Cerca

Ruby, l'Aula è con Silvio: "Conflitto attribuzione"

Approvata richiesta Pdl: 314 a 302 alla Camera. Deciderà la Consualta. Di Pietro: "Ordinaria follia". Ghedini: "Alla fine i giudici faranno ciò che vogliono"

Ruby, l'Aula è con Silvio: "Conflitto attribuzione"
C'è il conflitto di attribuzione. La Camera approva con 12 voti di margine la richiesta del Pdl: 314 i voti a favore e 302 quelli  contrari. Lo si apprende da fonti parlamentari.  Il processo Ruby a carico del premier Silvio Berlusconi deve dunque passare al Tribunale dei Ministri. Comincia con il primo successo una settimana ricca di appuntamenti fondamentali  per il premier Silvio Berlusconi e per il futuro del governo, a partire dall'udienza preliminare di mercoledì mattina. Dura la reazione del leader de L'Italia dei Valori Antonio Di Pietro: "Un giorno di ordinaria follia. Il presidente del Consiglio ha scelto Montecitorio per non andare a San Vittore. Oggi gli italiani devono sapere che Berlusconi ha scelto di fare politica per non pagare i suoi guai giudiziari". Durante le dichiarazioni di voto, Rocco Buttiglione aveva addirittura parlato di incompetenza del Parlamento nel merito della questione: "Ci muoviamo in un terreno che è al di fuori della nostra competenza - ha detto il presidente Udc -: la Camera può giudicare se c'è fumus persecutionis, se c'è il dubbio di una interferenza con l’attività del Parlamento, ma non è giudice della giurisdizione". Di parere diverso in merito alla competenza, ma comunque contrario a sollevare il conflitto si è dichiarato anche Giuseppe Consolo di Fli: "A prescindere sulla natura del reato - ha detto  - lasciamo alla Camera e non ad altri la decisione sulla qualifica della ministerialità. Noi annunciamo il voto contrario". Approvato il conflitto, la palla passa alla Corte Costituzionale.

COME ANDRA' AVANTI -
"Alla fine i giudici decideranno come vogliono": così il legale del premier, Niccolò Ghedini, ha sintetizzato l'iter che dovrà affrontare la sollevazione del conflitto d'attribuzione. Vediamo ora più in esteso i passaggi chiavi del percorso. La prima ad intervenire sarà la presidenza della Camera, che incaricherà un legale di redigere il ricorso da presentare alla Corte Costituzionale.  Montecitorio è dotata di un’Avvocatura interna, ma sulle questioni di competenza, come quella di oggi, in passato è stato scelto un legale esterno. Così accadde per esempio quando venne sollevato il conflitto sul caso Matteoli, allora ministro dell’Ambiente. Il conflitto, ad ogni modo, non sospende da subito il processo avviato davanti ai magistrati. Una volta sollevata la questione, il giudizio della Consulta si articola in due fasi: in una prima fase i giudici costituzionali sono chiamati a conoscere il ricorso del ricorrente, in camera di consiglio e senza contraddittorio; in secondo luogo, se giudicano ammissibile il ricorso, la Corte dispone la notificazione alle parti che ha individuato e dà un termine al ricorrente perchè ridepositi il ricorso notificato. Per le notifiche in genere il termine è di 60 giorni, 30 o 15 in alcuni casi più urgenti. La Corte dà quindi un ulteriore termine anche alla parte resistente per decidere di costituirsi in giudizio. Se la Consulta dovesse riconoscere il ricorso fondato nel merito, il giudizio penale verrebbe travolto e il procedimento ripartirebbe secondo la legge costituzionale, che prevede l'autorizzazione a procedere, in caso di reato ministeriale.











Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberovero

    06 Aprile 2011 - 16:04

    La "prescrizione breve per gli incensurati" non solo è incostituzionale perchè viola palesemente l'art. 3 della Cost. ma è anche ingiusta in quanto andrebbe a "premiare" un soggetto a prescindere dalla gravità del reato commesso. per spiegarmi meglio le faccio un esempio. Questo legge, qualora approvata, prevederebbe due tempi di prescrizione a fronte dello stesso reato. La truffa di poche centinaia di euro commessa da un ladro di galline pregiudicato per un precedente furto di mele si prescriverebbe in tempi più lunghi rispetto a quella perpretata con profitto di milioni di euro da un incensurato a danno di migliaia di risparmiatori o di clienti (cfr. caso Parmalat o Aiazzone). Per una giustizia giusta e per processi più veloci non servono leggi discriminatorie ma più giudici e più risorse. ma una giustizia giusta e veloce non conviene ai potenti che, infatti, fanno leggi per punire solo e sempre i ladri di polli. Cordialità.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    06 Aprile 2011 - 11:11

    Nel caso della “prescrizione breve per gli incensurati” ritengo che sia giustissimo. Le norme prevedono la riduzione dei tempi di prescrizione per gli incensurati. Vuol dire che i processi devono essere celebrati con solerzia, avvedutezza e speditezza al fine di venirne subito a definizione. Per uno che non ha mai commesso un illecito e si vede coinvolto o è imputato in un processo, la cosa migliore è quanto prima la discussione, pena la prescrizione. E’ penoso, infatti, aspettare sin alle calende greche per vedersi prosciolto o condannato. Parlo per esperienza. Secondo me è un altro passo verso una giustizia più giusta.

    Report

    Rispondi

  • vin43

    06 Aprile 2011 - 11:11

    A Rocco fiascone vorrei dire che c’è sia “fumus persecutionis” sia “interferenza con l’attività del Parlamento”. E lo sa benissimo.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    06 Aprile 2011 - 10:10

    bella lezione sullla giustizia! concordo. Dovresti però aggiungere che un accusato si deve fare processare e non invece inventarsi mille modi di svicolare dal suo dovere di farsi giudicare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog