Cerca

Rai, Luca e Paolo: 'Ti sputtanerò' fa vacillare Masi

Il motivetto cantato alla prima serata del Festival mette nei guai il direttore generale. Domani il cda

Rai, Luca e Paolo: 'Ti sputtanerò' fa vacillare Masi
Nuove grane per Mauro Masi - il  direttore generale della Rai - per colpa del Festival di Sanremo. Nonostante il successo della kermesse dell'Ariston, il Corriere della Sera riferisce che il manager dell'azienda pubblica sarebbe nei guai a causa di "Ti sputtanerò", il duetto satirico di Luca e Paolo, cantato nella serata inaugurale del Festival, lo scorso 15 febbraio.

DUELLO IN CDA
- Secondo il Corriere, il numero dei due comici genovesi avrebbe indispettito Silvio Berlusconi. La furia del Premier si sarebbe notata anche per le parole di Antonio Verro, uno dei membri del consiglio di amministrazione della Rai. Verro infatti aveva lasciato intendere ripercussioni amministrative per la scelta dei due comici: "Il direttore generale mi ha dato rassicurazioni sul fatto che le questioni che in questi giorni hanno interessato la direzione artistica del Festival verranno portate all'attenzione del prossimo consiglio di amministrazione", ha affermato. Il duello tra Masi e Verro si consumerà domani, giovedì, giorno del prossimo consiglio d'amministrazione della Rai. La canzone di Luca e Paolo potrebbe persino essere l'ultima ratio per Masi, la cui presenza a Viale Mazzini è ormai poco tollerata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ggennaro

    23 Febbraio 2011 - 20:08

    Lasciate perdere il povero Masi, impotente nel gestire la Rai e incapace a provvedervi se non che con telefonate in diretta come per dire alla politica: io ce l’ho messa tutta, son loro che non vogliono venire. Esattamente come nella barzelletta dei prigionieri. Detto ciò mi fa specie che il PDL chieda la rimozione di Masi per aver portato al festival di Sanremo la satira dei due comici contro il premier. Dicono che il cavaliere è arrabbiato. Ma come dico io? Ma se sono suoi dipendenti di Mediaset! Li licenzi intanto dalle sue reti. Siamo al paradosso. Personalmente mi trovo a dover difendere Berlusconi nel bar che frequento quando invece lui riempie Zelig di comici e presentatori che ne fanno continuamente una macchietta. Quei due comici sono le iene di una sua trasmissione! Allora che vada al diavolo!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    23 Febbraio 2011 - 19:07

    vergognosa una TV di Stato, che organizza finanzia e sponsorizza, un linciaggio contro il governo la RAI non è di stato: è del Parlamento, quindi di tutti gli Italiani e di tutte le opinioni. O vuole magari una televisione come la coreana, la libica, la Iraniana e via omologando?

    Report

    Rispondi

  • tony buatta

    23 Febbraio 2011 - 19:07

    ma tutto quell'ambientaccio e carrierismo tipico di certa gentaglia che abita in RAI, riceve stipendi da emiri arabi e si serve di una becera politica, di un'iscrizione ad un partito, che indossa un grembiulino per far fuori solo persone oneste... tony

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    23 Febbraio 2011 - 18:06

    mi sembra incredibile che qualcuno possa ancora cascare in una farsaccia abusata e stantia come quella di mario modern: più bietoloni di così si muore (o si è Gargamella PierluGigi)! Anima cattiva

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog