Cerca

Gli affari d'oro di Bocchino e consorte: li paghiamo noi, 9 milioni all'anno

Politica, Rai e sovvenzioni statali: il falco Italo e signora sono ricchi grazie al denaro pubblico / PAOLI

Gli affari d'oro di Bocchino e consorte: li paghiamo noi, 9 milioni all'anno
Italo Bocchino, deputato di Futuro e Libertà e vice presidente del partito, sostiene di percepire uno stipendio annuo pari a 110mila euro. Uno cifra,  nella media per un parlamentare, ma che non dice tutto sulle entrate del braccio destro di Fini. Bocchino, essendo il marito della signora Gabriella Buontempo, proprietaria della casa di produzione Goodtime Enterprise, che lavora con la Rai, e azionista del quotidiano partenopeo Il Roma, percepisce dalla tv pubblica e dallo Stato un pacco di soldi. Fra tv e carta stampata il «montepremi» annuo si aggira sugli otto milioni di euro. Che pagano i contribuenti, trattandosi di finanziamento pubblico ai giornali e di produzioni televisive vendute alla tv pubblica.

GIORNALE IN CRISI
Partendo dal «figlio minore» dell’impero dei Bocchino, si scopre che il quotidiano partenopeo “Il Roma” - venti giornalisti che non ricevono lo stipendio da due mesi - arriva in edicola grazie al finanziamento pubblico. Nel 2009 i soldi stanziati dal Dipartimento per l’editoria della presidenza del Consiglio sono stati due milioni e 500mila euro, a fronte di un costo del personale stimato attorno ai due milioni di euro. Il mancato incasso della suddetta cifra, come ha denunciato lo stesso Bocchino, sarebbe la causa del ritardato pagamento degli stipendi ai redattori del Roma. Per il deputato finiano poi, il congelamento dei fondi destinati al giornale di famiglia, altro non sarebbe che «una manovra politica». Accusa respinta da Palazzo Chigi, che in una nota nega il «blocco dei contributi» e ribadisce la «dovuta osservanza delle indicazioni dell’Agcom», visto che «non vi è alcuno spazio di discrezionalità» per il Dipartimento.

Già nel 2008 i fondi furono sbloccati dopo una lunga battaglia combattuta a suon di carte bollate. Il quotidiano partenopeo riceve i soldi dallo Stato già da diversi anni, con cifre variabili, ma sufficienti per garantire la confezione del prodotto.
Per l’anno in corso la società che edita il giornale, considerato il rischio connesso ai tagli per l’editoria, ha deciso di far ricorso ai cosiddetti «contratti di solidarietà», che comportano un taglio del 30% degli stipendi, ridotto al 5% grazie al contributo delll’Inpgi.  La famiglia Bocchino, almeno a quanto vanno sostenendo a Napoli gli addetti ai lavori, vorrebbe disfarsi del giornale, non a caso la cooperativa che edita la testata ha chiuso il 2010 con un buco di oltre 300mila euro, azzerato dai soci. Lo stesso gruppo di “volenterosi” ha trovato anche i soldi per chiudere i contenziosi aperti,  circa 80 mila euro, proprio per rendere appetibile la testata. Per ora, però, Bocchino e signora continuano a sperare nei soldi dello stato per risolvere i propri guai.

Decisamente più fluido il rapporto con la Rai. La società della moglie di Bocchino figura fra le aziende che, da tempo, forniscono i propri prodotti alla tv pubblica. L’ultimo “articolo” piazzato a viale Mazzini è una fiction dal valore di sei milioni di euro,  andata in onda fra gennaio e febbraio. Accolti discreti per le sei puntate, interpretate fra gli altri da Ricky Memphis, ma che non hanno certo cambiato le sorti della tv pubblica.  Nelle stagioni precedenti la società della signora Bocchino ha venduto alla Rai varie mini serie televisive, incassando diversi milioni di euro. Ma se la fiction di famiglia viaggia a gonfie vele, nonostante le battaglie affrontate in consiglio di amministrazione della Rai per spuntarla sulle altre case di produzione, in particolare quella di Luca Barbareschi, a battere in testa sono i programmi televisivi, come ha denunciato a La7 lo stesso Bocchino.

MAMMA RAI

«Per la prima volta in 50 anni i telespettatori della Rai», ha affermato il deputato di Fli, intervenendo a in Onda su La7, «non hanno visto Pippo Baudo in Rai.  Mia moglie fa il produttore cinematografico dal 1993, un anno prima di conoscermi. Il contratto che era stato fatto per il programma di Baudo è stato revocato. La ragione è che il produttore di Pippo nel 2010 era mia moglie per contratto». Le cose non stanno esattamente così. Lo  show ideato da Baudo era una cosa a metà tra la fiction e l’intrattenimento e doveva raccontare in quattro puntate di prima serata i grandi fatti della cronaca (dagli amori ai gialli) attraverso delle docufiction. Il programma avrebbe avuto un costo di circa 800mila euro a serata, tanto che la Rai  aveva scelto di produrre internamente lo show (visto che l’azienda è assolutamente in grado di farlo). Alla fine il programma è saltato e Pippo Baudo, dal prossimo mercoledì, torna in prima  serata con Bruno Vespa per celebrare i 150 dell’Unità d’Italia. Senza Bocchino.

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cell43

    03 Giugno 2014 - 10:10

    Non merita commento l'amico del bastardo.

    Report

    Rispondi

  • silvano45

    18 Marzo 2012 - 23:11

    ma in quale paese civile si paga per un giornale che produce debiti di proprietà di un onorevole e è normale che il serizio pubblico compri programmi dalla moglie di un deputato ? poi parlano di voti di scambio di favori di comportamenti mafiosi: questo non sarà un comportamento delittuoso ma certamente molto discutibile

    Report

    Rispondi

  • luigi43

    12 Marzo 2011 - 11:11

    Tanta salute all'onorevole (?) Bocchino unitamente alla sua famiglia.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    09 Marzo 2011 - 12:12

    anche Berlusca è lì dopo i tre mandati, come tanti altri; o sbaglio?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog