Cerca

Casa Pound, gommoni al Trocadero a casa Sarkò

Beffa alla D'Annunzio: il centro sociale di destra porta sagome di tunisini a Parigi. Ai francesi: "Vi siete presi tutto, prendetevi anche questi"

Casa Pound, gommoni al Trocadero a casa Sarkò
Casa Pound Italia come D'Annunzio. Il centro sociale d'estrema destra si mette in scia della beffa di Buccari e del volantinaggio su Vienna (gesti clamorosi dell'artista-politico d'inizio Novecento) e sfida Sarkozy in casa sua, a Parigi. Sei gommoni con attaccati i volti di immigrati tunisini e sopra i loro volti la scritta "Sarko, aidez nous" (Sarko aiutaci) hanno galleggiato questa mattina nella Fontana del Trocadero, sotto la Torre Eiffel. L'acqua della stessa fontana era stata precedentemente colorata di nero, a simboleggiare petrolio e l'arrivo degli immigrati anche in Francia. Un blitz in grande stile, che riaccende le polemiche tra Italia e Francia sul tema dei clandestini, che il governo transalpini continua a respingere e a rimandare oltre confine a Ventimiglia. "Vi siete presi tutto - si legge in un volantino distribuito ai francesi siglato con la tartaruga frecciata, simbolo del movimento - prendetevi anche questi", alludendo ai tunisini. "Giovedì notte - spiega Gianluca Iannone, presidente e fondatore di Casapound Italia - abbiamo fatto affissioni in tutta Italia. Sui manifesti c'era scritto: 'L'Europa muore a Tripoli, l'Italia muore a Lampedusa'. Ieri mattina abbiamo fatto volantinaggio nei centri storici delle città italiane e stamani a Roma abbiamo dato vita a un presidio non autorizzato a Piazza Farnese, sede dell'ambasciata francese. Con queste dimostrazioni vogliamo dire che è vergognoso quanto accade". Al centro della polemica anche la guerra in Libia: "E' fratricida - spiega Iannone - perché di fatto con la Libia l'Italia ha sempre avuto rapporti privilegiati. Adesso l'Eni perderà il monopolio del petrolio a favore di Total. Allora ai francesi diciamo: i profughi prendeteveli anche voi". Anche perché, ricorda Casa Pound nel volantino, Parigi si sarebbe già pappata "la Gioconda, Gucci, Bulgari, Galbani, Parmalat, Alitalia, Bnl, Edison".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    04 Aprile 2011 - 12:12

    si rivolta nella tomba...

    Report

    Rispondi

  • ubik

    04 Aprile 2011 - 12:12

    alleati pacifisti...

    Report

    Rispondi

  • mariulongo

    04 Aprile 2011 - 11:11

    troppo forti. fanno benissimo. Francesi, vi siete presi tutto, con la violenza, tenetevi gli effetti collaterali.

    Report

    Rispondi

  • MagoGi

    04 Aprile 2011 - 10:10

    Per Cesare Infedele: Se uno compra una cosa con i propri soldi poi è libero di farci quello che vuole, anche chiuderla e venderla a pezzi. Ora Tremonti vorrebbe usare i soldi pubblici per fermare le scalate estere alle aziende nazionali, senza giudicare l'opportunità di cambiare le regole quando i giochi sono iniziati, è un'azione fuori tempo massimo. Piuttosto maggiore potere e incisività delle authority di borsa e mercato ci avrebbero consegnato forse una Parmalat in grado di scalare Lactalis.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog