Cerca

Brunetta: riforma fiscale entro un anno e mezzo

Il ministro della Funzione pubblica da Belpietro: "La regola è la semplificazione. Faremo lo stesso con imprese e giustizia"

Brunetta: riforma fiscale entro un anno e mezzo
"Semplificazione: così l'economia può riprendersi". Il ministro per la Funzione pubblica Renato Brunetta detta la sua ricetta ospite del direttore di Libero Maurizio Belpietro a 'La telefonata' su Canale 5.

Ministro Brunetta, giovedì si incontrerà con i colleghi Tremonti, Sacconi e Romani
per mettere a punto il piano di rilancio dell'economia. Darete la tanto attesa frustata?
"Ci riuniremo anche con Alfano perché tratteremo materie di giustizia. Due ordini di provvedimenti: la riforma costituzionale e la parte ordinaria, a cominciare dall'informatizzazione".
Che ricadute avrò sull'economia?
"
Faccio un esempio. Con la giustizia online, civile e penale, i processi si ridurranno di un terzo, come già avviene a Milano con la notifica elettronica. Da 8-9 anni a 6 anni: e questa è una misura economica".
Ci sono misure per le imprese?
"Sono in definizione due provvedimenti di semplificazione: l'antincendio e l'ambiente. Le imprese sono ammazzate dalle scartoffie che devono preparare in campo ambientale. Ora renderemo più facile la vita a 2 milioni di imprese".
Ma sull'ambiente le imprese rispetteranno le norme?
"Noi procediamo sulla strada della semplificazione. Una cosa è la burocrazia stupida. Altra cosa è compilare un foglio e rispettare la legge".
In queste riunioni si parlerà anche di riduzione delle tasse?
"Il tavolo presso il ministro Tremonti per la riforma fiscale è stato attivato ad ottobre, dovrebbe produrre un disegno di legge delega per delegare il governo a produrre la riforma fiscale entro la fine della legislatura. Sono tre le linee guida: semplificazione, passaggio da tassazione delle persone a quella delle cose e dei consumi e riduzione del numero di aliquote. Tra un anno, un anno e mezzo cominceranno i decreti legislativi che renderanno costruita e operante la riforma".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    03 Marzo 2011 - 14:02

    sono 17 anni che il Suo dominus annuncia riforme fiscali. Anche se, purtroppo, ci sono ancora tanti boccaloni che ci credono, abbia la bontà di considerare che non tutti sono così deficienti da credere alla befana.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    02 Marzo 2011 - 11:11

    Già introducendo lo scarico dagli imponibili dei privati delle bollette e delle parcelle e fatture ci sarebbe un controllo dell'evasione e un aumento nelle disponibilità dei cittadini..... E TUTTO SENZA CHE CI SIA BISOGNO DI UNA VERA RIFORMA..... ma ai pedestri della politica, che vivono di professioni, questa soluzione non è mai piaciuta, vero ?

    Report

    Rispondi

  • curcal

    02 Marzo 2011 - 08:08

    cari amici in Italia per sradicare certe abitudini e certi andazzi ci vuole la dinami te e la ruspa e tanta pazienza da martello pneumatico. Le lobby, gli interessi di ca ste, professioni e politici che remano contro sono tante. Importante è iniziare e da re una svolta ed apportare gli aggiustamenti in fase d'opera. Ogni cambiamento comporta sempre scompensi e malcontenti, veri o di convenienza. Accontentare tutti è pura utopia.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    01 Marzo 2011 - 18:06

    non devono forzatamente essere scelti tra gli arrampicatori. Si può fare di meglio, l'Italia ha di meglio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog