Cerca

L'Espresso e Santoro, ecco i nuovi amichetti di Fini

Il futurista attacca Berlusconi: sfrutta il settimanale e 'Annozero', ma per il Foglio pensa alle dimissioni

L'Espresso e Santoro, ecco i nuovi amichetti di Fini
Gianfranco Fini si sta liberando di un peso. Il presidente della Camera può finalmente sparare a zero su Silvio Berlusconi, suo nemico dichiarato, per due motivi: il primo è che si è scelto nuovi amici, comodi megagoni, l'Espresso e Michele Santoro. Secondo, perché come riportato dal Foglio di Giuliano Ferrara, il leader di Futuro e Libertà starebbe pensando alle dimissioni dallo scranno di Montecitorio. Sarebbe questione di giorni, se non di ore.

L'ANNOZERO DI GIANFRANCO - Ecco perché Gianfranco ha passato una giornata intera, quella di oggi, a massacrare il premier. Tra poche ore inververrà, intervistato, ad Annozero su Raidue.  L'anticipazione è succulenta: "Eletto dal popolo non significa unto dal Signore", ha detto Fini pizzicando il Cavaliere. Critiche anche per il suo rapporto con Gheddafi: "C'è stato certamente un eccesso di accondiscendenza, siamo arrivati anche a forme abbastanza ridicole come il bacio che Berlusconi ha ostentatamente fatto all'anello di Gheddafi".
Il tema centrale, però, è tutto sulla politica interna. "Se Berlusconi si dimette, io seguirò", ha ribadito il leader Fli. "Io non sono diventato presidente della Camera perché ho vinto un concorso. Quando si votò nel 2008, ci fu un accordo politico-elettorale tra me e Berlusconi, che prevedeva che in ogni lista, capolista era Berlusconi e numero due era Fini. Prevedeva inoltre che se vincevamo, e vincemmo, lui andava a Palazzo Chigi, e io andavo a Montecitorio". Insomma, uno scambio di favori: "Credo di poter dire senza presunzione che Berlusconi è presidente del Consiglio anche per quei voti che il mio personale impegno, la mia faccia, ha portato a quella lista. Nello stesso momento in cui si rompe quel patto - e quel patto checchè ne dica lo ha rotto Berlusconi quando mi ha messo alla porta - io sono pronto a dimettermi da presidente della Camera. Lo farò nello stesso momento in cui Berlusconi si dimette da presidente del Consiglio".

ESPRESSO NERO BOLLENTE - Fini ha scelto anche un'altra platea per esibirsi nei suoi strali. E' quella, altrettanto d'opposizione al governo, dell'Espresso. Sul settimanale di De Benedetti in edicola domani, il fondatore di Futuro e Libertà si sbottona in un'appassionata intervista, in cui rivendica la sua voglia di futuro: "Mi sento in battaglia, fermamente intenzionato a combattere per un'altra idea di centrodestra". Di fronte alle numerose defezioni in Futuro e libertà - il gurppo in Senato si è liquefatto - Gianfranco spiega che "saranno gli elettori a dire alla fine se questa idea ha cittadinanza. O se l'unico centrodestra possibile in Italia è quello di Berlusconi e di Bossi". Gelide le considerazioni su chi se ne è andato da Fli scegliendo un'alternativa politica di centrodestra. "Un delirio: frutto di allucinazione collettiva, o di malafede", questa l'unica spiegazione che riesce a dare il presidente della Camera nell'intervista rilasciata ai nuovi amici del centrosinsitra e intitolata "Futuro e dignità".  Immancabile un accenno sul caso Ruby. "Non è nè saggio né giusto auspicare che Berlusconi possa essere costretto a rassegnare le dimissioni per via giudiziaria. Berlusconi va sconfitto politicamente, con le elezioni". Praticamente, le stesse parole di Matteo Renzi. Del Pd. Una posizione da antagonista, come sul conflitto di interessi. "Esiste, lo sa bene anche la sinistra che quando ha governato ha ignorato la questione, in una fase in cui la messa all'indice di chi si oppone diventa il tratto distintivo, contrastare il gigante comporta gravi rischi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • diocleziano48

    29 Marzo 2011 - 10:10

    Io mica mi sentirei tanto tranquillo dell'amicizia di Gianfry Montecarlo. Questo tradisce tutti e porta pure sfiga..

    Report

    Rispondi

  • totocer41

    04 Marzo 2011 - 17:05

    Anche il "cameragno " Fini si adegua al vezzo italiano del non dimettersi mai,meglio così : più a lungo sta attaccato allo scranno e più danni farà: a se stesso ed al suo partitucolo. Per la gioia di Berlusconi e della grande maggioranza degli italiani.

    Report

    Rispondi

  • ragehard

    03 Marzo 2011 - 20:08

    BASTA....non se ne puo' pi' di sentire questo costante impegno a scagliarsi contro FINI....non sopporto piu' ne lui ne voi....ritornate a fare il quotidiano di informazione e argomentate, confrontatevi, discutete proponete...sto gioco al massacro mi ricorda quando ero bambino all'asilo....CHE DUE SCATOLE (...si potra' ancora dire? Non mi ricordo piu' se siamo nella fase puritana, stile Marrazzo, o in quella libertina...mah.....)

    Report

    Rispondi

  • ADIP28

    01 Marzo 2011 - 19:07

    No0n passerà molto che sbucherete fuori pure dal mio Tv ! Mi raccomando, se ci riuscirete.....portatevi pure qull'infame traditore e tutta la combriccola rossa....avete voglia a correre....!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog