Cerca

Fini prova a ricucire col Cav. Ma tra Falchi e Colombe è guerra

Gianfranco: "Fli ha esagerato contro Silvio. Stop a guerra tra anime del partito". Vaglielo a dire a Urso e Granata....

Fini prova a ricucire col Cav. Ma tra Falchi e Colombe è guerra
Gianfranco Fini ci ripensa: "Abbiamo ecceduto ad essere sempre fuori dal coro". Il riferimento è ovviamente allo stillicido nei confronti del Cav, che prosegue da inizio legislatura e che ha raggiunto il suo zenit negativo con la spallata fallita dello scorso dicembre. Lo scenario per questo 'mea culpa' pubblico è stata la prima assemblea nazionale dei circoli di Futuro e libertà, inaugurata ieri a Roma. Sempre nella capitale, Fini ha ricominciato ad usare parole dure, per una volta, anche nei confronti della sinistra: "La loro unica bandiera è l'antiberlusconismo", ha sentenziato. E sulla riforma della giustizia, promessa da Berlusconi per questo giovedì: "Se e quando sarà presentata la valuteremo con attenzione. Vogliamo vedere i testi".

CERCHIOBOTTISTA - Il presidente della Camera ha avuto da ridire a tutte le forze parlamentari. Ribatezzando il proprio partito "il vero centrodestra", Fini ha sottolineato che è necessario "interrompere il continuo derby tra berlusconiani e antiberlusconiani", che a suo avviso paralizzerebbe il paese. "Siamo di fronte a uno scontro tra due grandi assetti conservatori, nel senso deteriore del termine". Nonostante le critiche a 360 gradi, l'ex leader di An ha dimostrato un particolare livore nei confronti dei transfughi dal suo nuovo movimento. Nel suo mirino soprattutto Pasquale Viespoli, il transfugo che ha condannato Fli al gruppo misto del Senato. "Non si deve dedicare un minuto di tempo a chi c'era e chi non c'è più", tenta di liquidare. Neanche il tempo di dirlo, e Gianfranco torna subito a ricordare i 'responsabili': "Qualcuno di loro mi ha fatto ricordare bene la distinzione tra uomini, ominicchi e quaquaquaraquà". Una citazione tratta da Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia; ma forse Fini si riferiva al suo ex collega di partito Ignazio La Russa, che definiva "quaquaraquà" Fabio Granata, finiano doc.

MA TRA FALCHI E COLOMBE... - Sono passate appena ventiquattr'ore dall’aggiustamento di rotta di Gianfranco, che ha aggiunto come lo scontro tra "falchi" e "colombe" non abbia più senso, e le due anime del partito sono tornate a scontrarsi. La miccia l'accende, neanche a dirlo, il duro e puro Fabio Granata, che si lamenta di quei colleghi futuristi che, pure restando dentro Fli, esercitano "un quotidiano richiamo alla nostra perimetrazione nel centrodestra". "Ho l’impressione - afferma infatti Granata - che dopo la zavorra rappresentata da alcuni, poi regolarmente approdati alle aree di responsabilità e coesione nazionale, adesso dovremmo sorbirci quella rappresentata da un quotidiano richiamo alla nostra perimetrazione nel centrodestra". Il riferimento, nemmeno tanto velato è, appunto alle "colombe", rappresentate in questo momento da Adolfo Urso, tanto per fare un nome. Granata allude infatti a "chi oggi, dall’interno di Fli, mentre si costituisce in corrente, mette in dubbio ipocritamente la opportunità di quelle scelte", e così facendo, "dà implicitamente ragione ai quaquaraquà di cui ieri parlava Fini".

