Cerca

Distinguo di Bossi: "Non tutti toghe sono un cancro"

Il Senatùr risponde al Cav, che aveva parlato di pm in guerra. Poi Berlusconi: "Solo quelli di Milano". Fini all'attacco

Distinguo di Bossi: "Non tutti toghe sono un cancro"
Silvio Berlusconi, sabato dal palco del Palasharp di Milano, era tornato a pungere i pm: "Un cancro da estirpare". Il suo affondo, però, è stato respinto dall'alleato, Umberto Bossi, che prende le distanze da quanto dichiarato dal Cav. "Io non penso quella roba lì", ovvero che le toghe siano un cancro, spiega il Senatùr.

CIELO SERENO - Sui rapporti tra Lega e Pdl, però, il leader del Carroccio spiega che "sono buoni, stiamo bene, ogni tanto ci sono delle diversità come sulla guerra in Libia". Poi il Senatùr rimarca le conquiste federaliste: "Non è stata un'impresa facile, ma con l'ultima firma di Napolitano l'ultimo atto dal punto di vista legislativo si è concluso. E' un risultato storico".

CAV: "SOLO PM MILANESI" - Dopo le dichiarazioni di Bossi, Berlusconi è voluto tornare sulle sue parole per spiegare che "a Milano parlavo dei pm milanesi, non dei giudici. Anzi - ha proseguito il premier - ho sottolineato che le accuse che mi vengono rivolte dai pm non hanno poi trovato rispondenza nelle decisioni dei giudici".

FINI ALL'ATTACCO - A stigmatizzare le parole di Berlusconi, puntuale, è arrivato l'intervento del presidente della Camera, Gianfranco Fini. "Non posso pensare che il presidente del Consiglio si scagli contro i magistrati delegittimando tutto il corpo della magistratura". Il leader di Futuro e Libertà ha comunque sottolineato che "tutte le opposizioni devono smetterla di pensare che Berlusconi possa esser battuto per via giudiziaria. Perde credibilità perché promette cose che non mantiene mai, non perché ha questo o quel processo in corso".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Nandik

    16 Maggio 2011 - 18:06

    Quasi quasi mi diventi simpatico. Proverò a pensare a te come a una possibile alternativa.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    09 Maggio 2011 - 15:03

    OVVIO che in una categoria NON siano tutti eguali. Credo che cercando bene sarebbe possibile anche trovare almeno un lupo vegetariano.... I magistrati uccisi dalla mafia, come dice napolitano, ci sono stati e nessuno li nega..... MA le migliaia di giudici statali che sono SOTTO la media produttiva (pur bassa) del pubblico impiego sono la maggioranza. Gli statali della giustizia privi di un minimo di standard professionale e che recitano sentenze a soggetto pur trattando crimini simili sono tanti. E gli statali della giustizia INOLTRE si giudicano da soli, TRA COMPARI, e qualsiasi sciocco sà che questo è la base della disonestà.

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    09 Maggio 2011 - 14:02

    Ora ditemi chi ha pagato severamente per quei morti, come l’autore degli arresti il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, trucidato con la moglie a Palermo, forse, non era decisa dal no di Roma a sue richieste o Napolitano non ha visto, come me, la sua faccia, quando lasciò Palazzo Chigi e veder spu**re dalla sua Sinistra (in mia presenza, al teatro Parioli, Costanzo show), anche Giovanni come Walter, fecero stessa fine. Ora, questa “ Uomini delle Br ”, sono o no, chi latitante e chi, a “ lavorare” nelle cooperative? Io fino al 1992, ho conosciuto quasi tutti i Politici di Destra e di Sinistra al Circolo Culturale De Amicis di Milano e nel mondo, de Amicis fu fondato dall’ex, Sindaco e Ministro, Aldo Aniasi detto Iso, un uomo che sapeva ascoltare e agiva di conseguenza. Io ho onorato i morti e i gambizzati, alcuni miei amici e lo stesso sottoscritto gli spaccarono la crapa, malmenato, sempre a Milano da criminali Brigatisti nel periodo Milano da amare, ove, molti furbetti del “quartierino sporco”, si sono riempiti la bocca e i portafogli per poi, spu**re, il mio amico, lo Statista Bettino Craxi e molti Dirigenti Socialisti, come me che Bettino, mi coniò “ un Socialista di Dio impavido “, ma abusato da gentaglia che non hanno avuto scrupoli di accusare quel periodo, salvo che vedere l’ipocrita D’Alema, accogliere il figlio per appropriarsi valori che non ha e dello scranno di vice segr. Pse, Bobo e l’er Bruto, suo vice Segretario, in compagnia di un terrorista! Insomma, George, non ho affermato che quell’ideologia stragista Brigate Rosse e kompagnuzzi, in pratica le stesse sue idee per un lungo periodo, proveniente dal Kgb di un’Armata Urss che considerava la Democrazia come il male assoluto, per questo costruì, quel famoso “ Muro di Berlino ”, che da lì, 40.000 l’anno lo saltavano e, migliaia furono fucilati alle spalle e non viceversa! In pratica, i Politici del Pci non scappavano dal male, verso Mosca o Berlino Ovest! Insomma, come le idee di Osama Bin Laden col suo al Qaeda, solo che Osama aveva il suo rifugio in Pakistan, questi criminali da Kompagnuzzi Francesi e Sud America di Lula e Kumpagnuzzi Fascistoidi che adorano suonare i Kalašnikov alla Battisti, naturalmente, con targa Comunismo! https://profiles.google.com/vincenzoaliasilcontadino/posts/Vt68tH4YXvq#vincenzoaliasilcontadino/posts/Vt68tH4YXvq http://www.splinder.com/myblog/edit/view/659606 http://vincenzoaliasilcontadino.ilcannocchiale.it/ http://vincenzoaliasilcontadino.wordpress.com/2011/05/09/magistrati-e-giudici-uccisi-si-ma-sempre-da-comunisti-come-il-mio-amico-walter-tobagi-e-mercanzin-il-cav-contro-lassalto-giudiziario-inchiesta-sui-pm-politicizzati-interni-ilgiornale/ http://www.ilgiornale.it/interni/il_cav_replica_allassalto_giudiziario_ora_uninchiesta_pm_milanesi/09-05-2011/articolo-id=522027-page=0-comments=1

    Report

    Rispondi

  • xindicativo

    09 Maggio 2011 - 13:01

    Il cancro e l'eversione sono in sé una patologia , perciò l'eradicarne lo sviluppo, anzi lo strapotere sarebbe azione democraticamente esistenziale. Paradossalmente la sclerotizzazione della conservazione arriva a smontare valori e sacrifici così faticosamente acquisiti divenendo dicotomia espressa in forma lessicale da malatrofismi con appunto significato simil vero alla percezione ma totalmente avulso dal sentore etimologico reale. Il paradosso diviene allorquando si tende a conservare il principio stesso del valore giustizia metastizzata dal cancro suo stesso distruttore; bene fanno coloro che separano vita da morte. Relativismo di rendita di posizione è principio di morte della democrazia e libertà. La prevenzione che costa meno è il prendersi un rischio al giorno quando si è al posto giusto al momento giusto: allora conservare diviene encomiabile e le cose hanno significato concreto : Bossi , giocando eccessivamente si viene giocati... ma anche... Actung !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog