Cerca

Alfano si scalda: "Dimissioni del premier? No"

Caso Ruby, il ministro della Giustizia sulla decisione del Gip: "Non ha tenuto conto del voto della Camera. Berlusconi ha la fiducia del parlamento"

Alfano si scalda: "Dimissioni del premier? No"
Se qualcuno voleva una dimostrazione dell'autonomia della magistratura, è arrivata ancora una volta dalla Procura di Milano. Lo dice, tra le righe, il ministro della Giustizia Angelino Alfano, che commentando la decisione del gip di rinviare a giudizio Silvio Berlusconi sul caso Ruby, ha tirato in ballo il voto sull'autorizzazione a procedere alla Camera. "Il gip non ne ha tenuto conto Evidentemente no". Alfano non ha voluto fare polemica, ricordando come questo sia un tema "che attiene all'autonomia, la sovranità e l'indipendenza del parlamento", sottolineando però come "è ampiamente acclarata l'autonomia e l'indipendenza dei magistrati e non è certo il governo a intervenire per tutelare l'autonomia e l'indipendenza del parlamento".
L'opposizione ha subito chiesto le dimissioni del premier: nessun passo indietro, perché vale la "presunzione di innocenza". "Tutti gli indagati sono colpevoli e devono fare un passo indietro?". ha insistito Alfano. "Il presidente del Consiglio ha un forte mandato conferitogli dagli italiani, un mandato non nato occasionalmente, ma reiterato in almeno tre circostanze nelle più recenti elezioni". Una fiducia ribadita anche dal parlamento, in cui "numerose volte negli ultimi 30-40 giorni è stato ribadito" il sostegno al Governo, con una "netta prevalenza" sull'opposizione "in otto circostanze".
Su un eventuale conflitto d’attribuzione fra il parlamento e la magistratura, già sollevato dal capogruppo del Pdl Cicchitto, "io non posso interferire, sono il ministro della Giustizia: questi temi sono prerogativa di ciascun organismo costituzionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biemme

    18 Febbraio 2011 - 15:03

    Usciamo dalla dittatura dei magistrati che blocca l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    16 Febbraio 2011 - 16:04

    Ho sempre detto che sei sveglio , e si vede!

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    16 Febbraio 2011 - 12:12

    non ho tempo da perdere per inseguire i tuoi vaneggiamenti sulle identità di coloro che ti sputazzano perché dimostrano solo due cose: 1) non è vero che sei un laureato in lettere – 2) dai per scontato che anche gli altri abbiano le truffatrici consuetudini tipiche di voi kompagnonzi che nel tuo caso divengono addirittura parossistiche (termine quanto mai aderente, vero nini?). Mi interessa invece notare come un cultore dell’italiano prodigo di professorali reprimende qual sei si rivolga a Pasquino scrivendo "e di questo NE siamo tutti commossi". Non c’è che dire, un vero scrittore di vaglia! Anima cattiva P.S. Non parlar di galleggiamento tu che, per natura, NE sei l’esempio più conosciuto

    Report

    Rispondi

  • blu521

    16 Febbraio 2011 - 10:10

    Giusto,il perdono

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog