Cerca

Ruby, in Aula riprese vietate. Soltanto audio

"Le telecamere possono influenzare deposizioni". Vince la linea di Bruti Liberati. Revocati i permessi anche alla Rai

Ruby, in Aula riprese vietate. Soltanto audio
Il 6 aprile, quando si aprirà il processo per il caso Ruby, e così nelle successive udienze, riflettori e telecamere - quelle della Rai comprese - rimarranno spente. Niente riprese in tribunale. E' stata infatti revocata - attraverso un provvedimento firmato dall'avvocato generale dello Stato, Laura Bertolè Viale, e dal procuratore generale Manlio Minale, responsabili della sicurezza nel Palazzo - l'ordinanza che ammetteva come unica emittente quella pubblica, la Rai, che aveva sottoscritto un impegno per difffondere le immagini alle televisioni di tutto il mondo.

PERMESSI REVOCATI - Sono stati così fatti decadere tutti i permessi che erano stati accordati a cineoperatori, cameramen e fotografi, che rimarranno fuori dal tribunale anche il 4 aprile, quando si terrà l'udienza preliminare per il caso Mediatrade, dove potrebbe presenziare il premier. Al contrario, saranno consentite le registrazioni audio.

CORRIDOI OFF-LIMITS - La decisione di procura e avvocatura generale rispecchia la posizione del procuratore capo del pool di Milano, Edmondo Bruti Liberati, che da sempre si era schierato contro la presenza delle telecamere in aula, poiché le riprese potrebbero influenzare le deposizioni dei testimoni. Il tribunale, così, diventa un bunker: verrà vietato a fotografi ed operatori tv anche l'accesso ai corridoi limitrofi all'aula del primo piano dove si svolgerà il processo al premier. L'accesso è stato vietato per "ragioni di sicurezza". L'unico processo in cui è imputato Silvio Berlusconi e nel quale sono ammesse le telecamere rimane così quello sui diritti tv di Mediaset.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • linhof

    03 Aprile 2011 - 22:10

    Difesa: sig presidente vorrei visionare gli atti dell'accusa. Il giudice chiama il perito del tribunale: vuole mostrare alla difesa i documenti dell'accusa? La perita (visto che è donna) sig. presidente non vi assegni che possano dimostrare il passaggio di denaro tra l'accusato e l'avvocato Mils. C'E' QUALCOSA DA COMMENTARE?

    Report

    Rispondi

  • giggino1977

    01 Aprile 2011 - 13:01

    ...Siamo sicuri che le riprese audio non influenzano nessuno ? Qualcuno ha fatto studi in proposito ? Che ridicoli ! ...Questi si delegittimano da soli, e poi si lamentano...

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    01 Aprile 2011 - 11:11

    non vogliono TV perchè con la scusa di sapere come si svolgevsa il bunga bunga hanno paura di essere tacciati di guardoni. E' davvero triste vedere questa magistratura caduta così in basso. Non ditemi che non tutta la magistratura è così, forse, ma se la parte onesta non insorge vuol dire che questa situazione fa comodo anche a loro e la loro dignità pare che non esista. Ma oggi cosa vuol dire dignità, rispetto, patria, amore?

    Report

    Rispondi

  • ed7

    31 Marzo 2011 - 23:11

    battute.....le mie di solito sono cattivelle

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog