Cerca

Barbareschi pizzica Fini: meglio Vendola di Silvio?

Il deputato Fli a Belpietro: "Io, Urso e Viespoli siamo delusi dalla linea politica. Il partito guarda alla sinistre e alle toghe". Sul Terzo Polo: "Non ci sarà"

Barbareschi pizzica Fini: meglio Vendola di Silvio?
"Se Fini preferisce Vendola e il Pd a Berlusconi e al centrodestra, evidentemente Futuro e Libertà non sarà più il mio partito. E come me, molti". Ne è sicuro Luca Barbareschi, deputato di Futuro e Libertà ospite del direttore di Liberto Maurizio Belpietro a 'La telefonata' su Canale 5.

Barbareschi, lei è stato l'uomo che ha scritto il manifesto di Fli presentato a Bastia Umbra, ma non era presenta a Milano. Perché?
"Diciamo che al manifesto ho partecipato insieme ad altre persone... Non sono d'accordo sulla linea, non è un problema di nomine, Fini può decidere la sua classe dirigente. Io pensavo però a un partito che funzionasse da stimolo a Berlusocni, non a quello che sta accadendo. Accordi a sinistra, un partito cavallo di Troia per una magistratura che combatto da Tangentopoli ad oggi...".
Quindi crede che dietro le parole del presidente di Futuro e Libertà ci sia l'intenzione di allearsi col Pd e Vendola?
"Non è un sospetto, è già un dato di fatto. Alcuni, come me, Viespoli e Urso hanno un'altra linea. Se la linea è quella di allinearsi con la sinistra, il partito non farà più parte della mia storia. Si può criticare Berlusconi ma bisogna tener conto anche delle cose buone fatte dal governo di centrodestra, come la riforma Gelmini che tra l'altro abbiamo votato".
Urso e Viespoli hanno minacciato l'addio. Cosa succederà?
"C'è molta perplessità, ognuno di noi ha storie diverse, alcuni di lungo corso devono misurarsi con una nuova classe dirigente che li sta scavalcando".
Usciranno dal partito?
"Tutto è possibile. A Bastia Umbra ricordo 7-8.000 persone, mi sono emozionato. A Milano invece c'è stata una scarsa affluenza e freddezza generale. Anzi, la standing ovation è arrivata sì, ma per Urso. Mi auguro che i leader ascoltino la base e non la prendano in giro".
Ci crede al Terzo polo?
"Sinceramente no, non è possibile una trasversalità così ampia".
In pratica, dalla ex Democrazia Cristiana agli eredi del Movimento sociale...
"Io, tra l'altro, del Terzo polo ho saputo in tv. Questo per dire della trasparenza del partito".
Non la convince l'organizzazione di Futuro e Libertà?
"Siamo andarti via in polemica con il 'partito del predellino'. Volevamo una classe dirigente scelta con più giustizia, ma se avremo il 'Predellino 2, la vendetta' non va bene. C'è molta confusione. Quando sul Secolo d'Italia ho letto interventi di Scalfari, Gad Lerner, Travaglio, lì ho capito che non era più il mio partito, qualcuno evidentemente voleva la benedizione culturale della sinistra al caviale...".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Peo

    15 Febbraio 2011 - 19:07

    Nel MSI c'ero dentro fino ai capelli, e non ho aderito più a nessun movimento dopo il suo scioglimento (o confluenza che dir si voglia). Ma seguo le vicende correnti. Questi di FLI dicono una quantità di sciocchezze, e non capisco come li si prenda sul serio, e non gli si sbatta in faccia la loro menzogna originaria. Avrei capito - e forse simpatizzato - per della gente che se ne andava dal PDL perché le storiche istanze di Destra non erano state recepite, o osteggiate, o cassate. Ma questi - Fini in testa - non hanno MAI detto nulla. Mai. Si sono appecorati per degli anni senza nulla chiedere e nulla fare e ora e solo ora tirano fuori rivendicazioni e sedicenti miti destrorsi. Patetici e ridicoli badogliani (che ai miei tempi era l'insulto peggiore). Ai vecchi e gloriosi tempi sarebbero volati giù per le scale di qualsiasi Federazione.

    Report

    Rispondi

  • Ettore Livorsi

    15 Febbraio 2011 - 18:06

    E' divertentissimo l'errore (un evidente lapsus freudiano!) che si legge nelle prime righe dell'intervista al deputato Barbareschi: " .....deputato di Futuro e Libertà ospite del direttore di Liberto...". Come certamente saprà il Direttore, nell'antica Roma i liberti erano...gli schiavi liberati! Appunto!! Questa è solo una battuta, naturalmente: molte cose serie si potrebbero invece osservare su di una figura ("figura" in tutti i sensi) come quella di Barbareschi, ed anche su quelli che ora, dopo la sua giravolta, lo additano interessatamente ad una certa parte della pubblica opinione, come persona seria, colta, onesta e credibile! Com'è triste tutto questo!

    Report

    Rispondi

  • Gabor Bonifazi

    15 Febbraio 2011 - 16:04

    Ognuno è un cantastoria/ tante facce nella memoria/ tanto di tutto tanto di niente/ le parole di tanta gente./ Tanto buio tanto colore/ tanta noia tanto amore/ tante sciocchezze tante passioni/ tanto silenzio tante canzoni./ (M. Castellacci/ F. Pisano, Sempre - 1973)

    Report

    Rispondi

  • daisy

    15 Febbraio 2011 - 14:02

    Tra un po' di giorni, dopo che gli avranno dato il contentino, se ne uscirà fuori che voleva vedere le reazioni come ha fato la volta precedente.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog