Cerca

Sì alla missione italiana: anche la Camera approva

Ok alla risoluzione autorizzata con 7 voti di scarto. Nella notte via libera anche al Senato. Napolitano: "Pieno rispetto carta Onu"

Sì alla missione italiana: anche la Camera approva
Come previsto, la Camera ha dato l'ok alla risoluzione della maggioranza sulla Libia, risoluzione che riassume le posizioni del Pdl, della Lega Nord e del gruppo dei Responsabili. L'Aula ha approvato anche il testo presentato dalle opposizioni - i radicali si sono sfilati - che era stata presentata da Partito Democratico, Idv e Terzo Polo. La mozione di maggioranza è stata approvata con sette voti di scarto: 300 'sì', 293 'no' e due astenuti. I voti contrari provenivano dagli scranni di Pd, Futuro e Libertà, Idv e Udc.

FRATTINI ALLA CAMERA - Come aveva fatto mercoledì in Senato poche ore prima dell'approvazione, a Montecitorio è intervenuto il ministro degli Esteri, Franco Frattini, che ha illustrato le posizioni sostenute dal governo. "Dividersi", ha sottolineato, "quando condividiamo le linee di fondo dell'intervento in Libia, indebolisce il Paese e non rappresenta la necesaria solidarietà nei confronti di chi in teatri difficili sta portando la bandiera italiana".

OPPOSIZIONI - Come accennato, le opposizioni hanno raggiunto un'intesa e hanno presentato a Montecitorio, a differenza di quanto accaduto al Senato, una risoluzione unitaria sull'intervento in Libia. Terzo Polo, Pd e Idv, giovedì mattina, prima delle comunicazioni del governo e del voto, hanno depositato un testo che ricalca in tutto e per tutto la risoluzione sottoposta al voto lo scorso venerdì dalle Commissioni congiunte Esteri e Difesa di entrambi i lati del Parlamento.

NAPOLITANO SULL'APPROVAZIONE AL SENATO
- "In Parlamento si è espressa, pur nella differenza di posizioni, una convergenza fondamentale". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano aveva commentato così l'approvazione in Senato della risoluzione sulla missione in Libia, intervenendo alla commemorazione della strage delle Fosse Ardeatine a Roma, avvenuta il 24 marzo 1944 ad opera dei nazisti. Secondo il Quirinale è stata compresa "la necessità che il nostro Paese non restasse indifferente di fronte alla repressione di un moto di libertà e giustizia sociale che si è manifestato in Libia e prima ancora in Tunisia ed in Egitto". E sulla missione: "Stiamo pienamente dentro la Carta delle Nazioni Unite".

SI' A PALAZZO MADAMA - Giovedì mattina erano cominciati i lavoria alla Camera sulla risoluzione circa la missione italiana in Nord Africa. La risoluzione era stata approvata al Senato nella tarda serata di mercoledì, pur senza il fronte compatto auspicato dal presidente dell'Aula Renato Schifani e dagli esponenti del governo. A Palazzo Madama sono stati 156 i voti a favore (Pdl, Lega e Coesione Nazionale), 15 quelli contrari e un astenuto. Approvata aanche la mozione del Pd (la maggioranza non ha partecipato alla votazione), identica a quella votata dalla commissione Esteri venerdì scorso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    24 Marzo 2011 - 20:08

    io ricordo i comunisti della generazione precedente, certo tutti appecoronati ai sovietici, ma in fondo leali e efficienti: per esempio stavano coi titini che buttavano i nostri a morire nelle caverne , bella prova di lealta' non c'e' che dire, poi maltrattavano i nostri che erano scappati dalla ferocia dei titini , trattandoli come nemici (dei titini quindi loro nemici) . E bravi. Ma adesso vedo solo improvvisazione: ancora una volta la sinistra si e' fatta pescare coi pantaloni abbassati e non sa che pesci pigliare: prima stavano coi pacifisti anti-americani (pero' Veltroni comprava case a New York) , poi stava con gli insorti islamici sempre contro gli americani (e quindi contro i nostri che erano in Iraq e Afganistan) : adesso non sono piu' pacifisti e incitano alla repressione armata, ma poi si accorgono che noi Italiani abbiamo un sacco di soldi da perdere e regalare ai Francesi e prendono le distanze. Sperduti, ipocriti come solo i comunisti sanno essere.

    Report

    Rispondi

  • gmarcosig335

    24 Marzo 2011 - 16:04

    unica arma a disposizione della opposizione. Il Governo incassa l'ennesimo voto favorevole alla Camera dopo quello di ieri al Senato. Spettacolo indecoroso quello gestito dal dipietrus vulgaris e dal fininus presidente che agevola gli insulti ed approva con ghigno. Sono oramai alla frutta questi personaggi che del politico hanno ben poco da offrire.

    Report

    Rispondi

  • robe

    24 Marzo 2011 - 16:04

    Ma perche', ha mai visto un fan di Berlusconi attribuirgli delle colpe anche quando, come in questo caso, la decisione e' solo del Governo? E' sempre colpa di qualcosa o di qualcun altro, le tasse, Mubarak, i giudici, il primo che passa per strada. Berlusconi non c'entra mai, se c'era dormiva (e qualche volta e' pure vero!)

    Report

    Rispondi

  • alvit

    24 Marzo 2011 - 15:03

    In saccoccia come sempre?? Povere opposizioni, offendono, insultano, spargono odio e fango e poi... Zitti e mosca. Statevene buoni buoni nell'angolino e sperate nella prossima volta. Capisco i buffi del pd, e idv, ma che si aggiungessero udc...Pieta'. I mollicci si sapeva che sono solo rancorosi e che pensieri non ne hanno, per il momento il vuoto assoluto. Casini sei il secondo Bamba. Fai veramente pena. Hai chiesto ai tuoi elettori cosa pensano? Leggo di un certo marino 43. Se la cifra indica l'eta', dovrebbe vergognarsi per l'odio che sprizza, se e' il QI allora si capisce. Penso sia il QI che con l'eta' si e' ristretto. Come fa guardare in faccia i figli e i nipoti se ce li ha, portando così tanto rancore per gente che non ha mai ne incontrato ne conosciuto? Provi a pensare al rancore che possono avere per lui e per quello che rappresenta, lui e' un comunista dei piu' subdoli. Io penso che questo odio che ha per il cdx lo portera' alla tomba.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog