nei confronti di Berlusconi. La starlet sarebbe il trait d'union tra la scuderia dell'agente Lele Mora e la criminalità organizzata. Nell'intricata vicenda un ruolo lo avrebbe anche Fabrizio Corona, che coinvolge nel giro di donne anche Cecilia Rodriguez, sorella della ben più celebre Belen. Secondo gli inquirenti, le intercettazioni mettono a nudo i "contatti prestigiosi" di cui dispone la Tommasi. Ma poi spuntano i messaggi tra lei e Berlusconi, e il Cavaliere finisce nel mirino. Si passa da sms affettuosi inviati al Cav ("Amore ti ho mandato un pensiero da Licia. Spero tu kapisca questa volta") a messaggini furibondi ("Silvio vergognati! Mi hai fatta ammalare... paga i conti dello psicologo"). Soltanto una settimana dopo la starlet si "tranquillizza": "Amore perdonami ho visto solo ora la tua chiamata... Se posso fare qualcosa... Bacio grande". Pochi secondi dopo: "Mi sei mancato tanto. Spero tu mi possa richiamare presto. Ti amo ancora sai? Lady X". Tre giorni dopo - in concomitanza con l'accusa arrivata da Milano di prostituzione minorile - la Tommasi sbrocca: "Spero che crepi...", "Spero che il governo americano inizia a dare lustro a quello ignobile nostrano... la politica è una cosa seria non una barzelletta come l'hai intesa tu". Le minacce diventano farneticanti: "riprendi subito Ron (che sarebbe Ronaldinho, ndr) nella tua squadra di m... o ti faccio escludere da Obama dai Grandi del mondo" (i ben informati sussurrano che la Tommasi avessa avuto una relazione con Ronaldinho). E ancora: "Ci vuole una buona reputazione per governare!!! Anche tu fai festini Dinho deve tornare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • navepo

    19 Settembre 2011 - 11:11

    E' proprio vero il detto che : "Le donne si possono vestire a rate ma si spogliano sempre e solo per contanti". Una domanda mi sorge spontanea: Ma i genitori di questa brava ragazza dove sono? Esiste la frase " Mamma di putt...."? Sai a quante ragazze compresa "quella"che recentemente ha acquisito la casa di Montecarlo.

    Report

    Rispondi

  • golem78

    11 Giugno 2011 - 21:09

    Per favore, basta con questi festini di Arcore. Un po di dignità. Tanta gente fa fatica ad arrivare a fie mese. Così si perdono voti.

    Report

    Rispondi

  • ricciolidoro7

    15 Febbraio 2011 - 23:11

    se sa che le danno delle droghe che ci si incontra a fare con certe persone? mica le puntano una pistola??? cmq una cosa nn capisco:ogni sera ci sn donne che si prostutiscono per strada e nessuno fa niente, ora perchè queste sono indagate per prostituzione??'che differenza cè tra quelle di strada e loro? solo perchè hannoa che fare cn nomi conosciuti? se la prostituzione è reato allora lo dovrebbe essere per tutti e sparire anche quelle che sn per strada.e se è un reato come mai sn stati portati in tv quasi come trofei quei tras che si prostituiscono e che fanno la bella vita???insomma qua cè qualcosa che nn và...

    Report

    Rispondi

  • L. C. Svlla

    14 Febbraio 2011 - 10:10

    A quanti è capitato di avere un'avventura con una sbandata psicopatica? Questa è solo una delle tante, guardate che faccia da ebete che ha. Poi sempre la solita solfa "laureata alla bocconi"... ma che significa!??! Questa la dovevano mandare a zappare appena nata! Vergogna!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog