Cerca

Acqua, Romani: 'Approfondimento sul referendum'

Il ministro: "Il tema divide in due, si deve andare a fondo da punto di vista legislativo". Insorge il comitato: "Dopo nucleare un nuovo scippo"

Acqua, Romani: 'Approfondimento sul referendum'
Il ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, ha espresso le sue perplessità sul referendum che riguarda la privatizzazione dell'acqua. "Anche su questo tema il referendum divide in due. Ma è un tema di grande rilevanza - spiega il ministro - e ho l'impressione che anche su questo sarebbe meglio fare un approfondimento legislativo". Ovvia l'alazata di scudi del comitato 2Sì per l'Acqua bene comune, i promotori della consultazione referendiaria, che vedono nelle parole di Romani il tentativo di far andare in fumo la votazione.

"I referendum sull'acqua - sottolineano dal comitato - hanno ottenuto le firme di un milione e quattrocentomila cittadini. Una straordinaria mobilitazione chiede l'uscita dell'acqua dal mercato e dai profitti dell'acqua e che vuole la tutela condivisa di un bene comune essenziale e di un diritto univesrale". Sono bastate le ovvie e caute parole del ministro Romani per scatenare le accuse: "Mentre tentano lo scippo del referendum sul nucleare - attacca il comitato promotore - il governo e i poteri forti di questo Paese vogliono provare a fare lo stesso con i due referendum sull'acqua".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    25 Aprile 2011 - 20:08

    Mi fa piacere che lei concordi con me sia sui "furbetti" che su certi "sacrosanti" referendum. Non sono d'accordo , "mi consenta", sul fatto che Di Pietro sia in testa alla speciale classifica dei furbi,od almeno, che lo sia da solo...! Grazie e contraccambio (Pasqua festeggiata con lasagne verdi rigorosamente alla bolognese!).

    Report

    Rispondi

  • Odescalchi

    25 Aprile 2011 - 18:06

    Cari amici! qui non è questione di idee, è questione di VITA! Vi ricordo che l'acqua costituisce vita per il nostro corpo! Siamo soggetti a differenze notevoli secondo l'età, la costituzione, il tipo di alimentazione. Inoltre i nostri organi e tessuti sono "bagnati" in modo diverso. Da giovani siamo decisamente più ricchi d'acqua, soprattutto nei tessuti molli, nella pelle e nei tessuti connettivi e sottocutanei. In seguito, il tenore d'acqua si riduce progressivamente da una media del 75% del bambino piccolo a circa il 50% nella terza età. Puoi restare senza cibo per molto tempo, senza acqua muori in fretta.! Trovo insopportabile l'idea che qualcuno, chiunque esso sia, tragga ulteriori soldi dalla nostra vita.! Se poi anche nel sistema Acqua Pubblico ci sono clepto-crati, è un altro problema che và affrontato con feroce determinazione. Chi lo farà rccoglierà il consenso di tutti. Fate voi!

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    23 Aprile 2011 - 23:11

    Ha ragione , ma è così che vanno le cose.Come vede nel referendum, sacrosanti per dire il vero, sono stati accorpati solo ed esclusivamente per un motivo, che non c'entra niente con il contenuto dei quesiti referendari.Cosa vuole,odio i furbetti , specialmente il più grande di tutti , Di Pietro.Le auguro una Felice e serena Pasqua.ciannosecco.

    Report

    Rispondi

  • pi.bo42

    23 Aprile 2011 - 16:04

    Intanto contraccambio volentieri, ma bisognerebbe che si evitassero furbizie sia da una parte che da quell'altra. Avremmo bisogno veramente più che di astuzia , da parte dei nostri amministratori della cosa pubblica, di vera onestà intellettuale e.....morale. Pura utopia?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog