Cerca

Lassini fa tutti contenti: "Scusate, non mi candido"

L'autore del manifesto anti-pm a Napolitano: "Non volevo offendere vittime Br. Dmissioni da lista". Il dubbio: ma se verrà votato?

Lassini fa tutti contenti: "Scusate, non mi candido"
"Rinuncerò alla candidatura". Roberto Lassini, candidato del Pdl al consiglio comunale di Milano e autore del contestato manifesto "Via le Br dalle Procure", fa marcia indietro. L'ex Dc e alleato "scomodo" del sindaco uscente Letizia Moratti risponde alla pioggia di critiche piovutegli sulla testa e accontenta tutti, a cominciare dal Pdl. "Sono deluso e amareggiato", ha scritto Lassini nella lettera inviata oggi a Giorgio Napolitano, che ieri aveva pesantemente ripreso la sua iniziativa elettorale definendola una "vergognosa provocazione". "Sono rimasto colpito dalle Sue parole - ha scritto Lassini rivolgendosi direttamente a Napolitano". E nella conferenza stampa organizzata a Milano nel tardo pomeriggio di mercoledì ha annunciato ufficialmente le proprie "dimissioni irrevocabili dalla lista del Pdl". Ad Antonio Di Pietro però non basta: "Quello di Lassini è stato un abile e criminale spot per accreditarsi. Ormai è scaduto il termine per rinunciare quindi resterà candidato del Pdl alle amministrative di Milano. È inutile che dica che non farà la campagna elettorale, la faranno gli altri per lui". In effetti, Lassini assomiglia sempre più a un fantasma: nelle liste c'è, ma non farà campagna elettorale. E se prendesse 8.000 preferenze? "Non è una domanda sensata", ha dribblato in conferenza stampa. La risposta più logica? Si dimetterà dal ruolo di consigliere e accetterà qualche altro incarico. Tutto perché, a liste ormai chiuse, non c'è modo tecnicamente di sottrarsi al giudizio delle urne, con tutti i pro e i contro del caso.

PDL IN PRESSING - Il Colle, però, non era stato il solo a prendersela con Lassini. Dal sindaco di Milano Letizia Moratti al presidente del Senato Renato Schifani, nelle ultime ore si sono sprecati gli inviti più o meno duri al politico ex Dc a ritirare la propria candidatura. Renato Schifani ha ammonito: "Mi aspetto dal Pdl che prenda ufficialmente le distanze da questo candidato. Occorre far gesti concreti perché si abbassino i toni e vengano condannate senza se e senza ma queste iniziative". Categorica Letizia Moratti, imbarazzata dalla presenza nelle proprie liste di Lassini: "La mia candidatura è incompatibile con la sua". Per il presidente della Regione Roberto Formigoni "sarebbe opportuno che Lassini si autosospendesse", non esprime la linea del partito. Tuttavia  - spiega Formigoni - si è rivelato solo dopo che la sua candidatura era stata accettata da indipendente, credo quindi che non sia facile procedere all'esclusione".

NIENTE RETROMARCIA
- Per molgi giorni, però, Lassini non ha avuto voglia di trattare. E siccome i panni sporchi si lavano sui giornali, meglio se dell'altra sponda, il candidato della discordia ha rivelato a Repubblica: "Mantovani (il responsabile del Pdl Lombardia, ndr) è un vecchio democristiano come me. Mi ha solo chiesto di fare un passo indietro e può significare molte cose. Sono pronto a resistere e se mi arrabbio ho tanto da raccontare, non voglio fare da capro espiatorio". Nessun passo indietro perché, semplicemente, non c'era nessun pentimento da esibire: "Rivendico il mio diritto di opinione, quella del manifesto è una frase forte, è vero ma riprende quanto detto da Berlusconi sui 'brigatismo giudiziario' di certi magistrati". E mentre lo stesso Mario Mantovani, al Corriere della Sera, ha incalzato ("Scriverò una lettera a Lassini, invitandolo a rinunciare alla candidatura, la linea di quei manifesti, per quanto provocatoria, è lontana dal nostro sentire e non può avere il nostro appoggio") e chiamato in causa Berlusconi ("Anche lui mi ha detto che la provocazione andava respinta. Comunque, non c'è nessun coinvolgimento del partito"), la Procura di Milano si è già mossa: il pm Spataro ha aperto un fascicolo contro Lassini e i due responsabili fisici dei manifesti per vilipendio all'autorità giudiziaria. Per procedere, però, servirà il nullaosta del Guardasigilli Angelino Alfano. In ogni caso, saranno polemiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tambo

    20 Aprile 2011 - 11:11

    è un grande...la moratti è piccola....ovviamente lo voterò

    Report

    Rispondi

  • ubik

    20 Aprile 2011 - 11:11

    va bene, tutti quelli che si sentono vessati dalla magistratura votano pdl, gli altri, quelli che si sentono vessati dalla politica votano pd. Continuate su questa linea che andate lontano... :)

    Report

    Rispondi

  • paolo44

    20 Aprile 2011 - 11:11

    Lassini è ancora in lista, la lista è intoccabile. Quindi eleggibilissimo. Basta scrivere il suo nome sulla scheda e dargli la preferenza, verrà eletto alla faccia di giudici e politicamente corretti. Ed inamovibile. Forza, fategli un po' di campagna elettorale. Ogni voto uno schiaffo ai giudici di Milano.

    Report

    Rispondi

  • vipiko1

    20 Aprile 2011 - 10:10

    ha fatto bene per amor di partito; se vuole combattere la sua legittima battaglia contro i suoi persecutori......lo faccia come cittadino privato con azione di danni oppure partecipando a trasmissioni televisive comunque a mezzo di media.Lo strapotere dei P.M. va combattuto politicamente con i mezzi che possiede la maggioranza

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog