Cerca

Casa Montecarlo, l'archiviazione può aspettare

Fini trema ancora: il Gip di Roma non manda in soffitta l'inchiesta sull'appartamento monegasco abitato da Giancarlo Tulliani

Casa Montecarlo, l'archiviazione può aspettare
Sul caso Montecarlo l'archiviazione non è scontata e Gianfranco Fini trema. Il presidente dei gip di Roma, Carlo Figliolia, al termine di un'udienza camerale, si è riservato di decidere sulla richiesta avanzata dalla Procura in merito alla vicenda dell'appartamento del Principato monegasco abitato da Giancarlo Tulliani, fratello della compagna del leader di Futuro e Libertà, Elisabetta. La decisione sarà presa nei prossimi giorni.

INDAGINE PER TRUFFA -
Nell'inchiesta Fini e il senatore Francesco Pontone sono indagati per truffa. Nell'udienza di mercoledì che si è svolta nell'ufficio del presidente Figliolia, la Procura è stata rappresentata dall'aggiunto Pierfilippo Laviani, che ha svolto le indagini giungendo poi a concluderle con la richiesta di archiviazione ribadita anche oggi. Fini è stato rappresentato dagli avvocati Giuseppe Consolo e Francesco Compagna mentre Francesco Pontone è stato rappresentato dall'avvocato Ettore Stravino. Presenti anche i due esponenti della Destra Roberto Buonasorte e Marco Di Andrea, assistiti dall'avvocato Mara Ebano, che con la loro denuncia avevano provocato l'apertura dell'inchiesta.

RICORSO IN SEDE CIVILE -
Dopo l'udienza Marco Di Andrea prendendo atto che la Procura di Roma con la richiesta di archiviazione ha in sostanza sottolineato che la vicenda non presenta aspetti penalmente rilevanti ma che si possono evidenziare profili di responsabilità civile nella vendita dell'appartamento di via Princesse Charlotte a Montecarlo, ha confermato che in caso di archiviazione la questione sarà riproposta in sede civile. "Il nostro impegno andrà avanti comunque", ha spiegato Di Andrea. "Lo stesso procuratore Laviani ha detto oggi, secondo noi, che c'è spazio per iniziative al tribunale civile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gicchio38

    16 Luglio 2011 - 10:10

    Sul caso Montecarlo l'archiviazione non è scontata e Gianfranco Fini trema. Il presidente dei gip di Roma, Carlo Figliolia, al termine di un'udienza camerale, si è riservato di decidere sulla richiesta avanzata dalla Procura in merito alla vicenda dell'appartamento del Principato monegasco abitato da Giancarlo Tulliani, fratello della compagna del leader di Futuro e Libertà, Elisabetta. La decisione sarà presa nei prossimi giorni. INDAGINE PER TRUFFA - Nell'inchiesta Fini e il senatore Francesco Pontone sono indagati per truffa. Nell'udienza di mercoledì che si è svolta nell'ufficio del presidente Figliolia, la Procura è stata rappresentata dall'aggiunto Pierfilippo Laviani, che ha svolto le indagini giungendo poi a concluderle con la richiesta di archiviazione ribadita anche oggi. ORAMAI IL PICCOLO DUCE ANCHE SE CERCA DI NASCONDERSI DIETRO LE GONNE DELLA COMPAGNA, AVRA' IL PANE, O MEGLIO, LA PENA CHE SI MERITA. NON PENSO CHE TUTTI I GIUDICI D'ITALIA LO GRAZIERANNO.

    Report

    Rispondi

  • dondolino

    03 Marzo 2011 - 09:09

    se questi fossero onesti dovrebbero creare una società di questi beni immobili truffaldini ecc.ecc. icui affitti vadano a sostegno degli immigrati.

    Report

    Rispondi

  • kywest

    03 Marzo 2011 - 09:09

    Cattofascista/dipietrista o Casinista?

    Report

    Rispondi

  • rugantino

    03 Marzo 2011 - 09:09

    mi sembra di assistere al gioco dell'impiccato, ormai il gianfry la corda al collo ce l'ha, visto che si tratta di persona per nulla affidabile fa' bene il ' bravo' della sacra aggiustizia unita a tirarla ogni tanto; su gianfry, comportati secondo i (non) taciti e palesi accordi, guai a te se diventi complice della secolare tentata riforma dell'aggiustizia, che non avverrà mai! Occorre rilevare che in definitiva in itaglia si può frodare,fregare,arrubbare e via discorrendo, ma sempre sotto il vigile controllo dei nostri magistrati; si rischiano guai seri ad essere invisi a tale casta, lo dimostrano le recenti archiviazioni dell'aggiustizia romanika che ha scagionato una sfilza di 'sfortunati' amministratori (toh, di sinistra!! che caso!) dell'ultimo decennio dediti al saccheggio delle casse capitoline in tema di trasporto pubblico, tutto csancellato! Ed il cittadino itagliota romaniko, da oggi federalista, pagherà felicissimo per tali eredità!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog