Cerca

Lombardo come Bossi: "Sicilia, l'ora della secessione"

Provocazione 'lumbard' che arriva da Palermo. Il Governatore: "Dateci i soldi delle accise e siamo autonomi" / SUNSERI

Lombardo come Bossi: "Sicilia, l'ora della secessione"
«Ma quale Padania! Ma quale Lega! Sono io, il presidente della Regione Siciliana, che dice a voi del Nord: basta così, la secessione la facciamo noi. La Trinacria se ne va, è prontissima ad arrangiarsi da sola».   Il Governatore Lombardo comincia ad alzare la voce. Certo le cose stanno andando molto diversamente da come aveva sperato al momento dell’elezione. La sua giunta, di ribaltone in ribaltone è finita ostaggio del Pd che ora deve decidere se mantenere l’appoggio. Soprattutto se dalla Procura di Catania dovesse arrivare un avviso di garanzia per fatti di mafia.

 Nel frattempo Lombardo deve fronteggiare la concorrenza di Gianfranco Miccichè: Forza Sud sta mangiando lo spazio politico dell’Mpa proprio sul suo terreno preferito: i diritti del meridione scippati dal furore rapace del nord.  «No, dico sul serio – ripete in questi giorni Lombardo -. In fin dei conti già nel 1943 la Sicilia vagheggiava di diventare una nazione autonoma e federata degli Stati Uniti d’America. Chiederò al ministro per il Federalismo, Umberto Bossi, che questa secessione la faccia veramente una volta per tutte. Ma in Sicilia. Ci mandi pure al diavolo». Lombardo rincara la dose, accettando l’idea dell’ideologo della Lega, Gianfanco Miglio, di creare in italia i cantoni, come in Svizzera. In realtà ha un’urgenza da risolvere che lo spinge ad esasperare i toni. Entro la prossima settimana deve approvare la finanziaria regionale. Altrimenti c’è il rischio del commissariamento. I soldi però, sono finiti. Si sono persi negli anni in mille rivoli di clientelismo che adesso è è molto difficile prosciugare. Tuttavia la contabilità impone le sue regole. Così è partito un progetto di riduzione dei costi molto doloroso.

Per esempio incidendo sulla formazione finanziata dalla Regione. Un’organizzazione gigantesca e costosissima (500 milioni l’anno) ma assolutamente inutile.  Sforna sartine e parricchieri, estetiste e improbabili tecnici di computer che, ovviamente, restano senza lavoro. Ma non importa. Contano gli stipendi che la Regione è in grado di erogare al sistema degli enti professionali. Solo che l’avvilimento economico sta rimescolando le carte. Da giorni il centro di Palermo è assediato  da precari della pubblica amministrazione (fra cui molti ex ospiti dell’Ucciardone) rimasti senza stipendio e da dipendenti degli enti di formazione privi di futuro.

Lombardo ha assolutamente bisogno di soldi. Soprattutto ne ha bisogno alla svelta.  Così rilancia il tema delle accise sui prodotti petroliferi  i cui proventi, pur promessi da anni, non arrivano mai.  «Le sole entrate fiscali derivanti dalla raffinazione del petrolio negli impianti di Gela, Milazzo, Augusta, Ragusa, Priolo e Melilli ci bastano e avanzano per essere autosufficienti insieme con altre regioni. Sa quanto incassa di accise lo Stato italiano sulla nostra pelle? Dieci miliardi di euro». Certo se questi soldi arrivassero Lombardo avrebbe risolto i suoi problemi. Siccome gli sono stati promessi prova anche a metterli in bilancio. Tuttavia fino a quando non parte il bonifico da Roma si tratta solo di acrobazie contabili. Così il Governatore siciliano è costretto ad alzare la voce. A minacciare  blitz d’autore nel tentativo di smuovere le acque. Aspetta anche lo sblocco dei fondi europei che Berlusconi gli aveva promesso due anni fa. Non è arrivato nulla.  E allora Lombardo da Palazzo dei Normanni lancia le sue minacce. Tanto non ha moltissimo da perdere.  Non ha ottenuto nulla quando andava a braccetto con Berlusconi. Figuriamoci adesso. Ma almeno può evitare lo smottamento di voti verso Gianfranco Miccichè che ha già cancellato l’Mpa in Campania. Se attacca anche la cassaforte di voti in Sicilia potrebbe mettersi davvero male per Lombardo.

In realtà il Governatore siciliano è ormai un animale isolato nella savana della politica. A Roma non ha più sponde. A Palermo traballa agganciato ad un pugno di consiglieri regionali del Pd. Non resta che suonare la carica per tenere alto il morale dell’elettorato: «Il federalismo non si realizzerà affatto com’è stato pensato. E allora meglio che ciascuno vada per la propria strada. Si spaccherà il mio movimento su questa scelta? Pazienza. Scapperanno coloro che trovano più conveniente tirare a campare, lasciare che le cose restino come sono».

di Nino Sunseri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • siluro110

    19 Maggio 2011 - 12:12

    Grande presidente, se noi sfruttassimo al meglio il nostro turismo, la nostra terra , e tutte le risorse che abbiamo sopra e sotto il nostro suolo, saremmi i più ricchi del mondo, e non dovremmo essere costretti a pagare il 60% allo Stato e ai ladroni del nord Cirio Parmalat MOndadori Unipol Puttane Razzisti, anzi gente fateci una bella cortesia, non venite in sicilia noi stiamo bene così!!!! arrivano in spiaggia e rompono le palle corrono come formiche e le donne del nord appena vedono un siciliano gli brillano gli occhi, ovvio no quelli che hanno su di maschietti sono talmente bianchi fluorescenti, che praticamente di notte fanno luce !!!!!!!!!!!!!! ma dateci un taglio falliti!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • aifide

    25 Aprile 2011 - 23:11

    Agevoliamo la secessione della Sicilia: seguirà quella della Padania. I tempi sono ormai maturi: diamoci da fare!

    Report

    Rispondi

  • futuro libero

    25 Aprile 2011 - 11:11

    Vi ricordate come rispondeva a Bossi per la Padania? Eppure proprio lui è l'unico italiano che ha festeggiato i 150 anni dell'unità d'Italia otre a fini naturalmente per sporchi interessi ( cioè per tenerselo buono e restare in poltrona alla facciaccia degli italiani), Già una volta avevo detto che l'Italia si doveva dividere in tre parti. Io vedrei il Sud a lombardo PD e FLI, centro Italia a PD UDC e FLI. a Padania a Lega e PDL , e che viva i migliore. A napulità come mai questo silenzio?

    Report

    Rispondi

  • peteralm39

    23 Aprile 2011 - 18:06

    Da fonti bene informate, e non smentite, almeno a quanto si sappia, in Sicilia ci sono circa 27000 dipendenti pubblici contro i 4000 in Lombardia, mentre i Forestali sono circa 25000. Basterebbero solo queste cifre per capire che il Nord aspetta con trepidazione che Lombardo passi dalle parole ai fatti. Ovviamente non per razzismo, come si potrebbe pensare in maniera superficiale, ma per una questione di mera sopravvivenza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog