Cerca

Bocchino sfotte: "Minetti agli esteri? Di marocchine se ne intende"

Italo ironizza su Nicole alla Farnesina: "E' esperta di relazioni internazionali". Rissa Camera: "Pdl allo sbando"

Bocchino sfotte: "Minetti agli esteri? Di marocchine se ne intende"
"Tra ieri e oggi abbiamo assistito ad eventi straordinarii: prima la candidatura della Minetti a Ministro degli Esteri, poi il vaffa di La Russa, adesso la corsa dei ministri per i corridoi di Montecitorio", così Italo Bocchino, vicepresidente di Futuro e Libertà, commenta gli avvenimenti politici degli ultimi giorni.

"LA MINETTI AGLI ESTERI? ESPERTA DI MAROCCHINE" -La prima stoccata è per la ConSigliera Regionale della Lombardia Nicole Minetti: "Ieri la giornata è cominciata in pompa magna, con la candidatura a ministro degli Esteri di Nicole Minetti. Non metto in dubbio che la Consigliera, madrelingua inglese,  sia esperta nella gestione di emergenze internazionali - ironizza Bocchino -, in particolar modo quelle riguardanti ragazze brasiliane, slave e marocchine.

BAGARRE - "Poi abbiamo visto precettati in aula i ministri degli Esteri e della Difesa, non per parlare della questione libica, ma per approvare in fretta una norma ad personam per Berlusconi. A seguire - continua Bocchino nella sua ricostruzione della giornata - La Russa ha declamato in aula un sonoro 'vaffa' contro la terza carica dello Stato e si è scatenata la bagarre in aula. Infine il sottosegretario agli  Interni Mantovano si è dimesso in polemica col suo governo". Giornata piena.

"I MINISTRI FACEVANO MELINA PER ATTENDERE I COLLEGHI" - Bocchino è poi passato a parlare del pasticcio di questa mattina alla Camera. Il governo è andato sotto nella votazione, proposta dall'opposizione, sulla trascrizione a verbale dell'insulto di La Russa. La votazione si è risolta in parità poichè alcuni ministri, impegnati nel Consiglio, non sono riusciti ad arrivare in tempo in aula: "Stamattina si è ricominciata la danza: nonostante l’inusuale sospensione del Consiglio dei ministri per far correre i membri del  governo in aula a votare per l’approvazione di un banale verbale della seduta precedente, la maggioranza ha dimostrato di non avere i numeri  e a nulla vale la protesta di quei ministri che facevano melina fingendo di non riuscire tecnicamente a votare al solo scopo di far attendere l’ingresso dei colleghi in arrivo. La richiesta di dimissioni di  Fini da parte di Pdl e Lega sembra il lamento tipico del bambino che perde ai giochi e butta le carte all’aria. E’ comprensibile che di fronte a queste scene la credibilità internazionale del nostro governo evapora e i partner europei e occidentali ci tengono fuori la porta delle riunioni che contano".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bussirino

    02 Aprile 2011 - 09:09

    Se devo essere sincero Bocchino quando era nel Pdl mi piaceva perchè parlava di cose serie che faceva il Governo. Andando all'opposizione, costretto per altro, ha incominciato a parlar male del Governo anche se quest'ultimo non ha cambiato una virgola sul programma. Ma allora è vero che la persona cambia modo comportamentale non col cambiar della politica ma della posizione.........!

    Report

    Rispondi

  • g740308

    02 Aprile 2011 - 09:09

    Il Popolo Italiano è politicamente schierato per oltre un 50 %, questi esprimono il loro voto a prescindere dalle capacità delle persone che vengono indicate nelle liste di riferimento. In questa parte del Popolo personalmente vedo una forte prevalenza di sinistra. Il fatto che Berlusconi goda di una simpatia personale lo porta a prendere voti dalla magior parte delle persone non politicamente schierate e questo riequilibria l'elettorato complessivo. Senza Berlusconi dove pensa di andare la destra? Questo le opposizioni l' hanno capito benissimo sono quelli che si definiscono di centro/destra che forse non l'hanno ancora capito.

    Report

    Rispondi

  • biancofiore

    02 Aprile 2011 - 08:08

    Ne avevamo bisogno di un politico così! E' l'espressione dell'Italia moderna da cui vorremmo tutti fuggire. Un uomo cos' volgare non l'ho mai visto in Parlamento, supera anche quelche PDiellino.

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    01 Aprile 2011 - 21:09

    La Minetti forse un futuro ce l'ha , lei ho i miei dubbi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog