Cerca

L'ultimo desiderio: Leone di San Marco sulla bara. Il prete dice no.

Caso 'diplomatico' in Veneto: il Don vieta la bandiera leghista al funerale di un simpatizzante / ZULIN

L'ultimo desiderio: Leone di San Marco sulla bara.  Il prete dice no.
Anche i preti sbagliano. Sono esseri umani come tutti gli altri e per questo vanno perdonati. Non stiamo parlando di peccati gravi, però che problema c’era se Luigi Sartorelli, leghista, aveva espresso il desiderio di avvolgere la sua bara con la bandiera di San Marco? In fondo non voleva offendere nessuno. Eppure don Renato Mazzuia,  il giorno del funerale del «Gigi», ha deciso di impedirgli il coronamento del desiderio, del suo testamento politico. Il parroco della Chiesa di Santa Maria di   Lourdes, a Mestre, non ha voluto che il vessillo della Serenissima  cingesse il feretro. Perché? I simboli politici devono stare fuori dalla chiesa, avrebbe ordinato il sacerdote a familiari e amici del defunto.
Eh no don Mazzuia, non ci siamo: il leone alato - anche se impugna la spada - ha sempre il vangelo vicino. E lì di solito c’è scritto  “Pax tibi Marce, evangelista meus”. Sì, la Lega Nord ha utilizzato la bandiera della Repubblica di San Marco come simbolo della Liga Veneta, ma non dimentichiamo che quel vessillo rappresenta mille anni di storia. Quella bandiera sventolava sulle navi che a Lepanto, il 7 ottobre 1571, fermarono l’invasione degli Ottomani: i veneziani riuscirono nell’impresa, celebrata poi dal Papa con l’istituzione della festa della madonna del Rosario, che cade il 7 ottobre, appunto. In precedenza Venezia era stata protagonista della quarta crociata, arrivando a riconquistare per un breve periodo Costantinopoli. Insomma, il leone giallo oro su sfondo rosso è uno dei simboli per eccellenza della cultura cattolica e cristiana: se il Carroccio ha voluto usare questa bandiera, la storia non cambia.
Quindi don Mazzuia, i partiti non c’entrano niente. Per carità, il signor Sartorelli - scomparso a 67 anni per un arresto cardiaco - è stato fondatore e militante storico del Carroccio mestrino, ma allora perché nessuno ha vietato la bandiera dei quattro mori sardi alle esequie del presidente Cossiga? Anche quel simbolo è stato preso a prestito dai movimenti autonomisti sardi, tuttavia nessuno si è permesso di dubitare dell’amore dell’ex capo dello stato per la sua terra, al di là delle idee politiche. Per non parlare dei molti ragazzi che perdono la vita magari in incidenti stradali e che poi hanno la bara avvolta da maglie o sciarpe della squadra del cuore. Ecco, il «Gigi» voleva semplicemente andarsene in pace, come d’altronde è scritto in quella bandiera “Pax...”. «Non tocca a me entrare nel merito dei regolamenti ecclesiastici dietro i quali si è manifestata l’evidente volontà punitiva e ideologica di un uomo di Chiesa, che invece dovrebbe conoscere i fondamenti della pietà cristiana. La sostanza  - commenta il presidente del Veneto, Luca Zaia - è che per alcuni burocrati la bandiera che per milleedieci anni ha difeso e sostenuto il mondo cristiano non può entrare in chiesa. Mi rendo conto della richiesta inusuale, ma mi auguro che le gerarchie trovino i tempi e i modi per dare un segnale a tutti noi che siamo rimasti evangelicamente scandalizzati da tanta arroganza».

di Giuliano Zulin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    04 Aprile 2011 - 13:01

    lascerò detto che al mio funerale mi mettano la bandiera che voglio io, oppure che il prete dica la Messa da solo, per la remissione dei peccati suoi.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    03 Aprile 2011 - 14:02

    Quanta ignoranza! Una volta per tutte non si tratta di una bandiera leghista ma la bandiera della Repubblica Serenissima con raffigurato il Leone di San Marco. La bandiera leghista è quella di colore verde. IGNORANTI!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • valter29

    03 Aprile 2011 - 08:08

    Quel buon prete forse non ricorda che suoi simili hanno benedetto per secoli le bandiere di gente mandata a morire, bandiere dell'una e dell'altra parte senza distinzione di chi avesse torto o ragione,(così comunque andasse la guerra loro erano sempre dalla parte del vincitore) sempre nel nome di Cristo che invece predicava la pace. E' evidente che quel prete ha visto nel desiderio del morto un'offesa per una morale cristiana che lui, il prete, per primo ha offeso. Le autorità ecclesiastiche a lui superiori non dicono nulla?

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    03 Aprile 2011 - 08:08

    Purtroppo l'ignoranza alberga anche in menti insospettabili. Questo prete ha scambiato la bandiera simbolo con una bandiera politica. Vergogna!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog