Cerca

Festival Cinema, Galan: "Priorità a Venezia su Roma"

Il neo ministro della Cultura: "Le due città non si facciano concorrenza". Alemanno: "Polemica ormai sorpassata"

Festival Cinema, Galan: "Priorità a Venezia su Roma"
"Venezia è il Festival del cinema più antico del mondo. Certo, sarebbe ridicolo dire a Roma di non occuparsi di cinema, visto che è la patria di quel mondo. Ma farne uno in concorrenza, lo troverei a dir poco stravagante". Nella sua prima dichiarazione da ministro dei Beni Culutali il veneto Giancarlo Galan si è dimostrato poco favorevole nei confronti della kermesse capitolina.  "Visti i fondi a disposizione si rischia di indebolire entrambe le manifestazioni", ha dichiarato a La Stampa. L'ex presidente del Veneto ha parlato anche della necessità di realizzare quanto prima il nuovo palazzo del cinema nella città lagunare: "Se non facciamo quell'opera passeremo dalla serie  A alla serie C".

ALEMANNO - Le dichiarazioni di Galan non hanno fatto ovviamente piacere al sindaco di Roma, Gianni Alemanno: "Il Festival internazionale del Film di Roma non si tocca. Quella tra il festival di Roma e quello di Venezia è ormai una polemica superata. E un ministro della Repubblica deve unire i territori e non dividerli riaprendo vecchi e superati contenziosi. Secondo, il Festival di Roma lo pagano innanzitutto sponsor privati e poi, solo in minima parte, le Istituzioni del territorio, mentre il Ministero ci dà soltanto 200 mila euro su progetti mirati a fronte di 7 milioni di euro che ogni anno vengono dati in maniera fissa al Festival di Venezia"".

POMPEI - Oltre che di rassegne cinematografiche, Galan ha parlato anche dell'emergenza di Pompei: "in quel sito c'è anche un degrado sociale oltre che culturale. Impiegheremo gli 80 milioni di euro che abbiamo a disposizione per la manutenzione dei beni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • just69

    25 Marzo 2011 - 23:11

    devo dedurre che del "de cuius" si sia avuta esperienza positiva neanche come governatore di regione...chissà, magari a forza di "promoveatur ut amoveatur" rischiamo di ritrovarcelo sul colle...

    Report

    Rispondi

  • gioromeo

    25 Marzo 2011 - 17:05

    Ci sono persone che non fanno in tempo a raggiungere la poltrona ministeriale che cominciano a sparare caz...te . Costui in un solo primo giorno ha parlato del festival del cinema di Roma e del perchè i Bronzi di Riace debbano restare in Calabria. ci spiega come mai il suo Veneto è la seconda regione per cementificazione del territorio? E per consumo quote latte? Ah, il mite Bondi, dolce poeta e certamente ministro sensibile! A quando il trasferimento del ministero a Belluno?

    Report

    Rispondi

  • ilbillograsso

    25 Marzo 2011 - 13:01

    e chi paga? Noi, a ognuno la sua parte....

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    25 Marzo 2011 - 12:12

    Commissariata la sanità veneta - Ripiano del buco o torna l’Irpef - Da Berlusconi richiamo e poteri speciali a Zaia: un mese per il rientro - VENEZIA—Era solo il 27 aprile, quando il neogovernatore Luca Zaia al termine della prima giunta annunciava che per il 2009 il deficit della sanità era ridotto a 25 milioni, contro i 130 del 2008.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog