Cerca

Riforma, Alfano: "Critiche dell'Anm sono precotte"

Guardasigilli: "Non è testo immutabile, Parlamento serve a migliorarlo. Pm mai sotto esecutivo". Tuonano sinistra, Idv e magistrati

Riforma, Alfano: "Critiche dell'Anm sono precotte"
Nella serata di giovedì il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha risposto al fuoco incrociato che si è scatenato contro la riforma della giustizia. Per il Guardasigilli, quelle dell'Anm sono "critiche precotte. Credo che la storia di questi 20 anni si sia incaricata di mostrare che non c'è nessuna forma di soggiacenza del potere della magistratura al potere legislativo o a quello esecutivo", ha spiegato al convegno Riformare la giustizia non è reato, organizzato dall'associazione Magna Carta.  Replicando poi alle censure della Anm sull'assoggettamento all’esecutivo e sul tentativo di condizionare l’autonomia e l’indipendenza delle toghe, Alfano ha citato "l'infarto" della passata legislatura con l’arresto della moglie "del mio predecessore". Riferendosi al caso di Clemente Mastella, che proprio per questo episodio rassegnò le sue dimissioni dal governo Prodi, il Guardasigilli ha infatti sottolineato: "L'ultimo precedente è l'infarto della passata legislatura con l’arresto da parte di un magistrato che andava in pensione il giorno dopo e di un gip che si è dichiarato incompetente della moglie del mio predecessore". 

"NON E' TESTO IMMUTABILE" - Alfano ha poi sottolineato che il testo "non è immutabile. Riteniamo che abbia una solidità", ha aggiunto. "Esprime una visione che parte dal presupposto che un indagato è un indagato e non un colpevole e che gli vanno asiscurate le guarentigie che le democrazie liberali assicurano ai cittadini processati". Il Parlamento, ha specificato, "serve a migliorare i testi del governo".

"NO A PM SOTTO ESECUTIVO" - Infine il ministro ha dedicato una battuta a uno dei punti più discussi della riforma. "L'idea di porre il pm sotto un esecutivo di sinistra ci atterrisce", ha spiegato. "Non intendiamo, non intendevamo e non intenderemo porre il pm sotto l'esecutivo. L'idea che qualche esponente dell'opposizione come ministro della Giustizia di un altro esecutivo possa avere sotto di se la magistratura ci atterrisce. Stiano dunque tranquilli i magistrati".

ANM E DIPIETRISTI - Dopo la presentazione del testo di riforma della giustizia, toghe, opposizione e sinistra hanno subito eretto le barricate contro il provvedimento. In prima linea nella guerra di trincea il sindacato dei magistrati, l'Anm, secondo cui questa è "una riforma punitiva" fatta "contro i giudici" e che "riduce le garanzie per i cittadini": queste le parole del segretario dell'Associazione nazionale magistrati, Luca Palamara. Per i barricaderi dell'Idv ha parlato il capogruppo alla Camera, Massimo Donadi: "Con questa pessima riforma della giustizia non ci sarebbe mai stata Mani Pulite. Berlusconi lo sa e sta cercando di far approvare queste nuove norme per salvare le cricche e intimidire i magistrati". Così Donadi, che aggiunge: "Berlusconi parla di riforma ma in realtà vuole solo sottomettere la magistratura alla politica, vuole che sia la Casta a decidere quali reati perseguire e vuole controllare i giudici. Non è una riforma, ma uno scempio del diritto italiano. Impediremo che l’approvazione di una controriforma che porterebbe allo sfascio delle istituzioni".

GRANATA - Quindi il finiano Fabio Granata, che tira in ballo Borsellino: "Sulla riforma della giustizia si discuterà in sede parlamentare. Mi sembra comunque", prosegue il vicepresidente della commissione antimafia, "che presentarla, da parte del premier, sostenendo che se fosse stata in vigore non ci sarebbe stata Mani pulite, e che il pm per parlare con il giudice dovrà fissare l’appuntamento e battere con il cappello in mano, non sia un buon inizio. Una riforma siffatta", conclude l’esponente finiano, "non può trovare il consenso di una Destra repubblicana e legalitaria che ha nel suo pantheon Paolo Borsellino, un grande pm e un grande giudice". Nel partito di Fini, però, il parlamentare Giuseppe Consolo, intervistato dal direttore di Libero, Maurizio Belpietro, afferma che "sulla riforma si può trattare" e che "lo sdoppiamento del Csm è necessario".

LA SINISTRA - Dopo il 'niet' pronunciato mercoledì da Bersani ancor prima di vedere il testo, della riforma parla la presidente dei senatori del Pd, Anna Finocchiaro: "Ci confronteremo in Parlamento ma questa è una non riforma e non mi sembra che sia utile a far funzionare meglio la giustizia italiana. Mi pare", prosegue la Finocchiaro, "che risenta molto di una visione ideologica figlia del pensiero berlusconiano che cerca di alterare l’equilibrio tra i poteri dello Stato, con il tentativo di porre i pm sotto il controllo del governo. Ma per noi il principio costituzionale dell’autonomia e dell’indipendenza della magistratura continua ad essere un valore irrinunciabile. Si vuole colpire l’idea, liberale, moderna ed europea, di una magistratura destinata a esercitare in modo indipendente, e soggetta solo al rispetto della legge, il controllo della legalità per cedere il passo all’ipotesi di una magistratura controllata dal potere esecutivo. E’ un principio sbagliato che contrasteremo in Parlamento e nel Paese". Tra le voci della sinistra, torna a farsi sentire quella del redivivo Oliviero Diliberto, portavoce nazionale della Federazione della sinistra: "La pseudo riforma licenziata dal   Consiglio dei ministri sulla giustizia non è altro che un’ennesima legge ad personam, scritta sotto diretta dettatura di un premier oramai disperato"

TERZO POLO - Chi non chiude alla riforma è il Terzo polo, pur rilevando "forti perplessità" su alcuni punti "che dovranno essere risolte. Il Nuovo Polo per l’Italia prende atto delle positive affermazioni del Presidente del Consiglio che ha dichiarato chiusa la stagione delle leggi 'ad personam'", si legge nella nota diffusa al termine dell’incontro di oggi alla Camera. In Parlamento, si spiega ancora, il Terzo polo "presenterà le proprie proposte nel corso dell’iter parlamentare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    14 Marzo 2011 - 19:07

    Tutta questa storia non durera' e sara' proprio come sempre solo che questa volta c'e' qualcuno che si incazza con l'Atomica.

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    12 Marzo 2011 - 18:06

    Bravo Ministro Alfano, se non si guasterà con la crescita potrà rappresentare il futuro oltre che il presente del PDL. Ottima la sua preparazione, buona la sua capacità dialettica, chiari e precisi i concetti espressi in occasione del programma TV Porta a Porta, piuttosto sicuro anche davanti alla navigata (politicamente parlando) rappresentante del PD Finocchiaro, insomma bene ed avanti così Alfano, questa riforma va portata avanti ed a compimento!

    Report

    Rispondi

  • tigrin della sassetta

    11 Marzo 2011 - 19:07

    sennò ne risente il tuo lavoro di giramondo (forse trent’anni fa, oggi sei un semi.cadavere appollaiato in permanenza alla tastiera ad immaginarsi vergogne internazionali e a seminare il forum di incontinenze mentali). Sei così accecato dal fanatismo da concionare di “scuse” che ti sei musicato e cantato da solo: chi diavolo ha cercato giustificazioni a chicchessia? Come ti accade molto, molto sovente, non capisci una beata mazza di quel che leggi ma non esiti a profonderti in predicozzi. Ho sbagliato a dire che non ti scrivevo perché t’in**zzi: dovevo dire che è inutile scriverti perché sei completamente rimbambito dalle sinapsi marcite ed accecato dal più ottuso livore. Ma credi non si fosse capito che sei un ammalato di rancore perché scartato anche a livello di mezza figura dal Psi d’antan, oggi rifugiato fra le braccia di chi ha approfittato della morte – politica e non - di coloro che hanno osato rifiutarti? Con simili dimostrazioni di rabbiosa imbecillità, chi vuoi che “legga attentamente” le tue eterne causidiche sciocchezze da nonno petulante? Anima cattiva

    Report

    Rispondi

  • robe

    11 Marzo 2011 - 18:06

    se leggi attentamente quello che ho scritto, vedrai che dico che solo una parte di Tangentopoli è venuta fuori, è chiaro e ovvio. Ciò però non vuol dire affatto che quelli scoperti non fossero colpevoli né che in qualche modo fossero scusabili perché altri non sono saltati fuori. E' un ragionamento sbagliato, chi è colpevole lo è, punto e basta, non si copre con altri reati, né tantomeno con la tipica scusa dei corrotti "tanto lo fanno tutti". Questa è stata, e ancora è tra l'altro, la versione dei corrottissimi seguaci di Craxi (e so quello che dico) che hanno infangato il nome di socialista. Incidentalmente, molti di questi seguaci, con rinnovata sicumera, militano indovina un pò con chi? Una delle cose che Berlusconi avrebbe potuto fare (se ne avesse avuto la stoffa) sarebbe stata proprio quella di finire l'opera di Mani Pulite, come aveva peraltro detto, rimangiandoselo poi rapidamente per ovvie ragioni. Quindi non rompere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog