Cerca

Immigrati, Maroni in missione. Lega: chiudere rubinetti

Il ministro incontra i colleghi europei in Lussemburgo. Calderoli: "Ritiriamo soldati dal Libano, difendano le nostre coste"

Immigrati, Maroni in missione. Lega: chiudere rubinetti
Il ministro degli Interni Roberto Maroni è arrivato questa mattina a Lussemburgo per la riunione dei colleghi dei 27 paesi europei dedicata al tema dell'immigrazione. "Speriamo che l'Europa ci mostri la sua solidarietà", è l'auspicio del capo del Viminale prima di incontrare i colleghi. Nonostante le rassicurazioni dell'esecutivo di Bruxelles che quello dei flussi migratori dal Nordafrica "è un problema comune", la Commissione europea ha confermato che i permessi di soggiorno temporanei che l'Italia vuole concedere a oltre 23mila tunisini non fanno scattare automaticamente la libera circolazione nell'area Schengen. E, in una lettera inviata a Maroni, la commissaria per gli Affari interni, Cecilia Malmstroem, ha anche chiarito che al momento non ci sono le condizioni per attivare la direttiva 55 del 2001 sulla "protezione temporanea", che si applica alle persone un fuga da situazioni di guerra e non ai migranti economici come sono i tunisini che sbarcano sulle coste italiane. "Nulla di nuovo nella posizione" di Bruxelles, aveva replicato ieri sera il titolare del Viminale, i cui spazi di manovra per ottenere la solidarietà concreta dell'Europa nella gestione dei flussi migratori appaiono a questo punto sempre più limitati.

CALDEROLI: "SOLDATI DIFENDANO LE NOSTRE COSTE" - Nella giornata di domenica 10 aprile, un compagno di partito del ministro Maroni ha lanciato una proposta desinata a far discutere: "Ritiramo la truppe italiane in Libano e partiamole a difendere i nostri confini, visto che rischiamo l'invasione". Queste le parole del ministro della Semplificazione Roberto Calderoli: "La ricetta della Lega Nord per affrontare il problema immigrazione conseguente ai sovvertimenti in corso nel Paesi del Maghreb  si può sintetizzare in tre punti: aiutiamoli a casa loro, svuotiamo la vasca e chiudiamo un rubinetto che, purtroppo, ancora sgocciola". Fuor di metafora, meglio presidiare le coste libiche e tunisine per impedire l'arrivo dei migranti, piuttosto che accoglierli e non sapere come rimandarli indietro. "Per fare questo -ha spiegato Calderoli - occorrono mezzi e risorse. Proprio per reperirli proporrò al prossimo Consiglio dei ministri il ritiro delle nostre truppe dal Libano. Siamo là dal 2006  inspiegabilmente. A casa e subito dal Libano: pensiamo a difendere i nostri confini prima che sia troppo tardi".

PD E FLI: "IMPENSABILE RIENTRARE DALLA MISSIONE" - "Posso capire che il clima estivo al Nord possa causare momentanee perdite delle facoltà intellettive, ma ci sembra che l'onorevoli Calderoli abbia bisogno di una fresca pausa - afferma Enzo Bianco, esponente Pd -. Di quale minaccia per i nostri confini sta vagheggiando l’onorevole Calderoli? Quali truppe o potenze straniere mettono a rischio le frontiere italiane? Invece di fantasticare di scontri armati, l'onorevole Calderoli, insieme a tutto il governo Berlusconi, dovrebbe auspicare un’azione diplomatica forte ed efficace per fronteggiare il drammatico problema dell’immigrazione". Analogamente contrario il fronte Fli: "E' assurdo - dichiara Gianfranco Paglia, deputato di Fli e medaglia d'oro al valor militare in Somalia, dove ha perso l'uso delle gambe - che per trovare risorse sull'immigrazione si pensi di venire meno ad accordi internazionali. Così si fa perdere credibilità all'Italia e si offre un segnale di grande debolezza. In Libano grazie alla nostra presenza di interposizione si evita la guerra. Così non si valorizzano i nostri soldati. Noi consentiamo al Libano, che è una polveriera, di avere una vita normale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eovero

    26 Luglio 2011 - 19:07

    ha ragione calderoli,prima difendiamo l''italia,prima che ci riempiono di clandestini.ritiro dei soldati in giro per il mondo.

    Report

    Rispondi

  • germassimo

    12 Aprile 2011 - 16:04

    Giusto ritirare i soldati dal Libano( da mesi non conosciamo + nulla) e destinarli a fermare le imbarcazioni alla partenza.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    12 Aprile 2011 - 14:02

    maroni fà quel che può. La colpa del lassismo e dell'incapacità con cui si è affrontato questo problema tenendoci in casa un esercito di 28MILA uomini stranieri è di berlusconi e del PDL, che non hanno avuto la capacità di riportarli subito a casa loro. Non vedo l'ora che si voti per votare LEGA !

    Report

    Rispondi

  • valter29

    11 Aprile 2011 - 18:06

    Ha ragione Calderoli solo in parte. Secondo il mio punto di vista non mi sembra opportuno abbandonare completamente un singolo fronte, conviene invece ritirare parte dei nostri effettivi da tutti i fronti nei quali siamo impegnati. Aver sacrificato vite dei nostri giovani , oltre i soldi, per poi ritirarci completamente mi sembra quasi un'offesa per i morti e poi perderemmo ogni possibilità di contare qualcosa in quei settori. Il ritiro parziale invece dovrebbe essere un campanello di allarme per i nostri alleati che poco si curano di noi perchè facciamo sempre i primi della classe anche quando ci rimettiamo. Almeno una volta tanto facciamo i nostri interessi e diamo la sveglia a chi di dovere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog