Cerca

Silvio Paperone: nel 2009 denuncia 40 milioni di euro

I politici più ricchi: Berlusconi raddoppia. Tremonti a 300mila euro, Schifani batte Fini: 229mila a 186mila / LEGGI LE LISTE

Silvio Paperone: nel 2009 denuncia 40 milioni di euro
Il 2009 ha portato bene a Silvio Berlusconi, almeno dal punto di vista finanziario. Secondo il bollettino delle dichiarazioni patrimoniali dei parlamentari depositate negli appositi uffici del Parlamento e relative a quanto dichiarato per l'anno 2009, il Cavaliere si conferma Paperone della politica con un reddito di 40.897.004 euro, il doppio rispetto alla dichiarazione dei redditi del 2008 (23,6 mln). Qualcuno potrà obiettare: "Guadagna tanto, ma è perseguitato dalla giustizia". Chi non si lamenterà è di certo il pool di legali che difende il premier. Niccolò Ghedini spicca con un imponibile di 1.297.118 euro, mentre Piero Longo si ferma a 530.847 euro.Tra gli avvocati-parlamentari dominano però due finiani di ferro. Giulia Bongiorno, principessa del Foro e presidente della Commissione giustizia, per il 2009 ha dichairato 2.048.397. Meglio di lei il compagno di partito in Fli Giuseppe Consolo, che supera la barriera dei 2,3 milioni di euro.


LE PROPRIETA' DEL CAV - Nello stato civile Berlusconi risulta "separato", mentre non ha denunciato nuovi acquisti di auto, barche o di partecipazioni in società. Tra i beni immobili a lui intestati risultano due appartamenti in uso abitazione a Milano, due box e altri tre appartamenti nella stessa città, dove ha in comproprietà anche altri due immobili. Risulta poi un immobile nel Comune di Lesa, in provincia di Novara, un terreno, un immobile e un altro terreno acquistato il 13 marzo 2009 ad Antigua. Infine, tre depositi di gestione patrimoniale presso la banca popolare di Sondrio, il Monte dei Paschi di Siena e la Banca Arner Italia spa.

CARICHE A PESO D'ORO - Dietro Silvio il vuoto, anche se si tratta pur sempre di un vuoto ben retribuito.  Qualche esempio. Giulio Tremonti ha dichiarato redditi pari a 301.918 euro (per il 2008, grazie a  una serie di detrazioni fiscali, aveva dichiarato 39.672 euro). Il presidente del Senato Renato Schifani, con 229.918 euro, 'batte' il collega della Camera Gianfranco Fini fermo a 186.563 euro. Tra i ministri, svetta il titolare della Difesa Ignazio La Russa con 374.461 euro. Testa a testa tra Tremonti e Renato Brunetta: il ministro della Pubblica amministrazione dichiara 300.894 euro. Se la passa maluccio il veneto Giancarlo Galan. L'ex ministro dell'Agricoltura, fresco fresco ai Beni Culturali, ha dichiarato 149.938 euro. Il Guardasigilli Angelino Alfano, con i suoi 168.318 euro, perde la battaglia con la moglie Tiziana Miceli (229.074 euro). Il primo dei leghisti è Roberto Calderoli (Semplificazione), solo tredicesimo con 174.850 euro.

Fra i sottosegretari e ministri non parlamentari, la parte del leone la fa l'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla Protezione civile Guido Bertolaso (dimessosi lo scorso novembre), con 860.195 euro dichiarati. Daniela Santanchè (dal 4 marzo 2010 sottosegretario all'Attuazione del programma) dichiara 642.517 euro. Solo terzo il braccio destra di Berlusconi Gianni Letta, con un imponibile di 342.310 euro. Alle sue spalle l'attuale ministro della Salute Ferruccio Fazio con 256.811 euro seguito dal sottosegretario agli Esteri Vincenzo Scotti (211.566 euro). La più 'povera' risulta Sonia Viale, sottosegretario all'Economia con appena 63.313 euro. E i senatori a vita? Il meglio sistemato è il predecessore di Napolitano al Quirinale, Carlo Azeglio Ciampi, con 717.122 euro. Seguono Giulio Andreotti (488.006 euro), Oscar Luigi Scalfaro (232.296 euro), Sergio Pininfarina (214.730 euro), Rita Levi Montalcini (200.710 euro) ed Emilio Colombo (171.630 euro).

CAPIGRUPPO FELICI - Detto di Berlusconi, i leader dei singoli partiti non se la passano male. Secondo è l'anti-Cav per eccellenza, Fini, davanti al suo nuovo alleato Francesco Rutelli (Api) con 182.159 euro. Il più 'povero' risulta invece il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini: 106.063 euro, meno del segretario del Pd Pier Luigi Bersani (137.013 euro), l'Idv Antonio Di Pietro (176.885 euro) e il leghista Umberto Bossi (167.957 euro). Tra i capigruppo è Pasquale Viespoli (Fli - Coesione nazionale al Senato) il più ricco con 160.829 euro. A ruota, il capogruppo della Lega nord Federico Bricolo (137.884 euro), Giampiero d'Alia (Udc-Autonomie, 136.075 euro), Anna Finocchiaro  (Pd, 115.064 euro), Maurizio Gasparri (Pdl, 107.740 euro) e, buon ultimo, Giovanni Pistorio (Gruppo misto, 'solo' 107.668 euro).


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    30 Marzo 2011 - 18:06

    Fammi capire ,sei un miliardario e ti vai a prendere queste grane,ti tiri dietro tutti i magistrati d'Italia?Come lo spieghi questo,con una delle tue barzellette?

    Report

    Rispondi

  • Amiba

    30 Marzo 2011 - 14:02

    Vedi un po' te! A me la barzelletta sembra quella di Berlusconi che invece di starsene tranquillo e godersi i soldi, decide di entrare in politica solo ed esclusivamente PER IL BENE DEGLI ITALIANI!!! Va tranquillo che sei bravissimo a raccontarle le barzellette. Altro che pizzeria, meriti molto di più!!!

    Report

    Rispondi

  • libero

    29 Marzo 2011 - 18:06

    sono concorde con la sua tesi e mi permetto di'' consigiare'' ad Andrealazzarotti,una,per me, semplice riflessione sui fatti della storia recente,ovvero dalla caduta del muro di Berlino , alla concomitante prima operazione detta Mani pulite, da chi e' stata orchestrata e perche';quali componenti dei partiti sono state colpite ,l'intertempo,la calata in politica di Berlusconi e anche qui l'inizio o la continuazione dell'operazione mani pulite:potra' avvalersi a tal fine delle dichiarazioni fatte a suo,tempo da Cossiga e Pannella,che a mio modesto giudizio di non schierato,danno le risposte necessarie a comprendere i fatti,solo per coloro che con senso critico,cercano la verita'a prescindera dal loro orientamento politico e facendo valere la piu' cristallina onesta' intellettuale, e poi la storia fara' il suo percorso perche' prima o poi la verita' viene sempre a galla:Ciuenlai diceva che nonostante i governi oscurino,la gente va verso la luce.Saluti.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    29 Marzo 2011 - 17:05

    Io non devo perdonarle niente e ne assolverla,posso solo ad invitarla a prendere padronanza con le parole e il suo significato.Non conoscendo per esempio la differenza tra una scadenza dei termini ed una prescrizione,rischia di non avere ben presente la situazione.Il rischio? il rischio è che si faccia un'idea sbagliata della situazione, e lei mi insegnerà che un malinteso portato troppo in avanti e mai chiarito diventa erroneamente una convinzione.Parta dal presupposto che ci sono pochi magistrati che usano la loro professione per altri scopi.Il problema è che la gente comune ,la meno esperta e smaliziata dovrebbe conoscere i trucchi del mestiere.Purtroppo il livello di conoscenza è molto basso e mi viene confermato, ogni giorno.Capisco che sia una materia pallosa,faccia finta di essere in ferie, e nel luogo di villeggiatura ,deve imparare un giuoco che non conosce.Dopo un primo imbarazzo vedrà , diventerà un pò più sciolto e soprattutto tutto le sarà più chiaro.Come inizio,può leggersi l'articolo su Tarantini pubblicato su Libero,veda come dei magistrati hanno giocato oltre le regole,invalidando sei anni d'indagine e facendola fare franca a persone destinate al carcere. Si legga anche una mia ipotesi , che resta un'ipotesi , ma verosimile.Saluti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog