Cerca

Saviano sputa veleno: "Cavaliere mi disgusta"

Nuovo attacco di autore di Gomorra: "Infanga memoria persone morte per mafia". Su Marina: "Schizofrenica". Caso Ruby: "Inchiesta forte"

Saviano sputa veleno: "Cavaliere mi disgusta"
Roberto Saviano torna alla carica contro il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. "La cosa fatta da lui che più mi disgusta? Quando ha detto che ho dato supporto promozionale alle mafie, scrivendo il mio libro. Ha detto che chi racconta queste cose diffama il Paese, lo mette in cattiva luce. E’ una roba terribile, sia perché ha infangato la memoria delle persone morte per raccontare di mafia, molte in Italia, e sia perché ha perso un’occasione". L'autore di Gomorra, negli studi di Radio2 (da cui è trapelata la clamorosa gaffe di Sergio Chiamparino: "Il Pd non ha futuro"), è un fiume in piena.

"SIAMO IL PAESE DI FALCONE, NON DI RIINA"
- "L'Italia infatti", continua l''attacco frontale, "raccontando queste contraddizioni, le storie di mafia, dimostra che è altro dalla mafia, che ha una cultura inversa a quella dell’omertà e soprattutto (e questa è l’occasione persa), il mondo quando deve affrontare il problema mafioso, dal Messico alla Russia, si rivolge all’Italia perché abbiamo una giurisprudenza antimafia tra le migliori della terra". Secondo il braccio destro di Fabio Fazio nella trasmissione Vieni via con me, era questo che andava sottolineato, "non dire che chi racconta infanga, ma invitare semmai gli italiani che all’estero sono sotto pressione per il luogo comune mafia, ad affrontare il problema e non  a minimizzarlo". Per Saviano è dunque necessario "affrontarlo con orgoglio. Insomma, dimostrare di essere il Paese di Falcone e non di Riina".

RUBY E MARINA - Poi lo scrittore riserva una battuta anche al caso Ruby. Dopo aver settimane fa dedicato una laura ad honorem alle toghe di Milano, sottolinea che "l'inchiesta è molto forte. I magistrati di Milano hanno lavorato molto bene. Passo la mia vita a leggere le carte giudiziarie e quindi sul piano tecnico mi sembra tutto molto rigoroso", assicura Saviano. Poi una battuta sui dissidi con Marina Berlusconi: "Con lei non ho mai litigato. Mi piacerebbe, però, che lei capisse come lo sdoppiamento della personalità sia un problema". Una frase che farà discutere. Secondo l'autore campano non si può parlare una volta da editore, poi da figlia del premier e un’altra volta ancora da libera cittadina. "Per fare pace con Marina Berlusconi", lo scrittore fa ironia, "dovrei andare da tre persone diverse". E’ legittimo, conclude, che un editore “possa non condividere in tutto o  in parte i libri che pubblica, che possa addirittura trovarli non buoni ma, in ogni caso, deve avere una visione liberale del proprio mestiere".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gattocucu

    05 Novembre 2011 - 16:04

    A savià prova ancora a scrivere se ti riesce perchè sul tuo gomorra (primo e unico libro) si stanno ammucchiando polvere e ragnatele. Chissà che mentre scrivi (o fai finta di farlo xchè magari non ti viene l'ispirazione che non sia anti-berlusconismo viscerale) diminuisca momentaneamentye il numero di persona che sanno dire solo ca..ate

    Report

    Rispondi

  • felice-sangermano@virgilio.it

    felice-sangermano

    30 Giugno 2011 - 21:09

    Mi capita spesso di entrare negli esercizi della Mondadori con somma meraviglia vedo ancora esposti in vetrina libri di Saviano! Togliamoli!

    Report

    Rispondi

  • felice-sangermano@virgilio.it

    felice-sangermano

    30 Giugno 2011 - 21:09

    Vi prego di non nominarlo più! Gli date troppa importanza! C.S.

    Report

    Rispondi

  • GiorgioBanino

    06 Maggio 2011 - 09:09

    Il disgusto per noi nei suoi confronto è totale. Giorgio Banino

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog