Cerca

Mediatrade, i pm: "Rinvio a giudizio per Berlusconi"

Udienza preliminare a Milano, premier assente. Richiesta di processo anche per Pier Silvio e Confalonieri

Mediatrade, i pm: "Rinvio a giudizio per Berlusconi"
"Rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi". E' la richiesta dei pm titolari dell’inchiesta Mediatrade, Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro, avanzata nuovamente davanti al gup Maria Vicidomini, nel giorno dell'udienza preliminare a Milano: l'accusa contestata al premier è quella di frode fiscale e appropriazione indebita. Analoga richiesta anche per il figlio Pier Silvio e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri (frode fiscale). Inoltre, i rappresentanti della pubblica accusa, hanno chiesto il processo anche per altri otto imputati, tra cui alcuni manager delle società del Biscione.

PREMIER A TUNISI - L'udienza del processo Mediatrade a carico di Berlusconi e altri 10 imputati è iniziata poco dopo le 10 di lunedì mattina al tribunale di Milano. L'accusa contro il Presidente del Consiglio è arrivata nell'ambito di uno stralcio del procedimento sui presunti fondi neri creati attraverso la compravendita dei diritti televisvi e cinematografici. Come previsto, il premier non si è presentato in aula poiché impegnato in una visita ufficiale in Tunisia per l'emergenza clandestini. I legali del Cavaliere non hanno persentato richiesta per il legittimo impedimento.

LE ACCUSE - Secondo il pm De Pasquale, Silvio Berlusconi e gli altri indagati avrebbero "usato i soldi di Pubblitalia per acquistare i diritti televisivi e cinematografici sovrapprezzo". Questo è stato uno dei passaggi chiave della discussione che il Pm ha svolto nell’aula dell’udienza preliminare. Altra accusa nei confronti del premier sarebbe quella di essere stato socio occulto del finanziere americano di origine egiziana, Frank Faruk Agrama, anche quando ricopriva il ruolo di presidente del Consiglio. Agrama svolgeva il ruolo di intermediaro nell'acquisto di diritti tv per le reti Mediaset da alcune major americane. A quanto si apprende, il rapporto tra il premier e il finanziere statunitense sarebbe proseguito fino al 2006 e avrebbe consentito di creare ingenti fondi neri a disposizione del Biscione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blankfrank62

    05 Aprile 2011 - 18:06

    Risposta idiota, da te mi aspettavo di meglio. Indigestione di asparagi?

    Report

    Rispondi

  • ed7

    05 Aprile 2011 - 14:02

    ha una faccia da vero pinocchio

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    05 Aprile 2011 - 13:01

    Mi chiederai cosa c'entra questa domanda/risposta con la domanda da te fatta! Questa domanda vale quanto la tua. Se ancora non hai capito niente della situazione giudiziaria del premier,e continui con queste domande sceme:ti invito a venire qua da noi nel veronese,in questa stagione raccogliamo gli asparagi,2 braccia tolte al fancazzismo quotidiano ci servirebbero...finché lavori non scrivi quelle domande!

    Report

    Rispondi

  • blankfrank62

    05 Aprile 2011 - 12:12

    Tanto per scatenare qualche risposta surreale (ne faccio la raccolta). Ma se l'ultimier è così innocente e quasi santo, così sicurodi far fare una brutta figura ai magistrati, così candido da urlare al complotto, perchè fa di tutto per eliminare quei processi così fasulli costrigendo il parlamento a inventarsi leggi a suo uso e consumo? Che sia un insicuro?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog