Cerca

Napolitano alla Camera. E la Lega non applaude

150° Unità, Capo Stato al Carroccio: "C'è solo un'Italia". Federalismo: "Non deve dividere". Senatùr e Calderoli restano impassibili

Napolitano alla Camera. E la Lega non applaude
Poco dopo le 16, dopo molteplici tappe per la celebrazione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, Giorgio Napolitano è giunto a Montecitorio, accolto dai presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, per la seduta congiunta dei due rami del Parlamento. Il Capo dello Stato è stato accolto con un lungo applauso dell'Aula. Durante il discorso, però, gli esponenti della Lega nord (a cui Napolitano ha riservato qualche stoccata) sono stati gli unici a non battere le mani. Il gesto ha seguito la provocazione di Borghezio, che in mattinata aveva profetizzato: "L'Italia finirà come il Belgio. Divisa".

"ORGOGLIO E FIDUCIA"
- Nel suo discorso, Napolitano ha esordito sottolineando "l'orgoglio e la fiducia" per la "straordinaria impresa storica che è stata l'unificazione italiana". Quindi ha riservato "un riconoscente saluto ai tanti che hanno raccolto l'appello a festeggiare". Una piccola stoccata alla Lega Nord - che come è noto, è restia ai festeggiamenti - arrivata proprio nelle prime battute del discorso del Presidente della Repubblica. "Si torni ad onorare la memoria dei giovani e giovanissimi protagonisti, talvolta, delle imperse più audaci e disperate del Risorgimento", ha sottolineato Napolitano, indicando come "le vicende risorgimentali sono da molteplici punti di vista fonte di orgoglio vivo e attuale".

"SENSO DI UNITA'" - Quindi il Capo dello Stato ha fatto nuovamente leva sul senso di unità che deve percorrere la nazione: "Per Mazzini era indubitabile che una nazione italiana esistesse, e che non vi fossero cinque, quattro, tre Italie, ma una soltanto". Mentre i colleghi applaudivano alle parole di Napolitano, che ai più sembravano un richiamo al Carroccio, i ministri della Lega Nord, Bossi e Calderoli, come il sottosegretario Sonia Viale, rimanevano immobili.

FEDERALISMO - L'inquilino del Quirinale ha poi dedicato una battuta al federalismo. "Oggi vediamo l’attenzione pubblica rivolta a verificare le condizioni alle quali un’evoluzione in senso federalistico - e non solo nel campo finanziario - potrà garantire maggiore autonomia e responsabilità alle istituzioni regionali e locali rinnovando e rafforzando le basi dell’unità nazionale. E’ tale rafforzamento, e non il suo contrario, l'autentico fine da perseguire", ha sottolineato tra gli applausi dell'Aula, aggiungendo che "la parola unità si sposa con pluralità, diversità, solidarietà e sussidiarietà".

COSTITUZIONE
- Sulla Costituzione, Napolitano ha indicato come "rappresenta tuttora la valida base del nostro vivere comune, offrendo - insieme con un ordinamento riformabile attraverso sforzi condivisi - un corpo di principi e di valori in cui tutti possono riconoscersi perché essi rendono tangibile e feconda l’idea di patria e segnano il grande quadro regolatore delle libere battaglie e competizioni politiche, sociali e civili".

MA BOSSI: "DISCORSO MI E' PIACIUTO" - Mentre lasciava la Camera, Napolitano ha risposto a una domanda sulla scarsa presenza dei leghisti alla cerimonia svolta a Montecitorio. "Non ho fatto il conto, chieda a loro", ha chiosato il Presidente della Repubblica. Ma nonostante lo scarso trasporto, Umberto Bossi ha poi sottolineato: "Il discorso di Napolitano mi è piaciuto, è stato un ottimo discorso. Napolitano è una garanzia". Il leader del Carroccio, in precedenza, durante l'esecuzione dell'inno nazionale nell'emiciclo di Montecitorio, era stato l'unico a rimanere seduto. Dopo qualche secondi, però, anche Bossi si è "allineato" agli altri colleghi dell'esecutivo.

FINI: "UN DOVERE FESTEGGIARE" - In precedenza aveva parlato anche il presidente della Camera, Gianfranco Fini, che aveva sottolineato come "vivere il 17 marzo come festa nazionale è un preciso dovere di ogni italiano, dalla vetta d'Italia a Lampedusa". Il leader di Futuro e Libertà ha poi indicato come "la nostra bandiera rappresenta un simbolo di speranza e di riscatto civile in molte parti del mondo". Le parole di Fini sono state applaudite anche dal premier Silvio Berlusconi. Gianfranco ha poi sottolinaato come si debba "celebrare solennemente il 150° dell'Unità" e come "il 17 marzo si festa nazionale". Per Fini festeggiare "è oggi un preciso dovere civile per tutti gli italiani, dalla vetta d’Italia a Lampedusa.   Dovere civile perchè la nostra democrazia ha radici profonde, perchè la nostra coesione nazionale si nutre ancora dei valori che guidarono l’azione dei patrioti risorgimentali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gado53

    03 Agosto 2011 - 16:04

    Lei sara' senz'altro con un coefficiente intellettivo superiore alla media. Cio' la costringe ad applaudire anche quando non condivide ?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    19 Marzo 2011 - 08:08

    Aspetti che il capo del momento alzi le mani e tu giù ad applaudire. Bene, la Lega queste cose non le fa, poiché è diritto di ognuno accettare o meno quanto l'oratore dice. Oppure il tuo senso di libertà è quello dei Soviet?

    Report

    Rispondi

  • rocambole

    18 Marzo 2011 - 20:08

    Gli ammonimenti di Fini un truffatire, traditore e rinnegato fanno veramente ridere i polli. Un cialtrone della sua specie dovrebbe nascondersi non fare pistolotti patriottardi che sanno d'acqua di mele secche E FANNO VOMITARE.

    Report

    Rispondi

  • ospite

    18 Marzo 2011 - 20:08

    Caro Claudio la Storia è Storia, solo che a qualcuno piace scriverla a proprio uso e consumo. Festeggiare una Unità d'Italia commemorando una data dove buona parte del Nord era ancora sotto il dominio austriaco non è corretto. Dove stà l'Unità? Tanti Auguri.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog