Cerca

Storace: "150° Unità? Non si dimentichi il ventennio fascista"

La proposta: "Cambiare la legge: non si possono celebrare solo 130 anni, è ipocrisia. E l'Eur, Latina e la previdenza sociale dove li mettiamo?"

Storace: "150° Unità? Non si dimentichi il ventennio fascista"
Francesco Storace, il segretario del la Destra, lancia la provocazione dal suo blog e riporta in primo piano le polemiche sull'Unità. "Bisogna cambiare la legge sul 150° dell'Unità d'Italia. Non perché lo chieda la Lega e non perché escano nuovi manifesti di Lassini; ma semplicemente perché 'si rischia' di celebrare il fascismo...E' quello che pare di capire dalle grida ipocrite di un branco di autentici incolti - prosegue Storace - a cui hanno regalato la laurea in antifascistologia".

FACCETTA NERA -
Il punto, secondo il segreatraio de la Destra, è che "pretendono che si parli di 130 anni celebrandone 150, cancellando i 20 anni del fascismo. Si credono molto intelligenti e pensano che nessun italiano conosca Faccetta Nera, e che canticchiarla sia un crimine degno della pena di morte": qui il riferimento è al caso del professore che durante una lezione di storia ha fatto intonare l'inno fascista.

"E LA PREVIDENZA SOCIALE?" - "E allora - si chiede Storace - perché non cancellate la previdenza sociale, perché non buttate giù l'urbanistica dell'Eur e non radete al suolo Latina e le città di Fondazione. Non c'è bisogno di essere fascisti per guardare senza manicheismi a tutta la storia nazionale, con le sue luci e le sue ombre; c'è necessità di essere cretini - attacca - per tappare la bocca a chi pone domande. 130 anni non sono 150 e ci fa pena chi ne elimina 20. E' nella storia d'Italia. E' illusorio pensare di cancellarla. Leggo i libri di De Felice e Pansa - conclude il segretario de la Destra -  e mi chiedo se il 25 aprile è stato solo democrazia. Quanti lutti in tuo nome...Non ci sono italiani che non credono nella democrazia. Finisca la retorica", intima Storace.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Lamb

    26 Aprile 2011 - 09:09

    come la campagna di Russia, le stragi coloniali, le leggi razziali, il sostegno al nazismo, le intimidazioni, le violenze sugli avversari politici inviati al confino e l'aiuto offerto ai tedeschi per deportare altri italiani invisi al regime in Germania.

    Report

    Rispondi

  • blankfrank62

    25 Aprile 2011 - 21:09

    Ha solo dimenticato Matteotti, le leggi razziali e la guerra. Dettagli...

    Report

    Rispondi

  • pantaleoni

    25 Aprile 2011 - 14:02

    Che rispetti almeno il 25 APRILE, No al fascismo, W la Resistenza, fuori i Fascisti dal Governo, si sono già i Piduisti

    Report

    Rispondi

  • Ghinaccio

    25 Aprile 2011 - 12:12

    voglio almeno provarci a far passare un concetto che non piacerà al 99% degli italiani inquadrati e omologati da ben 66 anni di menzogne e falsità storiche. Oggi, 25 Aprile, per me non è un giorno di festa: è un lutto dichiarato da tanta menzogna, o meglio dire da un BRAIN WASHING perpetrato sistematicamente e gramscianamente da 66 anni. Il 25 Aprile è con l'8 Settembre '43, la fine consolidata della Unità d'Italia tanto strombazzata in questo 150° anniversario. 66 anni di partitismo politico che ha portato l'Italia ad una marmellata di autentici idioti della politica, pronti solo a farsi belli davanti a qualche telecamera o qualche giornalista guitto compiacente. Il 25 Aprile è la prova provata che questo paese non è in grado di guardare a se stesso di fronte alla Storia con la S maiuscola: è l'inno alla farisaicismo incancrenito tutto italiano ed è per questo che saremo sempre derisi fuori i nostri fittizi confini. Un vero capolavoro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog