Cerca

Firme, Pd fregato ancora. Iervolino resta per un vizio di forma

Cavillo legale nella mozione di sfiducia: Rosa rimane sindaco. Per la sinistra è un autogol (mancato)

Firme, Pd fregato ancora. Iervolino resta per un vizio di forma
Ennesimo colpo di scena per il Comune di Napoli ed ennesima gaffe del Partito democratico. Le dimissioni del sindaco partenopeo Rosa Russo Iervolino, rese possibili ieri da un voto di sfiducia della sua stessa maggioranza, sono state scongiurate all'improvviso nella notte: per un vizio di forma di una firma la procedura di scioglimento del Consiglio comunale di Napoli è stata interrotta. 

I VOTI NECESSARI
- Resta comunque l'incertezza sul futuro del Consiglio comunale. L'opposizione di centrodestra, se vuole proseguire sulla strada dello scioglimento anticipato, deve ripresentare le 31 firme. Ma, voci di palazzo pongono qualche dubbio sulla resistenza di tutti e 31 nel voler apporre la firma nell'elenco di coloro che vogliono lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale. In sostanza qualcuno potrebbe rientrare e rivedere la propria decisione iniziale di mandare a casa l'amministrazione comunale. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    10 Marzo 2011 - 00:12

    Il consiglio comunale di Napoli va sciolto d'ufficio per infiltrazioni camorristiche. La protervia con la quale non vuol mollare la poltrona la dice lunga.......Un commissario potrebbe "scoprire" chissà quali intrallazzi. Ricordiamoci che la signora "registra" di nascosto le conversazioni per poi servirsene come arma impropria! E quindi ecco fabbricato il cavillo! Napoletani: un guizzo di dignità e mandatela via a furor di popolo se volete tornare ad abitare in quella meravigliosa città che era Napoli prima.

    Report

    Rispondi

  • gigigio

    06 Marzo 2011 - 08:08

    Se i giornali faziosi di destra sbagliano titolo , fa piacere vedere sia la Iervolino che sfiduciata e rasegnata se ne và , poi fa piacere che chi controlla "casualmente" trova una inregolarità in una firma e tranquillamente la Iervolino rientra senza nessun problema , il tutto in Italia E` normale in un comune "ben" amministrato dalla sinistra da anni come la regione tra l' altro , non voglio pensare se questi fatti per anni fossero successi con una gestione politica opposta "scandali, titoloni,tre o quattro inchieste aperte solo sul fatto vergognoso !! " sicuramente gli interessati erano già al secondo grado di giudizio, poi è doveroso ricordare che l' Italia è svergognata in tutto il mondo da un p.......o presidente del consiglio ! mai e poi mai Napoli é famosa per la pizza ! Ed infine, logicamente lei se la prende con il giornale e l' opposizione di centrodx che non sanno fare il proprio dovere! Complimenti lei è lucida ed imparziale come il suo progamma preferito "Anno Zero"

    Report

    Rispondi

  • braga

    05 Marzo 2011 - 15:03

    è l'ennesima volta di questa sinistra pasticciata furbesca,noi vogliamo che ci governino che dio c'è ne deliberi.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    05 Marzo 2011 - 13:01

    Dopo le primarie farlocche , made in china ,il casino susseguente nel Pd,la sfiducia di una trentina di assesori del comune di Napoli ,mi chiedo cosa deve ancora succedere prima che tu apra gli occhi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog