Cerca

Casini: "Governo di unità nazionale. Giustizia? Vediamo"

Il leader Udc a Belpietro: "Italia va a rotoli, basta destra o sinistra". Sulla riforma: "Immunità sì ma non ora, Csm sia autonomo"

Casini: "Governo di unità nazionale. Giustizia? Vediamo"
"L'Italia è sul baratro. Serve un grande governo di responsabilità nazionale". Il segretario dell'Udc Pier Ferdinando Casini rilancia l'idea di una grande coalizione e intervistato dal direttore di Libero Maurizio Belpietro a 'La telefonata' su Canale 5 non chiude pregiudizialmente sull'annunciata riforma della giustizia: "Prima voglio leggere il testo".

Onorevole Casini, cosa pensa della riforma della giustizia?
I magistrati avrebbero intenzione di scioperare. L'Udc è interessato al dialogo col governo o anche lei pensa che si debba votare contro?
"Non si può decidere cosa fare senza sapere quale sarà il testo della riforma. Se non ha intenti punitivi e affronta questioni all'ordine del giorno come la diversità di funzioni tra pm e giudice sederemo al tavolo e vedremo. Non si può prendere cappello pregiudizialmente e non si può confondere nemmeno una riforma con una serie di provvedimenti ad personam. Se berlusconi dopo 15 anni decide di affrontare la questione generale in modo serio, secondo noi fa bene".
L'Udc dice sì alla separazione delle carriere. Ma sul Consiglio Superiore della Magistratura?
"Dipende da come sarà organizzato. Se si parla di uno dei due Csm con a capo il ministro della Giustizia sarebbe inaccettabile. Però aspetto giovedì".
Ma è disponibile ad una ridefinizione del ruolo Csm?
"L'autonomia della magistraura e la sua non sottoposizione al potere dell'esecutivo sono punti costituzionali, non devono essere aggiornati. Se la riforma ne tiene conto e si muove per risolvere questioni come gli arretrati e la riorganizzazione delle sedi giudiziarie sarà una cosa positiva. Ma prima guardiamo il testo definitivo, è una cosa troppo seria".
L'autonomia della magistratura è prevista dalla Costituzione, così come l'immunità parlamentare. Reintrodurrebbe la norma?
"L'articolo 68, com'è noto, è stato modificato per questioni emotive, alla fine della Prima repubblica. Non era uno scandalo, ma reintrodurla oggi con i processi di Berlusconi al via verrebbe presa come un privilegio. Non è questo il momento".
Ieri Fini ha detto che Futuro e Libertà ha un po' esagerato ad essere sempre fuori dal coro.
"Se l'ha detto lui...".
Ma voi siete suoi alleati.
"Non ci nutriamo di antiberlusconismo, anche se Berlusconi dà un buon contributo... Non dobbiamo cadere nella sua trappola e replicare alle sue battute".
Fini l'ha detto chiaro: considera il Terzo polo un'alternativi a destra e a sinistra, ma Bersani insiste e vi corteggia ancora...
"Siamo alternativi a questa idea di centrodestra, caratterizzato dalla sacralizzazione di Berlusconi".
Però vi dovrete alleare con qualcuno. Lei preferisce farlo a destra o a sinistra?
"Il Paese va a rotoli, l'Italia ha problemi vecchi di 20 anni. Serve un governo di responsabilità nazionale, De Gasperi diceva: 'Gli statisti si dividono in due categorie, chi pensa alle prossime elezioni e chi pensa al futuro del Paese'. Noi vogliamo essere nella categoria".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • VincenzoAliasIlContadino

    08 Marzo 2011 - 08:08

    Baffino, Democratici, ma si comportò da Talebano querelando Forattini chiedeva 2mld£, per una vignetta dello sbianchetto, perso il giocattolo chiedendo una fatwa contro il Cavaliere: possibile non aver capito che col disarcionamento a Prodi il Pd è in declino, tanto che non si vede un candidato decente per incominciare a fare Politica? Ora che abbiamo dei problemi sotto casa per l’affair petrolio della Libia vediamo i sobillatori in casa contro il premier, all’Estero, Russia e in Cina, la prima n°1 di risorse energetico che già ci fornisce doppiato di fornitura di gas all’Italia, mentre la Cina, senza il greggio Russo frenerebbe la crescita. Così abbiamo un Obama a frenare di fare lo sceriffo del mondo lasciando l’Ue a darsi la zappa. In Italia ce un ipocrita Casini che risponde: “ Ma se all’Ue non le abbiamo dato poteri! “ Così facendo l’ago della bilancia e stallo a fare le riforme comportandosi da Casinista, reca più danni al suo Paese, schierandosi con una Sinistra peggiore dell’ex Pci, e SMEmorato come Buttiglione, fu bocciato come Commissario Ue, proprio da questi ex Socialisti dell’Urss chiamasi Pse: come il Pci cambiato casacca comportamenti di Marx, sfaticato e mantenuto, ma con cervelli Fini.

    Report

    Rispondi

  • curcal

    07 Marzo 2011 - 23:11

    I tempi dei "partitini" è finito. Il bipolarismo è il solo sistema per poter governare. Siamo stufi di vedere tanti galletti in un pollaio. Una buona volta si decida Casini cosa fare da grande e non continuare a galleggiare. Spieghi un suo programma dettagliatamente e finisca di fare il solito opportunista democristiano.

    Report

    Rispondi

  • corallo37

    07 Marzo 2011 - 22:10

    Beh, ne ho visti di ''sfuggenti'' ma come costui raramente. In definitiva non dice un cacchio e sembra avere una sola preoccupazione, non disturbare la magistratura. Allora mi domando, ma non sarà anche lui, pro parenti, interessato a mantenere un profilo basso? Come fà un politico a non capire che oggi sono tutti in ostaggio dei PM che possono impallinarli come e quando vogliono? Cassare l'art.68 è stata una enorme minchiata e lui dovrebbe saperne di più in quanto il suo partito è stato annientato in seguito a quella eliminazione. E poi, con chi la farebbe quella ammucchiata di salvezza nazionale? Dove cavolo ha militato negli anni passati? Chi gli ha regalato 4 anni di sine cura a capo del parlamento? Lui, ex portaborse di Forlani....

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    07 Marzo 2011 - 22:10

    De Gasperi diceva: 'Gli statisti si dividono in due categorie, chi pensa alle prossime elezioni e chi pensa al futuro del Paese'. Casini essendo un grandissimo statista pensa in grande. Lui infatti pensa al suo futuro che, secondo lui, dovrebbe coincidere col futuro del paese. Lui ha anche detto:"Io ho un solo difetto: sono maledettamente modesto.Se non fossi così modesto sarei perfetto".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog