Cerca

La Lega Nord chiude sull'immunità: "Cav perseguitato, ma per tutti non va bene"

Bossi contrario a ripristinare lo scudo per i parlamentari. Sul federalismo: "C'è un patto elettorale. Se salta quello..."

La Lega Nord chiude sull'immunità: "Cav perseguitato, ma per tutti non va bene"
A chiudere la porta all'immunità parlamentare è la Lega Nord. Nel giorno in cui è cominciato il confronto nel governo sui provvedimenti in materia di giustizia, Umberto Bossi fa chiarezza sulla posizione del Carroccio. "La gente pensa che Berlusconi sia un po' perseguitato, quindi sarebbe d'accordo, ma per tutti i parlamentari no", e il riferimento del Senatùr è proprio all'idea di reintrodurre l'immunità parlamentare. La Lega Nord, la cui ascesa politica risale ai tempi di Tangentopoli, si mostra restia sulla questione, mentre invece spiana la strada sul processo breve: "Siamo d'accordo", ha chiarito Bossi, "vediamo nei prossimi giorni, i nostri ci stanno lavorando.

BOSSI: "SENZA IL FEDERALISMO..." - Il Senatùr si è poi dilungato sui rapporti politici con il premier: "Non vi dico niente contro Berlusconi. Tutti parlano, ma l'unico che dà i voti è Berlusconi", ha tagliato corto il leader leghista. Che però poi si lascia andare ad una frase sibillina: "Una volta abbiamo già fatto cadere il governo Berlusconi. Ma io sono pragmatico, e l'unico che mi dà i voti sul federalismo è lui". Poi Bossi si è detto favorevole a blindare la riforma con il voto di fiducia alla Camera: "Io la metterei. C'è un patto elettorale sul federalismo. Se salta quello...". A quel punto i cronisti hanno fatto ntoare a Bossi come porre la fiducia sulla riforma potrebbe azzerare le possibilità di dialogo con l'opposizione, e il leghista ha replicato: "Per vincere le elezioni devnono venire a casa nostra. Io al posto dell'opposizione sarei più furbo". Poi sulla maggioranza: "Sta crescendo, e per adesso si va avanti". E se ci fossero problemi causati dall'assedio giudiziario nei confronti del premier? "Speriamo che vada tutto bene", conclude Bossi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lisple

    03 Ottobre 2011 - 18:06

    l'immunità parlamentare può e deve rimanere solo per il reato di opinione. per i ladri ,i furbi, i mafiosei, gli stupratori, i faccendieri, etc ect ci deve esserci solo la galera. vergogna che questa casta diffenda l'indiffendibile. Lino splendore.Baci ai nostri "CARI" politici

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    18 Marzo 2011 - 18:06

    Si chieda perché l'incensurato ha diritto ad una prescrizione di favore. Uno sconto di pena puo' andare, ma che c'entra la prescrizione? Sarebbe come dire che un reato te lo perdono. Giustizia governativa buffona!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    24 Febbraio 2011 - 19:07

    Gaspa e poi Rotto, la modifica all'art. 68 è del 30.10.93 (G.U.) sotto la coalizione di governo DC, PSI, PLI, PSDI. Subito dopo le elezioni del 27 marzo 1994, Silvio Berlusconi gli chiede di abbandonare la magistratura e di entrare a far parte del suo governo come Ministro dell'Interno. Di Pietro si dimetterà dalla magistratura il 6 dicembre 1994. Di Pietro non c'entra niente

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    24 Febbraio 2011 - 16:04

    Sono perfettamente d'accordo con l'Umberto.. nel non volere la riproposizione dell'immunità parlamentare tout court...Ci possono essere altre strategie ed altre tecniche procedurali... per salvaguardare i politici (onesti)..dalle..pretestuosità e dai contorcimenti... di alcuni magistrati faziosi..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog