Cerca

Montezemolo sfida Tremonti. Bocchino gode

Il numero uno Ferrari: "Tagli trasversali e scandalosi, mai nella politica". Frasi troppo ghiotte per Italo: "Vieni con noi. O io con te"

Montezemolo sfida Tremonti. Bocchino gode
Luca Corderdo di Montezemolo, con una battuta, cerca di liquidare i rumors sul suo ingresso in politica. "Io? Semmai scendo nei parchi": il presidente Ferrari liquida così le domande. Però poi corregge il tiro: "Viviamo in un Paese strano, in cui la classe politica ritiene di essere l'unica autorizzata a parlare di cose pubbliche". Se ancora non fosse chiaro, però, che Montezemolo alla politica - nonostante le frasi di circostanza - ci pensa davvero, la maschera viene gettata quando attacca la politica economica del ministro Giulio Tremonti. Nel mirino del numero uno della fondazione Italia Futura ci sono i tagli alla ricerca, bollati come "gravissimi, scandalosi e masochistici".

BOCCHINO IN BRODO DI GIUGGIOLE - Frasi troppo ghiotte, queste, per non essere colte da chi, come Italo Bocchino, è alla disperata ricerca di un 'antidoto' anti-Cav. "Montezemolo è un personaggio che viene dalla società civile, e i personaggi che provengono dalla società civile - spiega il vicepresidente di Futuro e Liberà - possono portare una ventata di freschezza e novità a questo Paese. Se scende in campo, lo fa per sparigliare i giochi. Se siamo interessati? Nel caso ci fosse un soggetto forte che fa parte della società civile e che scende in campo sì, siamo interessati". E chi sia questo "soggetto forte della società civile" a cui Bocchino dedica la sviolinata è un segreto di Pulcinella.

MONTEZEMOLO CONTRO LA CLASSE POLITICA - Luca Cordero, parlando dei tagli alla ricerca, si è scagliato contro "una classe politica che non ha a cuore il futuro del nostro Paese. L'Italia - ha proseguito - è il Paese che investe meno in Europa in ricerca, con ottimi ricercatori italiani costretti ad andare all'estero. Anzichè tagliare la ricerca - ecco la sua ricetta - io taglierei inefficienze oppure sui Cda che servono soltanto a sistemare politici trombati. Sento parlare di tagli da tutte le parti tranne che in politica: qualche ministro anzichè tagliare con il laser fa tagli trasversali". Ecco il riferimento, eufemisticamente nemmeno troppo velato, a Giulio Tremonti.

"IL PAESE REALE" - "Il paese reale ha voglia di fare, ha voglia di occuparsi del bene comune e non solo degli affari propri", ha proseguito Montezemolo, presente ad un'iniziativa di Telethon. "Fortunatamente c'è un paese reale che sta reagendo e che si sta dando da fare. Quello che io chiamo gli 'italiani ignoti' che sono una una grande forza del Paese malgrado una politica sempre più lontana dai problemi veri, dalle esigenze vere e dalle scelte coraggiose che bisogna assolutamente fare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guglielmo donatone

    17 Aprile 2011 - 13:01

    Non credo proprio che bocchinuccio abbia la possibilità di godere. Tutt'al più riuscirà, forse, a far godere il plurimegapresidente montedipietà....!

    Report

    Rispondi

  • APG

    15 Aprile 2011 - 14:02

    Montezemolo, forza, entra in politica ed alleati col PD o con FLI, la maggioranza degli italiani ti sarà grata ...! Sicuramente riusciresti a mandare a fondo anche quel partito, con la Ferrari ci sei già riuscito! Evvai!

    Report

    Rispondi

  • vittoriomazzucato

    15 Aprile 2011 - 05:05

    Sono Enrico. Ma lasciate in pace il povero Bocchino: ora va ai talk-shows di La 7 in giacca e camicia con colletto slacciato; non ha più le belle cravatte di mesi fa, sente la crisi. E Luca non pùo mettersi con chi non ha bon ton. GRAZIE

    Report

    Rispondi

  • Fiorbellina

    14 Aprile 2011 - 22:10

    sono mesi che il Sig. Montezemolo fa commenti sul mal funzionamento del govermo, fomda"correnti di pesiero", "gruppi", ma lui no, non entra in politica! La verità è che aspetta il momento giusto per farlo, perchè farà un suo partito, ovviamente "alternativo" e sa benissimo che entrare in politica non è come la Caritas, non lo fai PER L'ITALIA, ,ma avrai come partito dei finaziamenti: sarà per amore della Patria? Mah!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog