Cerca

Libia, Napolitano: "L'Italia ha posizione umanitaria"

Il Capo dello Stato: "Spero in coincidenza di vedute con Ue. Allarme per dati disoccupazione". Su caso Ruby: "C'è libertà di informazione"

Libia, Napolitano: "L'Italia ha posizione umanitaria"
Mattinata piena di impegni per il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il Capo dello Stato si è prima recato nell'ospedale 'Forlanini' di Roma dove ha inaugurato, insieme al ministro della Salute Ferruccio Fazio e al presidente della Regione Lazio Renata Polverini (nella foto), un nuovo centro per malati terminali. Poi è tornato al Quirinale per un incontro con il suo omologo cileno Sebastian Pinera. Al 'Forlanini', dopo essere stato acclamato dai pazienti e dai familiari, Napolitano ha parlato di biotestamento e ha escluso ogni suo possibile intervento in materia, dicendo che "se ne occuperà la Camera". Salito al Colle, al termine dell'incontro con Pinera, ha parlato di Libia definendo "umanitaria e non difensiva" la posizione italiana. Per quanto riguarda quella dell'Ue, invece, "siamo sicuri di trovare una coincidenza di vedute nelle prossime riunioni in sede europea", perché l'Unione "deve accelerare la politica comune di asilo e una comune politica di rilancio e sviluppo di questi Paesi".

CONTI PUBBLICI E DISOCCUPAZIONE - Il Capo dello Stato, poi, ha parlato anche di conti pubblici in questo periodo di crisi: "C'è stata una prova di serietà evitando l'esplosione del debito pubblico", ha affermato. Quindi ha lanciato un allarme dopo i dati sulla disoccupazione arrivati martedì dagli istituti di statistica italiano ed europeo: "E' molto preoccupante - commenta Napolitano - la carenza di prospettiva per i giovani. Bisogna quindi trarne le conseguenze e adottare un’azione efficace attraverso politiche specifiche e appropriate, di cui il governo si sta occupando, e politiche di carattere generale, con l’intensificazione di una politica di crescita che ormai da anni procede ad un ritmo insoddisfacente".

CASO RUBY - Infine, rispondendo a una domanda di un giornalista cileno se non sia infastidito dai titoli quotidiani dei giornali sul caso Ruby contro il premier Berlusconi, Napolitano ha detto: "Ognuno si regola come crede. Io credo che si dovrebbe dire come il nostro Paese si comporta nelle prove che quotidianamente supera. Non posso certo dire a nessun giornale del mondo quali notizie dovrebbe dare sull'Italia. C'è libertà di informazione".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    03 Marzo 2011 - 12:12

    Pur essendo il più bravo a pontificare, non risulta che abbia mai accolto nessuno in casa propria o in strutture dei quali sia proprietario. Eppure col suo stipendio se li può ampiamente permettere. Ma è così facile esser buoni coi soldi altrui...

    Report

    Rispondi

  • boss1

    boss1

    03 Marzo 2011 - 11:11

    hai detto tutto e non hai detto niente come al solito.tira il sasso e nascondi la mano. bravo.

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    02 Marzo 2011 - 22:10

    Praticamente la stessa posizione che lui e i compagni presero nel 1956 durante la rivoluzione Ungherese. Molto umanitaria! I buffoni rossi sono sempre coerenti!

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    02 Marzo 2011 - 22:10

    Da buon comunista aspetterà per vedere come si mettonole cose. Se Gheddafi dovesse riprendere quota vedremmo l'inversione ad U dei buffoni rossi. Come diceva Togliatti :"La coerenza dei cialtroni sta nell'essere cialtroni fino in fondo".

    Report

    Rispondi

blog