Cerca

Napolitano di traverso: "Esame su maggioranza"

Il Capo dello Stato chiede che sul 'rimpastino' votino le Camere. Governo replica: "Già effettuate verifiche, a partire dalla fiducia del 14 dicembre". Quirinale: "Parlamento, maggioranza diversa. Serve altra investitura". Su referendum: "Rai informi sul voto"

Napolitano di traverso: "Esame su maggioranza"
Puntuale, arriva l'alt di Giorgio Napolitano. Il ragionamento del Capo dello Stato è il seguente: con la nomina dei nuovi sottosegretari ci sono state delle "novità" nella maggioranza. Quindi è necessario "investire il Parlamento". Nuovamente. E' quanto si può leggere in una nota del Quirinale, in cui si ricorda come Napolitano abbia firmato i decreti di nomina di nove sottosegretari, "la cui scelta rientra come è noto nella esclusiva responsabilità del presidente del Consiglio", Silvio Berlusconi. Il governo ha subito replicato a Napolitano, sottolineando come le verifiche siano già arrivate con "i numerosi voti di fiducia, a partire da quello del 14 dicembre".

NOTA DEL COLLE - "Il Capo dello Stato - recita la nota - ha in pari tempo rilevato che sono entrati a far parte del Governo esponenti di Gruppi parlamentari diversi rispetto alle componenti della coalizione che si è presentata alle elezioni politiche": il riferimento è all'ingresso nell'esecutivo del gruppo dei Responsabili. "Spetta ai Presidenti delle Camere e al Presidente del Consiglio valutare le modalità con le quali investire il Parlamento delle novità intervenute nella maggioranza che sostiene il Governo".

REPLICA DEL GOVERNO - "Numerosi voti di fiducia, a partire da quello della svolta del 14 dicembre, hanno chiarito il quadro politico con ripetute verifiche nelle sedi parlamentari". La replica al Capo dello Stato è arrivata con una nota congiunta dei presidenti dei gruppi Pdl di Camera e Senato, Maurizio Gasparri e Fabrizio Cicchitto, e dei vicepresidenti vicari, Gaetano Quagliarello e Massimo Corsaro". Il testo prosegue sottolineando come "le nomine di governo sono giunte dopo queste diverse votazioni e nel pieno ed assoluto rispetto delle norme costituzionali e delle prerogative del Capo dello Stato.

BERSANI: "CI RIMETTIAMO ALLE CAMERE" - Il segreatario del Partito Democratico, dopo la nota del Quirinale, è partito subito all'attacco. "Il decreto sviluppa solo sottosegretari. E, non a caso, c’è il richiamo del Presidente della Repubblica nella sua assoluta correttezza istituzionale. Gli italiani non capiscono se c’è stata la nomina di un’accozzaglia di di sottosegretari, oppure è nata una nuova maggioranza parlamentare con il Parlamento che si riduce a luogo di compravendita di deputati e senatori. Per quello che riguarda, aspettiamo sereni le valutazioni di Fini e Schifani: ci rimettiamo alla valutazione dei presidenti di Camera e Senato".

DONADI: "E' ALTRO ESECUTIVO"  - Quindi il presidente del gruppo Idv alla Camera, Massimo Donadi, ha sottolineato: "Il presidente Napolitano ha ragione. L'attuale governo è sostenuto da un'altra maggioranza rispetto a quella uscita dalle urne, e Berlusconi ha il dovere di presentarsi alle Camere e chiedere la fiducia per il nuovo esecutivo. E' un altro governo rispetto a quello del 2008".

REFERENDUM: "RAI INFORMI SU VOTO" - Poco prima che uscisse la nota del Quirinale, si è appreso che Napolitano ha affrontato con il presidente e il dg Rai - Paolo Garimberti e Lorenza Lei, fresca di nomina - le questioni relative "alla piena e tempestiva attuazione del regolamento approvato dalla Commissione parlamentare di vigilanza sulla Rai e alla necessaria informazione sulle modalità di svolgimento della consultazioni referandaria". Sempre in una nota diffusa dal Collo, si leggeva che Napolitano si è "complimentato con la dottoressa Lei per l'ampia fiducia accordatagli" da viale Mazzini. Intanto, da venerdì sera, andranno in onda sulla televisione pubblica gli spot informativi sui quesiti referendari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bocciatore

    07 Maggio 2011 - 21:09

    Come volevasi dimostrare il presidente superpartes di tutti gli Italiani è entrato a gamba tesa contro il governo,e sulla occupazione abusiva del presidente della camera silenzio assoluto.Che delusione

    Report

    Rispondi

  • spalella

    07 Maggio 2011 - 17:05

    Questa è la stupidità della stupidità, qualcosa che e tra l'altro tanto strumentale da essere disonestà. Non lo dico da DX, lo dico da cittadino che usa il cervello e guarda alla politica TUTTA come alla cosa PEGGIORE DEL PAESE. Cosa bisogna verificare per napolitano? che il pdl voglia questa nuova maggioranza, o che la Lega sia d'accordo, o che i nuovi entrati siano ancora convinti della loro scelta? Questa, mi dispiace, è DISONESTA' INTELLETTUALE e pretesto inutile.

    Report

    Rispondi

  • ego1

    07 Maggio 2011 - 16:04

    Non c'è poi tanto da meravigliarsi per le vagonate di idiozie vomitate dai sinistri! Essi replicano, ancora più al ribasso, il penoso repertorio dei loro patetici referenti politici.

    Report

    Rispondi

  • ego1

    07 Maggio 2011 - 15:03

    Perchè per il prossimo carnevale non regaliamo a Napolitano un bell'abito di pulcinella?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog