Cerca

Da Colle in campo: "Così federalismo non va bene..."

Napolitano sempre più 'star' e sempre meno arbitro: "Io faccio quel che posso. Aula non è esecizio meschino"

Da Colle in campo: "Così federalismo non va bene..."
"Faccio quello che posso e che devo fare secondo la Costituzione". Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano scende ancora in campo e, intervenendo di fronte ai giovani studenti fiorentini al Salone dei 500, prova ad indicare la via delle riforme. Innanzitutto il federalismo fiscale, per cui però serve una verifica "poichè restano da misurare gli effetti del totale dei decreti e ci si deve eventualmente attivare anche con dei correttivi". Un avvertimento chiaro e tondo al governo e soprattutto al leader leghista Umberto Bossi.

"FEDERALISMO DIFFERENTE" - Per il presidente è necessario andare verso un sistema delle autonomie che vada oltre l'aspetto fiscale: "Occorre anche una Camera delle Regioni e delle Autonomie per corresponsabilizzare i rappresentanti locali e regionali sui problemi del bilancio pubblico", evitando però "lo sgretolamento del sistema italiano". Napolitano, poi, dice la sua sul ruolo del Parlamento. "Esiste il problema di riqualificare, rimotivare i parlamenti nazionali e vorrei dire anche i parlamentari nazionali - ha spiegato il capo del Quirinale -. Occorre rilanciare il ruolo del Parlamento, che non è destinato a sparire e ridursi né a un esercizio povero e meschino delle sue facoltà".

DONNE E QUOTA ROSA - Napolitano si è poi dilungato sul tema della rappresentanza femminile nelle istituzioni: "A vedere le piccoli percentuali di donne elette in Parlamento - sottolinea - in Italia cadono le braccia". Per i consigli di amministrazione delle aziende, ha spiegato, si è fatto ricorso alle quote rosa: "Un metodo sbrigativo ma efficace - taglia corto -, sarebbe meglio dare prove collettive di impegno". Per il Capo dello Stato, dare più spazio alle donne significa anche riconoscere i loro meriti: "Vorrà pur dire qualcosa il fatto che siano sempre di più le donne a vincere in maggioranza nei concorsi pubblici, anche nell'ultimo concorso in magistratura".

GUERRA IN LIBIA - Sul caso Libia, infine, Napolitano ha precisato che "l'Italia non ha dichiarato guerra a nessuno. Ritengo che non ci potessimo sottrarre all'interveno militare - ha spiegato - perché avviene sotto l'egida dell'Onu e nel Consiglio di sicurezza nessun Paese ha messo il veto, ma alcuni si sono astenuti", ha concluso.









Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gino45

    14 Maggio 2011 - 17:05

    Venerdi 13.05.2011, dalle ore 6 alle ore 8 del mattino Canale Italia 83 , programma Italia Oggi con telefonate degli ascoltatori e risposte di vari politici presenti conduttore dottor Vito Monaco. Sondaggio del giorno "Avete fiducia nel presidente Napolitano? Si o No? Risposta dai circa 400 sms inviati dal pubblico (tra i quali il mio). 81% NO. Il conduttore e gli ospiti presenti sono rimasti a bocca aperta non sapevano che dire. (E' una notizia che i lettori di libero dovrebbero sapere, li conforterebbe nelle loro opinioni su Napolitano)

    Report

    Rispondi

  • blu521

    13 Maggio 2011 - 16:04

    Si chiede se il comportamento di Napolitano sia o no conforme alla Costituzione. Poichè non la conosce sentenzia che stando alla Costituzione il Presidente non può e "non deve" fare politica. Non ci dice da quale parte sia questa tesi originale (un numero d'articolo non guasterebbe, a trovarlo), però l'idea di fondo è che lui si sente meglio rappresentato da uno che occupa il tempo in altre cose. Chissà come vanno le cose in famiglia.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    13 Maggio 2011 - 16:04

    Il federalismo non và bene? non andrà bene a te ed ai burocrati statali che non ci servono a nulla. A noi cittadini il federalismo serve eccome, ed è già stato tanto averlo fatto passare come legge. A migliorarlo c'è tempo, ma per farlo NON CI SERVONO I CHIACCHERONI GENERICI CHE DICONO MA NON DICONO, QUELLI CHE FANNO FACCIATA SENZA ENTRARE MAI NEL MERITO IN MODO DA NON SBAGLIARE MAI E FIGURARE COME BELLI E BUONI..... conosciamo già il giochetto ormai.

    Report

    Rispondi

  • Francesco U.

    13 Maggio 2011 - 15:03

    E tu in cosa saresti migliore di noi? Su, dai, facce ridere!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog