Cerca

Confindustria: "Ok stabilità, ma servono riforme"

Il dg degli industriali Galli richiama il governo: "Risanamento ambizioso, ma no a tagli su investimenti"

6
Confindustria: "Ok stabilità, ma servono riforme"
Confindustria bacchetta il governo sul piano delle riforme, della crescita, del risanamento. Il dg degli industriali, Giampaolo Galli, intervenendo davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, ha infatti definito "deludente" il Piano nazionale di riforme, specie per quanto riguarda "le azioni concrete da intraprendere per la crescita e la competitivià del sistema".  "Confindustria -ha poi  aggiunto- si aspetta che tali azioni vengano definite e rese rapidamente operative".

RISANAMENTO -  Lo sforzo di risanamento indicato dal governo è "estremamente ambizioso - ha sottolineato il dg degli Industriali -
di gran lunga superiore a quello compiuto negli anni novanta per rispettare i parametri di Maastricht e partecipare fin dall'inizio alla moneta unica europea" . Per conseguire quegli obiettivi serviranno manovre per "circa 39 miliardi nel biennio 2013-14". Il governo oltre a confermare gli impegni già assunti, ne assume di ulteriori, prevedendo di varare una manovra di 2,3 punti di Pil per il biennio indicato.

SPESA PUBBLICA -   L'impegno del governo è "più gravoso oggi, in un contesto reso difficile dalle conseguenze della crisi finanziaria globale e dalla perdita di competitività accumulata nel nostro Paese". Una situazione che impone "che si ridisegnino i meccanismi di spesa e lo stesso perimetro dello Stato nell'economia e nella società". Senza questi cambiamenti, i tagli alla spesa potrebbero potrebbero essere difficili da sostenere. Preoccupano "il taglio agli investimenti pubblici" che deriva dalla compressione della spesa primaria. "Scenderebbero a 27 miliardi già nel 2012, erano 38 miliardi nel 2009. Si tratta di una diminuzione consistente che avrà effetti di lungo periodo sull'infrastrutturazione del Paese ed è in contrasto con le raccomandazioni dell'Unione Europea, che chiede di effettuare il risanamento senza penalizzare la spesa in infrastrutture". 


Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guidoboc

    19 Aprile 2011 - 17:05

    Si nel 1994, smemorato di Collegno.

    Report

    Rispondi

  • gigi il negher

    19 Aprile 2011 - 14:02

    si ma chi aveva promesso un milione di posti di lavoro, Berlusconi o gli industriali?

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    19 Aprile 2011 - 13:01

    Tutto un lamento , creino posti di lavoro , gli imprenditori sono loro o no?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media