...CONTINUA LA BATTAGLIA - L’accusa è pesante, e ha un nome e cognome, ma Urso per il momento non replica direttamente. Parla però ad una trasmissione radiofonica, e sostiene che domenica al Teatro Adriano il discorso di Fini ha dimostrato la vittoria della linea moderata, dopo le scelte "pagate a caro prezzo" del leader. "Ha prevalso - giura Urso - la nostra linea politica, quella dei moderati e di quelli che vogliono costruire". Delle "colombe", quindi. E quanto è costato a Fli il precedente atteggiamento? "Abbiamo pagato un prezzo: quattro senatori e quattro deputati in meno, però alla fine la linea politica, che era emersa con chiarezza già nell’assemblea costituente, è stata ribadita". A rafforzare la posizione di Urso contribuisce anche Roberto Menia, che rispedisce al mittente l’offerta di Pier Luigi Bersani, che dalle colonne di Repubblica è tornato a proporre un’allenza con il Terzo polo, nello stesso giorno in cui Gianfranco Fini ha ribadito l'equidistanza di Fli sia dal centrodestra di Pdl e Lega sia dal centrosinistra di Pd e Idv mettendo, di fatto, i paletti a sinistra, nel tentativo di frenare l’emorragia che ha aggredito Futuro e libertà. "E' evidente" - ha detto Menia - che un patto tra Terzo polo e centrosinistra non si farà nè oggi nè mai. La nostra prospettiva quindi - ha puntualizzato - è quella della costruzione di un centrodestra alternativo al centrosinistra, ed è ovvio che non ci stanno terzi poli in questa prospettiva”. Tutto lascia pensare quindi che le due anime di Fli continueranno, se non a dilaniarsi, per lo meno a coabitare a lungo all’interno del partito di Gianfranco Fini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Romano_1939

    11 Marzo 2011 - 11:11

    Fini vorrebbe ricucire con il cav, ma noi elettori del PDL non siamo daccordo.- Costui ne ha combinate troppe e poi anche se berlusconi dicesse di si, forse fini non sa che non si può ricucire proprio nulla perchè la sua maccina elettrica da cucire si è da un bel po di anni rotta.- Quindi ,se ne vada con bocchino - briguglio -granata -durso e ronchi a montecarlo con la bmv da 97.500 euro.-

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    09 Marzo 2011 - 18:06

    Vedo che c'è già chi si sta dedicando al Suo penoso caso. Dovrebbe ringraziare Tigrino per la dedizione e la passione con le quali si prende amorevolmente cura di Lei. Io mi sono già stufata da stamattina. Dato che, a quanto pare, si diletta con il latino, Le invio comunque qualcosa che La riguarda, anzi ci riguarda tutti: Memento, homo, quia pulvis es, et in pulverem reverteris. Il carnevale è finito.

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    09 Marzo 2011 - 17:05

    Il gobbo (a proposito, a che età lo divoravi?) non avrebbe certo preso "penso che ti riferisci" per un aereo cosparso di vischio, riconoscendolo per la castroneria che è, ma non avrebbe nutrito dubbi su chi iscrivere al demimonde del "cretino culturale". Poiché, diversamente da te, non mi sogno di atteggiarmi a compendio dello scibile, nulla mi costa riconoscere che di Grabmann conoscevo a malapena il nome, così come tu nulla sapevi dell’E-pal ("eupal" è word not to say) e, vista l’umile e pedestre utilità di un bancale raffrontata al tuo alto vaniloquio, penso che ringraziare tocchi a te. Nessun "sospetto di chissà cosa": sei tu che hai detto apertis verbis di non riuscire a rintracciare un mio post, naturalmente per evitare di tenerne conto: devo ricordarti data ed ora della tua dichiarazione? Sospettoso io? Ma quando mai! Semplicemente attento alle coincidenze lessicali, linguistiche, stilistiche, logiche, e, perché no, persino dattilografiche (degli orari parliamo un’altra volta). Infine, sull’autorevolezza dei tuoi moniti penso di essermi già diffuso a sufficienza.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    09 Marzo 2011 - 15:03

    Se uno pensa che la proposizione "l'antiberleusconismo è un modo d'essere" sia filosofia, piantiamola qua. Chi ha detto che è filosofia? Se proprio non avete niente da fare potete guardare i post precedenti partendo dal primo. Non che sia importante,ma tra un eupal e l'altro, ci può scappare un Grabmann (almeno ringrazia,non sapevi nemmeno che esistesse). L'ho scritto con una "n" in meno:lorianesimo? (vallo a sapere!) Gestalt non è word not to say;poichè citi (a sproposito) Brentano penso che ti riferisci alla Forma. E invece no. Se non ti riesce con le virtù teologali (l'ontologia però è necessaria) prova con le cardinali(più a portata di mano). Hai ragione per gli Elenchi sofistici,Catalano va bene,faute de mieux. Vedo che stai sospettando chissà cosa:post non trovati/ritrovati, cattedratici(scusa Aristogitone) al punto che qualche sospetto viene a me. Un consiglio? Torna all'eupal:con quel che costa!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog