Cerca

Bossi apre ad Alfano: "Riforma giustizia si farà"

Il leader della Lega: "Nessun problema". E intanto l'Ue preme: "In Italia processi troppo lunghi". Giovedì CdM straordinario

Bossi apre ad Alfano: "Riforma giustizia si farà"
"La riforma della giustizia? Passerà". Ad anticipare il via libera della Lega alla riforma è Umberto Bossi, davanti ai cronisti di Motnecitorio: "Sentiamo cosa presentano", ha esordito il leader del Carroccio, preannunciando però che dal suo partito non ci saranno ostruzionismi di sorta.
Un buon viatico per il ministro Angelino Alfano, che giovedì porterà la bozza all'esame del Consiglio dei Ministri straordinario. Il ministro dovrebbe anche salire al Colle per illustrare al presidente Napolitano i punti principali del testo. Mercoledì sera a Palazzo Grazioli è previsto un mini-vertice con il premier Berlusconi e lo stato maggiore del Pdl per fare il punto della situazione, anche a proposito delle prossime amministrative. Nel frattempo, l'Unione europea ha sollecitato ancora una volta Alfano a procedere sulla riforma. Il segretario generale del Consiglio d'Europa, Thorbjon Jagland, ha incontrato il ministro proprio per chiedere di risolvere il problema della lunghezza dei processi. Per l'autorità europea è necessario "introdurre in Italia misure che limitino la durata dei processi". "L'Italia - ha spiegato Jagland - è il Paese membro del Consiglio d'Europa con il più alto numero di ricorsi per la lunghezza dei processi".

SI' AL DIALOGO - Sull'atteggiamento di Camera e Senato, intanto, la maggioranza chiede all'opposizione di collaborare. "Bene chi anche dalle fila dell'opposizione assume una posizione senza pregiudizi sulla riforma costituzionale della giustizia e ritiene quindi giusto conoscere i contenuti prima di confrontarsi e di decidere", ha ricordato Elio Belcastro, deputato di Noi Sud-Ir. Un invito al dibattito anche da Silvano Moffa, ex finiano oggi tra i leader di Responsabili: "Bisognerebbe superare questa fase di scontro pregiudiziale sui temi della giustizia, che ormai da troppi anni ha bloccato qualsiasi ipotesi di riforma per confrontarsi suo contenuti concreti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • poldino60

    17 Aprile 2011 - 10:10

    Sarebbe interessante conoscere il parere della base della lega........non quello di renzo.

    Report

    Rispondi

  • Adduso

    10 Marzo 2011 - 11:11

    Premetto che non sono di orientamento politico del Premier e sono favorevole alle intercettazioni. Tuttavia, sono perplesso davanti a tanta enfatizzazione della Magistratura. Ciò in quanto, posso dimostrare, che una certa Magistratura, con tutta evidenza, ha la consapevolezza di potere non dire la verità, e di continuare a non dirla, immagino perché non deve dare conto ed ha alcuna forzosa responsabilità. Il link che segue riguarda una soggettiva questione che corrobora quanto dico. Si tratta di fatti di mafia. E io sto in Sicilia non a Belluno. Una parte di un distretto giudiziario non dice la verità da 20 anni, al punto che dichiara, e continua sostanzialmente ad avvalorare negli ultimi dieci, che dalle indagini esperite, degli attenti di matrice mafiosa sono avvenuti in anni diversi rispetto a quelli storici. Spero non sia questa ‘’la Magistratura’’.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    09 Marzo 2011 - 16:04

    due antiberlusconiani che si azzuffano.

    Report

    Rispondi

  • ed7

    09 Marzo 2011 - 15:03

    un vero C@gli@ne. Sparisci. Neanche sillabare sai.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog