Cerca

Mantovano: "Così metteremo spalle al muro Sarkò"

L'ex sottosegretario a Libero: "Trasformiamo i clandestini in rifugiati, obbligheremo Parigi ad accettarli" / SPECCHIA

Mantovano: "Così metteremo spalle al muro Sarkò"
Caro Alfredo Mantovano, lei ha mollato le poltrona da sottosegretario agli Interni per non essere riuscito a contenere il flusso d’immigrati nella sua Manduria. Sa che è un caso da studio?
«C’è un casus e una causa. Il casus è Manduria; la causa è legata ai problemi sulla gestione dell’emergenza, con le immagini dei tunisini in fuga dalla tendopoli; tengo a dire che per anni ho avuto un buon rapporto col ministro Maroni e con la Lega»
Lega che, però, ha contribuito a scodellarle gli immigrati in casa, di cui il 50% pare già fuggito. È  questo il problema?
«Il problema è il tasso d’ideologia eccessivo, il  “fuori dalle balle” di Bossi che equivale a “tutti gli immigrati al sud”, che trovo inaccettabile. Anche perché da vent’anni il carico dei Cie è supportato da tre regioni: Sicilia, Calabria e Puglia. Ora è tutto concentrato in Sicilia e in Puglia. A Manduria. Che è diventata un’altra Lampedusa e ha già accolto 3000 persone»
Questi immigrati sono da considerarsi rifugiati o clandestini?
«Sono tunisini e in quanto tali clandestini. Ora,  Berlusconi è volato in Tunisia e io faccio voto affinchè si ripristini l’accordo di sicurezza valido fino al 2010. Ma perché ciò accada tutti sanno che un accordo richiede tempi tecnici, procedure lunghe di riconoscimento»
Senza considerare che il ministro degli Esteri tunisino non è quello che c’era il mese scorso e forse non sarà lo stesso del mese prossimo...
«Esatto. E intanto la situazione peggiora, ci sono in giro 20mila soggetti maschi adulti sparsi per la penisola, molti dei quali hanno preso il treno per Milano o Padova e lì hanno già cominciato a delinquere»
La soluzione?
«Intanto allestire altre tendopoli E aumentare i controlli per evitare le fughe»
Andiamo, il vero problema è che l’Europa ci ha lasciati soli. Il nuovo ministro degli esteri francese come primo atto è andato a Ventimiglia per congratularsi coi gendarmi che bloccano gl’immigrati alla frontiera...
«Vero. E infatti potremmo fare in modo che  gli altri stati li accolgano. Vede, la legge Bossi/Fini è buona per l’ordinarietà. Ma in situazioni straordinarie come questa se ne può applicare l’articolo 20 che è una “valvola di sfogo”: stabilisce di poter assegnare permessi per motivi umanitari; il che, oltre a concedere una certa serenità agli immigrati consente loro di poter girare liberamente in area Shengen»
In sostanza Francia e Germania non potrebbero più bloccarli alla frontiera.
«Sì, e noi sappiamo che molti di loro vorrebbero andare proprio lì, hanno famiglie in quei paesi. Ma, badi, non è né una sanatoria né uno strumento di reazione. Si tratterebbe soltanto di far dividere le responsabilità con gli altri...»
Il governo può cadere su questo? Considerando anche che domenica dovrebbe essere allestita una tendopoli anche a Torino?
«Non credo. Anzi sarà un occasione, per le Regioni e per Bossi, di mettere da parte l’egoismo e seguire il consiglio del Presidente Napolitano , specie dopo aver festeggiato l’Unità d’Italia. Il rapporto con la Lega vive una fase acuta, ma non  certo è in discussione l’alleanza»
Si rende conto che fuori lei dal governo la corrente della Nuova Italia di Alemanno rimarrà senza rappresentati al governo, mentre i Responsabili, affamatissimi di posti, hanno almeno un ministro? Non è seccante?
«Io non potevo tradire i miei concittadini, anche se non era colpa mia. Ne ho parlato con Alemanno che ha capito. Sui posti ci sarà una dialettica interna al Pdl. Io ora mi preoccupo di più di chi può avere la propria casa violata»
Alle dimissioni, cosa le ha detto il premier?
«È  stato affettuosamente insistente affinchè le ritirassi. L’avrei fatto, avessi avuto segnali concreti. Ho chiesto che le navi dirette a Taranto proseguissero a nord. Tolto l’Abruzzo lì ci sono porti bellissimi. Mi hanno obbiettato (non c’era solo lui) che non c’erano i tempi tecnici per montare le tendopoli. Ho fatto notare che a Manduria le hanno allestite in 24 ore...»
E com’è finita?
«Grande stima, dimissioni irrevocabili».

di Francesco Specchia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • oriana26

    03 Aprile 2011 - 15:03

    qui invece si bada più agli avanzi di galera che ci piovono dalle galere tunisine... rassegnando le dimissioni, vigliaccamente, questo è il punto, quindi anche per Mantovano: fuori dalle balle!.

    Report

    Rispondi

  • Incubo

    03 Aprile 2011 - 08:08

    L’on.le Mantovano è sull’orlo d’una crisi di nervi. Esprime il desiderio di riconoscere lo stato di rifugiato politico a tutti i migranti che hanno invaso il nostro suolo per costringere la Francia a consentire loro l’ingresso in Francia. Se tutti questi individui (la maggior parte evasa dalle carceri tunisine) ottenessero l’asilo politico dall’Italia non solo equivarrebbe ad un’importazione massiccia di malviventi (non bastavano già quelli nostrani!), ma quelli che intendessero stabilirsi in Italia non potrebbero venire rimpatriati perché non più clandestini. Il che stimolerebbe orde di africani ad affluire in Italia e a colonizzarla. Si può essere tanto incoscienti ed autolesionisti? E questi imbelli dovrebbero governarci? Rimandiamoli a casa. Avranno tutto il tempo per riflettere sulla loro incapacità ad affrontare i problemi del Paese e soprattutto li porremo nella condizione di non nuocere alla Nazione.

    Report

    Rispondi

  • edelweiss

    02 Aprile 2011 - 23:11

    Ma cosa spara questo Mantovano? Trasformare i clandestini in rifugiati perchè la Francia sia obbligata ad accoglierli. Ma così si fa il loro gioco, come non capirlo? Sarkozy non è scemo ed ha tutta la mia stima perchè si sta dimostrando forte e risoluto nel difendere i propri confini ed i propri cittadini. Non come quelle pappe molli del nostro governo, che da imbecilli, svuotano Lampedusa per riempire tutta l'Italia. Così ora scappano come lepri ovunque ed è impossibile controllarli. Mi aspetto violente reazioni di piazza, visto che dovremo difenderci da soli.

    Report

    Rispondi

  • autores

    02 Aprile 2011 - 21:09

    Se credete di comperare l'amicizia della Francia con questo presupposto siete dei pazzi. La Francia vi conosce molto bene.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog