Cerca

Il Colle: "Basta tensioni o fine legislatura"

Nota del Quirinale: "Su incontro tra Napolitano e Berlusconi troppe fantasie". Dal premier nessuna 'minaccia' di piazza

Il Colle: "Basta tensioni o fine legislatura"
"Il Presidente della Repubblica ha insistito su motivi di preoccupazione, che debbono essere comuni, sull'asprezza raggiunta dai contrasti istituzionali e politici, e sulla necessità di un sforzo di contenimento delle attuali tensioni in assenza del quale sarebbe a rischio la stessa continuità della legislatura". Lo afferma in una nota ufficiale il Quirinale, che torna sull'incontro di ieri pomeriggio tra il presidente Giorgio Napolitano e il premier Silvio Berlusconi. "Sono state date sulla stampa legittime libere interpretazioni - sottolinea il comunicato del Colle - e in qualche caso anche ricostruzioni fantasiose perfino con frasi virgolettate in effetti mai pronunciate da nessuno dei due interlocutori". Smentita secca anche sulla possibilità di eventuali iniziative popolari da parte di Berlusconi, definite "mobilitazioni e reazioni di piazza che si è escluso di aver voluto e voler sollecitare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • valter29

    14 Febbraio 2011 - 23:11

    E come hanno risposto le sinistre? Con una manifestazione truccata in difesa della dignità delle donne. Tale manifestazione era contro Berlusconi e dopo il richiamo di Napolitano le organizzatrici hanno tentato il camuffamento parlando di dignità La dignità, al di là del sesso, la si conquista e la si difende con il proprio comportameno. Le fanciulle che sono andate ad Arcore non ne avevano e bramavano di andare a quegli incontri. Gli slogan scritti e urlati e la presenza massiccia degli esponenti della sinistra hanno dimostrato che era una manifestazione contro il premier doppiamente ipocrita: per lo scopo dichiarato e per la mncanza di bandiere. In una manifestazione in difesa delle donne mi sarei aspettato un forte richiamo alle situazioni di schiavitù presenti in certi paesi ma uesto non c'è stato nè ci poteva essere perchè l'obbiettivo era sempre Berlusconi. Con buona pace del nostro Napolitano.

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    14 Febbraio 2011 - 17:05

    e se, invece di lamentarti perché nessuno ti da risposte precise, cominciassi a rispondere tu a qualche interrogativo: A) chi ca**o ti credi di essere per far l’inquisitore d’accatto con le tue imperiose domandine a risposta obbligata? B) ma che risposta vuoi si dia ad un quesito noioso e scontato su flaccidumi e mutande come quelli che poni? C) credi davvero sinceramente di proporre qualcosa che somiglia ad un ragionamento? D) ti rendi conto che, con la pretesa di pontificare su ogni argomento, sei la macchietta del nuovo Veneranda, resa ancor più tragicomica dalla crudeltà degli anni? E) il tuo fine intuito ti ha segnalato che hai prepotentemente rotto i corbelli sporcando tutti – dicesi tutti – gli articoli con i tuoi tediosi esercizi di faziosità imbecille? Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    14 Febbraio 2011 - 17:05

    nemmeno i copia incolla ti riescono bene. Nessun presidente puo' sciogliere le camere se c'e' una maggioranza. Veniamo a prendervi con i forconi se lo facesse. Vero e' che lui e' komunista ed e' abituato ai golpe, ma qui vi facciamo un cesto tanto, e ricordati, siamo piu' di voi. Telefona, sembra che la direzione in via eccezionale ti dia anche il secondo premio del "deficientino d'oro"

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    14 Febbraio 2011 - 10:10

    Invece di dare l'altolà al Csm alla procura di milano, il Pdl dovrebbe abbassare i toni. Ma lei, da che parte sta? Ce lo chiediamo in molti, troppi, dopo le sue affermazioni. Si è mai visto in nessuna Repubblica civile che un pool di Magistrfati "politicizzati" all'insaputa del Ministro della Giustizia, si metta a ficcananasare nella vita privata di un Alta Carica dello Stato, dando in pasto a cani e porci intercettazioni vere, presunte. C'è più che mai bisogno di una riforma urgente, seria della Magistratura, per sitabilire un ordine che non c'è mai stato in casa nostra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog