Cerca

I dolori del povero Italo Bocchino: attacca Dago e si becca la querela

Il numero due futurista: "D'Agostino ha chiamato mia moglie per ricattarmi". E il giornalista non ci sta: "Calunnie"

I dolori del povero Italo Bocchino: attacca Dago e si becca la querela
Soldi pubblici, querele private. Italo Bocchino, deputato di Fli e braccio destro di Gianfranco Fini, di cui Libero ha denunciato le sovvenzioni statali (cadute a pioggia anche sulla consorte), è al centro anche di una altro contenzioso: quello con Roberto D'Agostino, padre-factotum del sito di gossip politico Dagospia. A Corriere e Repubblica Bocchino ha parlato di "ricatti" subiti da D'Agostino, che non ha atteso per la replica. Legale, visto che il giornalista ha pensato bene di querelare il deputato. All'origine di tutto una telefonata tra D'Agostino e Luigi Bisignani, fatta sentire a Bocchino dai pm Francesco Curcio e Henry John Woodcock che indagano sulla "loggia napoletana". Bocchino ha riferito il contenuto dell'intercettazione: "Il primo diceva che me l'avrebbe fatta pagare per quanto avevo detto in televisione", riferendosi alla puntata del 23 settembre ad Annozero in cui il futurista aveva denunciato il dossieraggio sulla casa di Montecarlo messo in atto "dal direttore de l'Avanti Walter Lavitola" e "veicolato da Dagospia". Farla pagare, ma come? "D'Agostino - ha attaccato Bocchino - si parla di alcune mie foto in compagnia di Mara Carfagna". D'Agostino avrebbe minacciato di telefonare a casa Bocchino. "La cosa è puntualmente avvenuta. Ha telefonato a Gabriella (Buontempo, moglie del parlamentare, ndr) e le ha detto che avrebbe pubblicato le immagini che mi ritraevano mentre ero all'hotel Vesuvio di Napoli in compagnia della Carfagna, entrambi in accappatoio. Era una calunnia, ma naturalmente ciò ha avuto conseguenze sulla nostra tranquillità e per questo ho raccontato tutto ai magistrati. Gabriella è pronta a confermare, soprattutto dopo i danni che ha subito anche nel suo lavoro di produttrice televisiva. Da quando io ho seguito Fini fuori dal Pdl le sono stati annullati tutti i contratti in Rai".

QUERELA IN ARRIVO - Parole pesanti a cui D'Agostino ha replicato immediatamente: "L'onorevole Bocchino, che prende uno stipendio per occuparsi dei problemi del Paese, preferisce trascorrere il suo tempo ad occuparsi dei suoi molteplici affari personali, vedi il quotidiano 'Roma', la società televisiva della consorte, i postumi del caso Telekom-Serbia, etc.". E sulla telefonata a casa Bocchino? "Io - prosegue la nota -, come giornalista, ho il mio diritto di chiamare al telefono anche il diavolo in persona pur di ottenere notizie e indiscrezioni e scenari prossimi venturi. Per quanto Bocchino ha dichiarato a Repubblica ho dato il mandato al mio avvocato di intervenire a tutelare la mia onorabilità, in tutte le sedi, e nei confronti di tutti coloro che hanno riportato e riporteranno le sue affermazioni, gravemente calunniose nei miei confronti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • superetendard

    16 Marzo 2011 - 11:11

    Se fosse vero sarebbe grande delusione. Ma come avrebbe fatto la Carfagna ad andare con un ominicchio simile dove non c'è ombra di sostanza? Noi, vecchi elettori di A.N., lo metteremmo in ginocchio dietro la lavagna come si conviene agli asini, per poi dimenticarcelo per sempre! Non credo che al camerata convenga frequentare i vecchi del partito per i quali L'ONORE è dote imprescindibile!

    Report

    Rispondi

  • noncisiamo

    09 Marzo 2011 - 15:03

    guarda visto che non capisci che da una parte ti do ragione te lo spiego così. per me fini ha l ostacolo berlusconi per arrivare alla pres. d cons. quando b se ne è uscito che vorrebbe fare uno stato alla francese con il capo dello stato figura più potente lui ha sbroccato, quindi si è un discorso di potere. per quanto riguarda l udc era parte della destra o no? se noi levassimo il pdl di b rimarrebbero lega e udc e fli a destra quindi a me non stupisce . gli ex an non lo voteranno per gli accordi con il pd, accordi che si incrociano sulla cacciata di berlusconi. purtroppo in italia in confronto a gli altri paesi europei mancano le linee basi in comune tra dx sx che devono esistere! come il fatto che una persona se non è adatta a governare specialmente in questo periodo di crisi se ne va ( come fece sarckozi nn so come si scrive con il primo ministro, cacciandolo perchè non adatto ad affrontare la crisi, cosa che illumino b, per il tipo di stato ma impaurì fini ovviamente )

    Report

    Rispondi

  • jack1

    09 Marzo 2011 - 09:09

    a seguito delle dichiarazioni del Dago, mi sembra ovvio che ovunque il FLI si candidi debba essere boicottato ...non devono prendere un voto ....devono sparire dalla politica ... Chiunque sostenga il FLI è un cojone peggio di un Piddino (e ho detto tutto)

    Report

    Rispondi

  • dondolino

    09 Marzo 2011 - 08:08

    il suo gioco è prendersi i maroni a martellate e urlare che gode qundo non le prente, poero baccellone.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog