Cerca

Milleproroghe, passata la fiducia. Fli si spacca subito

Ora il testo va alla Camera. Nel partito di Fini ognuno vota come vuole

Milleproroghe, passata la fiducia. Fli si spacca subito
Il governo ha ottenuto in Senato la fiducia chiesta sul decreto Milleproroghe. I sì sono stati 158 e 136 i no. Quattro gli astenuti. A favore dell’esecutivo hanno votato Pdl e Lega, contro Pd, Idv, Fli, Udc e Mpa. In dissenso da Fli, Giuseppe Menardi non ha votato. Il decreto ora passa alla Camera per la seconda lettura che dovrà essere completata entro il 27 febbraio, quando scadranno i termini di conversione.

FLI SI SPACCA - L'esecutivo incassa così la fiducia a Palazzo Madama, ma dall'esito del voto emerge con certezza quello che già pareva altrettanto sicuro: Futuro e Libertà, il partito di Gianfranco Fini, è già spaccato in due. Oltre a Menardi, hanno votato contro, espimendo il loro dissenso dalla linea di Fini, Viespoli e Mario Baldassarri, ma anche Maurizio Saia e Giuseppe Valditara. Si è astenuto Francesco Pontone e non hanno partecipato al voto Maria Ida Germontani, Egidio Digilio, Candido De Angelis e Barbara Contini. "Avremmo voluto che questo provvedimento avesse contenuti più coerenti rispetto ad un percorso, soprattutto per quanto riguarda le questioni economiche, che insieme ad altri colleghi del gruppo avevamo prospettato", ha spiegato Menardi.

LE NORME APPROVATE - Tra le norme decise in seguito all'approvazione del decreto unico, spiccano i 200 milioni di euro (100 previsiti per quest'anno, il resto per il 2012) destinati alle popolazioni alluvionate in Veneto, Liguria, Campania e in Provincia di Messina. Agevolazioni anche per i terremotati dell'Abruzzo, dato che è stata sospesa la raccolta delle tasse non versate in scadenza tra il primo gennaio e il 31 ottobre di quest'anno. Sempre in favore degli Abruzzesi, è stato spostato il termine degli adempimenti tributari al 31 dicembre 2011. Tra le novità del Milleproroghe, l'introduzione del foglio rosa per mini-car e motorini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • libero

    18 Febbraio 2011 - 15:03

    la mia visione negativa,non vuole essere una presa di posizione pretestuosa:essa e' originata dalla cocente delusione che spesso mi assale per la perdita di speranza di ritrovarmi in un paese almeno civile come altri accanto a noi.Vede Ego 1,un mio professore di lettere,a suo tempo membro della prima costituente,mi diceva spesso che prima di parlare di filosofia bisogna avere la pancia piena,percio' nella mia modesta analisi dei risultati della politica,i pochi raggi di sole sono oscurati da tante nubi che non mi permettono di sperare nel miglioramento -spero di sbagliarmi,ma purtroppo i dati odierni attribuiscono un calo del 4% di redditi delle famiglie e la nostra classe politica ,per ora,e' compresa tra il peggio e il meno peggio,Saluti

    Report

    Rispondi

  • S.Winston

    17 Febbraio 2011 - 10:10

    Questo per me non sa manco cosa hanno approvato....vi sodomizzano e manco ve ne accorgete, ah già ma si sa che "lui non mette le mani nelle tasche degli italiani" no no....le tasse?cosa sono le tasse? ahahahahahah patetici....

    Report

    Rispondi

  • curcal

    16 Febbraio 2011 - 19:07

    Alla via cosi! vanti a tutta forza.

    Report

    Rispondi

  • ego1

    16 Febbraio 2011 - 17:05

    E' vero: c'è chi è sintonizzato solo sul positivo; ma è anche vero che lei è sintonizzato solo sul negativo. Credo che alla fine non ci sia molta differenza, quanto ad attendibilità, fra le due categorie di giudizi. Da un punto di vista del Governo c'è poi da osservare il buon risultato ottenuto in Senato e, per contro, lo sfaldamento della formazione finiana.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog