Cerca

Milleproroghe, Napolitano frena il governo

"Testo incostituzionale". Capo Stato chiede correzioni. Ma il dl scade domenica. Incontro al Quirinale con Cav e Gianni Letta

Milleproroghe, Napolitano frena il governo
Il presidente della Repubblica all'attacco del decreto Milleproroghe. Giorgio Napolitano ha scritto una lettera al governo per chiedere delle correzioni al decreto e una maggior collaborazione tra governo e Parlamento. La missiva è stata inviata per conoscenza anche al presidente della Camera, Gianfranco Fini, e al presidente del Senato, Renato Schifani. Fini ha letto il contenuto della lettera in Aula, che in seguito ha deciso di rinviare a mercoledi mattina alle 9.30 l'esame del decreto. Uscendo da Montecitorio, il leader di Futuro e libertà si è tolto il consueto sfizio di attaccare il governo dichiarando che la lettera di Napolitano "si commenta da sola".

IL TESTO DELLA NOTA -
Nella lettera, Napolitano ha criticato l'uso della questione di fiducia da parte del Governo, che "realizza un’ulteriore pesante compressione del ruolo del Parlamento". Non solo: "L'inserimento nei decreti di disposizioni non strettamente attinenti ai loro contenuti, eterogenee e spesso privi dei requisiti di straordinaria necessità e urgenza", ha ricordato Napolitano, "elude il vaglio preventivo spettante al Presidente della Repubblica in sede di emanazione dei decreti legge". Dunque l'inquilino del Colle ha dichiarato che "a fronte di casi analoghi, non potrò d’ora in avanti rinunciare ad avvalermi della facoltà di rinvio, anche alla luce dei rimedi che l'ordinamento prevede nell’eventualità della decadenza di un decreto legge".

COLLOQUIO AL QUIRINALE - Silvio Berlusconi nel pomeriggio di martedì ha avuto un incontro di una quarantina di minuti con il Presidente della Repubblica. Successivamente si è appreso che al centro del colloquio ci fosse l'emergenza in Libia, ma si è discusso anche delle osservazioni di metodo formulate dal Presidente della Repubblica sul Milleproroghe. In una nota diffusa al termine dell'incontro il Quirinale ha sottolineato: "Il presidente del Consiglio ha convenuto sui rilievi effettuati" da Napolitano "nella lettera oggi inviata a lui e ai Presidenti delle Camere in materia di decretazione d'urgenza". Il premier era salito al Quirinale accompagnato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta. In precedenza, il Cavaliere aveva ricevuto a Palazzo Grazioli i capigruppo Pdl e Lega a Camera e Senato. Alla riunione erano presenti anche il Guardasigilli, Angelino Alfano, e i legali del premier, Niccolò Ghedini e Piero Longo.

IN AULA - Nella giornata di venerdì, a Montecitorio si è tenuta la seduta dell'Aula che porterà al voto definitivo sul decreto Milleproroghe. Le opposizioni avevano annunciato battaglia dopo che il provvedimento - blindato con la fiducia in Senato - non ha potuto essere discusso nelle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera. Le opposizioni avevano fatto sapere di voler iscrivere tutti i parlamentari a parlare, nel tentativo di far decadere il decreto, in scadenza al termine della settimana (domenica 27 febbraio). Per arginare il blocco imposto dal fiume oratorio, la Camera ha votato in favore dell'interruzione della discussione generale del decreto Milleproroghe. I 'sì' accordati alla proposta mossa dal Pdl sono stati 290, contro i 261 'no'. Secondo le opposizioni, comunque intenzionate a sfruttare tutto il tempo che i regolamenti parlamentari consentono, il voto finale sul provvedimento potrebbe arrivare venerdì o sabato.

NAPOLITANO CONTRO TREMONTI -
I rilievi di Giorgio Napolitano, arrivati a pochi giorni dal termine per la conversione del decreto legge, mettono a repentaglio una serie di provvedimenti fiscali, tra i quali la possibilità di rateizzare i debiti tributari e la possibilità di sospendere i mutui ipotecari per l'acquisto di abitazioni. I provvedimenti del Milleproroghe riguardano anche la possibilità per le regioni di alzare le tasse in caso di calamità o emergenza rifiuti e incidono sul ricorso al licenziamento di precari e precari impiegati nel settore scolastico. Gli articoli del decreto riguardano anche la social card, la riscossione delle rate non versate dai terremotati dell'Abruzzo, editoria e televisioni locali. Il Milleproroghe - proposto in Italia nel 2005, 2006, 2007 e 2008 - in precedenza non è mai stato rigettato. Se i rilievi mossi da Napolitano si frapporranno alla definitiva conversione del decreto legge, a subire una bocciatura da parte del Quirinale sarebbero in primis le politiche del ministero dell'Economia guidato da Giulio Tremonti.

LA PROTEZIONE CIVILE - In precedenza, nella giornata di martedì, la Consulta Nazionale del Volontariato di protezione civile, in una lettera aperta indirizzata proprio al Presidente della Repubblica, aveva espresso "sgomento e preoccupazione", nel dettaglio, per la proposta di modifica della legge istitutiva del sistema di protezione civile contenuta in un emendamento al provvedimento approvato al Senato la scorsa settimana con il voto di fiducia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rocambole

    24 Febbraio 2011 - 17:05

    Ma che cavolo ne sa lui se il testo é costituzionale o incostituzionale. Certi rottami comunisti farebbero meglio a ritirarsi a vita privata e dare il becchime ai piccioni ai giardini della stazione.

    Report

    Rispondi

  • jarlaxle

    23 Febbraio 2011 - 19:07

    Secondo la mia umile opnione ha aspettato 15 giorni per avere il tempo di leggersi tutti gli articoli e tutti i commi aggiunti. Dato il numero di certo non esiguo, non faccio fatica a credere che ci abbia impiegato 2 settimane... Poi ognuno vede le cose con i propri occhi e la propria testa. Sarebbe il caso, magari, di attenersi ai puri fatti, non alle intenzioni, ai "credevo che..." o ai dictat della propaganda, ambidestra che sia.

    Report

    Rispondi

  • jarlaxle

    23 Febbraio 2011 - 19:07

    il pubblico ludibrio nei confronti di chi la ragione ce l'ha deve essere causato da un enorme senso di impotenza. Provi un po' a sentire il Nostro presidente se le dà qualche dritta... mi sembra arzillo per la sua età! E poi si faccia un favore, provi a sviluppare un pensiero suo, razionale magari, invece di ciarlare come un burattino. La Costituzione è, e speriamo rimanga, molto chiara, fatta di regole base, preticamente per cerebrolesi. Spero per lei che "tu sai chi" non la faccia diventare più complicata... come vorrebbe tanto!

    Report

    Rispondi

  • ALFONSOVITALE

    23 Febbraio 2011 - 18:06

    blu..... Ancora non ha risposto alla mia osservazione. Perchè il presidente ha aspettato 15 giorni prima di mandare la letterina? Poichè parla tanto che bisogna abbassare i toni non crede che in questo particolare momento una sapiente regia di napolitano avrebbe contribuito a ciò? oltretutto in questo decreto non c'era alcun articolo o comma che potesse far gridare allo scandalo.Si approvava subito e poi si potevano fare decreti delegati. Non era una soluzione migliore?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog