Cerca

Camilleri scende in campo: assessore con l'Udc

Porto Empedocle, candidato sindaco vuole lo scrittore fra i suoi: "Ha accettato con entusiasmo". Ma il papà di Montalbano non votava Pci?

Camilleri scende in campo: assessore con l'Udc
Andrea Camilleri, lo scrittore siciliano padre di Montalbano, scenderà in politica a fianco dell'Udc. Lo ha dichiarato il sindaco di Porto Empedocle, Calogero Firetto, eletto nelle fila del partito di Casini e ricandatosi per le prossime amministrative. Eppure, Camilleri si era sempre dichiarato simpatizzante di sinistra, aveva presino preso la tessera del Pci. Che lo scrittore fiuti un vento di cambiamento?

ASSESSORE ALLA CULTURA -
Firetto avrebbe invitato Camilleri a entrare a far parte della prossima, eventuale squadra di amministratori. "Gli ho offerto la carica di assessore alla cultura, lui ha accettato con entusiasmo", ha dichiarato il sindaco. Suo unico avversario alle comunali sarà Paolo Ferrero, anche lui ex sindaco e sostenuto dall'Italia dei Valori. Con Firetto, invece, si schiera un ampio fronte trasversale, che attraversa l'intero arco istituzionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    07 Maggio 2011 - 15:03

    E ti pareva che pur di avere potere e visibilità anche il komunista si travestissse da comunista? UDC? Macchè: a sinistra del partito comunista cinese!

    Report

    Rispondi

  • violacea

    06 Maggio 2011 - 23:11

    pensa di andare a scrivere un romanzo?????? o cosa??? sto vecchio rinco!!! montalbano sono, ha!!!!

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Maggio 2011 - 08:08

    Ma guardando questo bel tomo mi consolo alla grande. Ciò che di lui da fastidio, però, non è tanto l'aspetto, quanto la elevata supponenza di sé accompagnata dalla eterna sigaretta fumante. Un tempo, alla sua età, si era più defilati e non si andava qui e là a proporsi nei comuni per una carica che non si desiderava più e che l'esperienza aveva già derubricato tra i desideri più forti. Si badava insomma più al decoro che gli anni hanno portato che alla voglie di mettersi in mostra a qualunque costo, anche a quello di fare figuracce. Ma se lui riconosce l'incapacità (che anche noi in questo caso riconosciamo agli amministratori siciliani) di una onesta conduzione, faccia pure e si proponga. Si ricordi solo che in aula comunale non si fuma!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    04 Maggio 2011 - 22:10

    certo! Adesso ha cambiato perchè con il Pci in disgrazia incassava di meno! Bisogna essere flessibili ... ragazzi belli!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog