Cerca

Federalismo, scontro tra Governo e Regioni

Il presidente della conferenza Errani: "Accordo ancora non onorato". Calderoli: "Rispetteremo impegni"

Federalismo, scontro tra Governo e Regioni
Il presidente della conferenza delle Regioni Vasco Errani riaccende lo scontro con il Governo. E mette in atto un vero "strappo". Tornando sull'accordo firmato lo scorso 16 dicembre con il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli, Errani ha detto che quella firma deve essere concretizzata "rapidissimamente", perché si tratta "di un punto molto importante e la situazione è molto critica". L'accordo, che ha portato le Regioni a dare l'intesa sul decreto di attuazione del federalismo che le riguarda, riguarda il finanziamento del trasporto pubblico locale e i tagli previsti dalla manovra. A margine della conferenza Stato-Regioni, Errani (nella foto) ha parlato con i giornalisti e ha spiegato: "Visto che il governo non ha ancora onorato l’accordo di dicembre, che comprendeva anche il federalismo regionale, per noi quell'accordo non c'è. Ciò significa che il governo deve rapidissimamente deve far fronte agli impegni che abbiamo condiviso".

LA RISPOSTA DI CALDEROLI - "Il governo ha raggiunto un’intesa con Regioni, Comuni e Province, sul decreto sul federalismo regionale e provinciale, ad una serie di condizioni che il governo intende rispettare completamente. Pertanto, il problema sollevato dal governatore Errani non si pone": così si è espresso il ministro Calderoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    07 Marzo 2011 - 10:10

    urge organizzare una colletta per regalare un GPS al pasquino, cosicché possa ritrovare il cervello caduto in qualche tombino.

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    05 Marzo 2011 - 23:11

    Non conosco i termini dell'accordo Stato-Regioni, ma una cosa posso dire ed è che gli accordi vanno rispettati altrimenti si perde di credibilità. Se non si è sicuri di poter rispettare gli impegni presi non bisogna impegnarsi. E' come ordinare un lavoro e poi rimandare il pagamento alle famose calende greche. Mi auguro che gli accordi in questione siano presto onorati, altrimenti chi li ha fatti e non li ha rispettati perderà la faccia e l'onore.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    05 Marzo 2011 - 12:12

    anche Formigoni ha espresso le stesse considerazioni di Errani.

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    04 Marzo 2011 - 09:09

    Voi komunistoidi siete veramente degli stoici. Ai ranghi di comando avete sempre messo i piu' spocchiosi, beceri ignoranti e truffaldini, fra tutti i tesserati. Fatevi un po' di conti, errani, bersanosky, scheletrino, baffetto,ventolo, luxuria,turko, bindi,visco, prodi azzzarola, gli unici che non hanno un minimo di intelletto e un minimo di voglia di costruire.Li avete dovuti cercare o erano di passaggio? Fateci caso, peones, voi dovete essere sempre per tutta la vita presi per il k@@o. Dimenticavo franceschini, l'omino con la costituzione scritta dal padre, che non rispecchia la vera (cosa loro, famigliare). Se voi dovrete essere la parte che vorrebbe governare, sappiate che non vi riuscira' piu'. Liberatevi dei rottami, date retta a Renzi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog